Amantea online

Le ultime notizie italiane tra cui notizie politiche, storie sportive, criminalità e titoli vaticani.

Viasat FCC dà un ultimatum per fermare l’espansione di SpaceX Starlink

L’implementazione di Starlink di SpaceX potrebbe affrontare un nuovo ostacolo, con l’operatore satellitare Viasat che presenta una petizione alla Federal Communications Commission per impedire a Elon Musk di espandere la costellazione di trasmissioni Internet. Viasat, a sua volta fornitore di servizi Internet via satellite, ha accusato Starlink di essere un potenziale incubo ambientale, con SpaceX che prende di mira più di 4.400 satelliti in totale.

Starlink lavora con un gruppo di satelliti interconnessi in orbita attorno al pianeta – la cosiddetta costellazione – che comunicano con una parabola terrestre che ruota automaticamente per mantenere la griglia in linea di vista. Dopo l’espansione dalla beta chiusa iniziale, SpaceX afferma che ora ha più di 10.000 abbonati, con altri aggiunti poiché colma le lacune nella costellazione con lanci graduali.

Finora quest’anno, quasi 700 satelliti sono stati aggiunti alla costellazione Starlink, aumentando il numero totale appena a nord di 1.600. Tuttavia, ha anche cambiato la sua strategia di posizionamento. Originariamente, SpaceX prevedeva di avere 1584 satelliti in un’orbita di 550 km (342 miglia) e i restanti 2.825 satelliti molto più lontani, da 1100 a 1300 km (684-826 miglia) di distanza.

La situazione è cambiata all’inizio di quest’anno, poiché la Federal Communications Commission ha convenuto che SpaceX potrebbe mettere tutti i suoi satelliti in orbita più vicina. Questo è ciò di cui si lamenta Viasat, dopo aver sostenuto che l’emendamento post-emendamento concordato avrebbe dovuto innescare prima una valutazione ambientale. Si è unita a molti altri operatori satellitari Per lamentarsene Il piano Starlink trasferito “aumenterà notevolmente le interferenze con altri sistemi”.

Riteniamo che la FCC non sia riuscita a condurre una revisione ambientale richiesta dalla legge ai sensi della NEPA e non abbia rispettato l’impegno dell’amministrazione Biden Harris per un approccio basato sulla scienza per proteggere l’atmosfera, il clima e lo spazio della Terra e il benessere dei cittadini degli Stati Uniti autorizzando il lancio di migliaia di nuovi satelliti Starlink in orbita Low Ground “, ha dichiarato John Janka, Chief Global Government and Regulatory Officer di Viasat, Notizie dallo spazio. In quanto tale, abbiamo chiesto alla Commissione di sospendere il suo sistema fino a quando i tribunali federali non ne rivedranno la legalità “.

READ  I ricercatori suggeriscono di riutilizzare i sensori da tavolo per cercare la materia oscura

Viasat afferma di aver concesso alla FCC fino al 1 giugno per congelare l’espansione aggiuntiva di Starlink per SpaceX. L’azienda Aggiunta di ulteriori 52 satelliti Per la costellazione Starlink il 15 maggio e Starlink-28 sul razzo Falcon 9 è programmato per essere lanciato domani, 26 maggio. Questo trasporterà altri 60 satelliti nello spazio. SpaceX aveva precedentemente concordato nuove politiche con la NASA Sull’evitare collisioni orbitaliAnche se deve ancora affrontare le critiche audio degli astronomi su quanto sia invadente la costellazione per i telescopi terrestri.

Se la FCC sceglie di non sospendere i lanci di Starlink, Viasat afferma che chiederà una moratoria e una revisione dell’ordine modificato presso la Corte d’Appello degli Stati Uniti per il Circuito del Distretto di Columbia.

Viasat offre attualmente un servizio Internet via satellite negli Stati Uniti, sebbene i suoi piani non siano economici. Il servizio parte da $ 85 al mese per download a 12 Mbps, 30 Mbps è di circa $ 170 al mese Mentre i dati sono illimitati, Viasat rallenta dopo 40-100 GB di “dati ad alta velocità” a seconda del piano. Dati ad alta velocità “. Al contrario, Starlink offre attualmente 1 piano del valore di $ 99 al mese durante la sua prova corrente, senza limiti di dati; Tuttavia, avverte gli abbonati che il servizio può essere più lento o interrotto del tutto per periodi, a seconda di dove si trovano e delle lacune nella costellazione complessiva.