Amantea online

Le ultime notizie italiane tra cui notizie politiche, storie sportive, criminalità e titoli vaticani.

Zero de Hoodi: alcune opportunità per le squadre più piccole in Zero de Italia

“],” Filtro “:” nextExceptions “:” img, blockquote, div “,” nextContainsExceptions “:” img, blockquote “}}”>

Ecco una piccola domanda: qual è stata l’ultima squadra di secondo livello, non del World Tour, a vincere una tappa al Giro de Italy?

Facile no? Tim Merlier di Alpesin-Phoenix nella settimana di apertura di Zero 2021.

prima di ciò? Non così semplice.

Dall’introduzione del Prot 2005r nel 2005, da allora si è sviluppato nel World Tour, con il successo delle squadre seconde nella principale gara maschile d’élite che è l’eccezione piuttosto che la regola.

Leggi anche: Tim Merlier ottiene la vittoria nella Fase 2

Guardando indietro negli ultimi dieci anni a Zero, il successo di Merlier questa settimana è ancora più straordinario. Dal 2012 solo otto Zero Levels sono stati vinti da squadre non del World Tour.

“È difficile per le piccole squadre vincere”, ha detto Gianni Savio di Anthony Giocottoli-Cidermeck. “Dobbiamo battere queste squadre del World Tour e tutte vogliono vincere un punto. Sono forti, soprattutto dal punto di vista economico.

“La differenza tra il round mondiale e il livello successivo è enorme”, ha detto Savio. “Non abbiamo chip sulle spalle. Daremo tutto il possibile per raggiungere gli obiettivi. Non possiamo essere inaffidabili, ma questo non significa che non possiamo sognare”.

Leggi anche: Savio a caccia di nuovi sostenitori in vista di Zero de Italia 2021

La mancanza di vittorie corre in tutte le gare principali.

Non ha partecipato a nessun tour mondiale dalla creazione del Prot, r nel 2005, e due piloti non-World Tour – Gerard Ciolec sulla Milano-San Remo 2013 e Matthew van der Boyle sul Flanders Tour 2020 – ne hanno vinte cinque monumenti.

READ  Giro di Italia: Uno sguardo più da vicino alla nuovissima bici da cronometro De Rosa di Elijah Viviani

In pochi anni è riuscito a dare pugni sulle grandi piattaforme turistiche, ma il World Tour domina la vetta delle corse su strada maschili d’élite.

Ovviamente non dovrebbe essere una grande sorpresa. Le squadre del World Tour hanno più soldi, più risorse e più attrezzature per acquistare e addestrare i migliori ciclisti del mondo.

L’Elite Men’s Professional Race è una chiara storia di coloro che sono e di coloro che non lo sono.

Le migliori star del tour mondiale come Peter Sagan o Chris Froome guadagnano di più a stagione rispetto ai budget operativi completi di squadre più piccole come Anthony Giocottoli-Cidermec, sponsorizzato dall’Italia di Savio.

Con un budget operativo di oltre 45 milioni di dollari, gli Enios Grenadiers saranno alla pari con i budget di una buona parte di tutti i 19 secondi classificati nel 2021.

Con l’eccezione di Alpsin-Phoenix, che è finanziato con un budget equivalente ad alcune squadre del World Tour di livello inferiore, la maggior parte dei secondi classificati opera con un budget compreso tra $ 1,5 e $ 8 milioni.

Senza limiti di spesa o tetti salariali, le squadre del World Tour meglio finanziate possono continuare ad accumulare come desiderano.

I team secondari – precedentemente noti come Professional Continental ma ora chiamati Proteam nell’ultima iterazione – dovrebbero cercare i loro successi quando e dove possibile.

Una vittoria di tappa è un premio finale, ma le piccole squadre come Anthony Giocottoli-Cidermek di Savio spesso inseguono altri obiettivi.

READ  Squadre Giro de Italia 2021: Elenco completo dei corridori dopo la prima fase

L’anno scorso, la squadra di Savio ha vinto il titolo di “Hot Sprint” e ha fatto le tappe finali, oltre all’orgoglio di aver percorso più chilometri in zone frazionate.

Le truppe di Savio sono tornate sul palco venerdì, con la maglia centrale della prima squadra divisa di nuovo.

Dato che la maglia rosa sta ancora giocando, sarà chiaro che questo fine settimana sarà diviso.

Squadre come Savios saranno ancora appoggiate ai mulini a vento. Se spingi a lungo e con forza, a volte la ricompensa arriverà.

Chi ha recentemente vinto la Protem Platform in Zero?

Fosto Masnada nel 2019 Zero durante la corsa verso Savio. Ora fa parte del World Tour, correndo su questa Zero a sostegno di Remco Evenpoyal.

La magia della ‘Maglia Rosa’

Attila Walter sta scoprendo la magia Maglione rosa.

Grubma-FDJ si è goduto il suo primo giorno in rosa, ed è rimasto sorpreso quando si è reso conto che le persone che tifavano per la maglia lo stavano incoraggiando.

“Non me l’aspettavo”, ha detto. “Allora è venuto semplicemente alla nostra attenzione. Migliaia di persone hanno gridato sul ciglio della strada Camicia rosa, camicia rosa! “Ogni volta dovevo rendermi conto che ero io. Questa è davvero una sensazione che non riesco a spiegare. Ho sentito il mio nome molte volte. “

Walter è diventato il primo ungherese a indossare una maglia rosa e il primo giocatore a guidare un tour eccellente. Il suo record ha fatto notizia a casa.

Sarà spinto a mantenerlo questo fine settimana. Sia Evnepol che Egan Bernal (Enios Grenadiers) sono distanti meno di 20 secondi. La tappa di sabato si conclude con una finale al rialzo che potrebbe rivelarsi complicata, mentre il cambio di domenica scatenerà un’imboscata di livello.

READ  Cronwegan: Vado al Giro di Italia per vincere una tappa

“Per un pilota come me, essere in grado di assicurarsi una maglia in un grande tour è un grosso problema”, ha detto il 22enne. “Oggi siamo fortunati. Questa non è una fase molto difficile da controllare. Questo giorno abbiamo potuto goderci il tranquillo rosa. “

I social media che amiamo