Amantea online

Le ultime notizie italiane tra cui notizie politiche, storie sportive, criminalità e titoli vaticani.

Zaha Hadid Architects collabora con Hyperloop Italia per progettare i trasporti del futuro

Jaha Hadith Architects (ZHA) ha firmato un contratto Hyperloop Italia Per progettare insieme la sua prossima fase funziona.

Utilizzando la tecnologia di levitazione magnetica passiva alimentata da fonti rinnovabili, l’hyperloop stimola le capsule di passeggeri e merci a ridurre l’attrito attraverso tubi a bassa pressione, che richiedono una frazione dell’energia necessaria per sostenere i tradizionali modi di trasporto pubblico.

La combinazione con sistemi di frenatura che rigenerano energia da fonti rinnovabili ha il potenziale per produrre più energia di quella utilizzata dalle infrastrutture di Hyperloop, ha affermato ZHA in una nota. Le capsule passeggeri del climatizzatore viaggiano in tubi sigillati e non sono influenzate dalle condizioni esterne.

Zaha Hadid Architects (ZHA) e Hyperloop Italia progetteranno la sua prossima fase di lavoro in Italia.
Immagine © Tecnologie di trasporto Hyperloop

“Non vediamo l’ora di collaborare con Hyperloop Italia; coniugare architettura trasformativa, ingegneria e pianificazione urbana con una rete di trasporti altamente efficiente e sostenibile per migliorare significativamente l’accesso, la connettività e il benessere nelle nostre città”, ha affermato il preside della ZHA Patrick Schumacher.

“Condividiamo l’approccio diversificato di Hyperloop Italia, che integra le innovazioni nel design e nelle tecnologie operative con i progressi nell’eco-sounding e nelle pratiche di costruzione;

“Sappiamo che Zaha Hadid Architects è il partner perfetto per aiutare Hyperloop Italia a sviluppare l’eccellenza del design in architettura”, ha affermato Bipope Cresta, CEO di Hyperloop Italia. “L’esperienza decennale di Hyperloop Italia nelle infrastrutture civiche e di trasporto è essenziale per garantire che gli hub di trasporto siano istintivamente accessibili, sostenibili e completamente integrati nei loro ambienti urbani”.