Amantea online

Le ultime notizie italiane tra cui notizie politiche, storie sportive, criminalità e titoli vaticani.

Una guida per i fan del carrello ai Montreal Canadiens

Quindi hai deciso di tapparti il ​​naso e cambiare squadra nelle prossime due settimane per supportare una squadra locale nelle finali della NHL. Congratulazioni! Ora sei un fan dei Montreal Canadiens.

Li chiami Habs, cominci a vestirti di rosso tutto il tempo e il calendario sul frigorifero è segnato con mazze da hockey nei giorni delle partite. I puristi alzano gli occhi al cielo e ti chiamano buggy, ma ehi, dopo l’anno di pandemia che abbiamo passato, i canadesi meritano un motivo per festeggiare, da costa a costa.

Ma come recente fan di Habs, ci sono alcune cose che vorrai sapere per l’estensione definitiva. Tieni questa guida a portata di mano con il browser in esecuzione Il portale di hockey online della CBC. Non vorrai perderti nulla.

#1: Radichi il perdente

Contro il campione in carica della Stanley Cup Tampa Bay Lightning, i lockup sono ufficialmente i perdenti. Tampa Bay è forte, veloce e agile. Sebbene lo Hab si sia sicuramente evoluto dall’inizio della stagione lo scorso autunno, stanno ancora giocando con una squadra meno esperta che non ha alzato il Santo Graal dell’hockey sui loro caschi. Inoltre, non dimenticare che Montreal è finita nella metà inferiore della sua normale stagione NHL.

N. 2: Carrie Price è la fenice della fiamma

Il portiere Carey Price attende con impazienza il gioco mentre si allena a Brossard, Que. , Domenica. (Graham Hughes/The Canadian Press)

Probabilmente il membro più importante della squadra, il portiere Carrie Price si è reinventato dopo una serie di critiche per essere stato un anello debole nella strategia difensiva della squadra a febbraio e marzo. Ha guadagnato $ 10,5 milioni in questa stagione, quei soldi non contano, ma molte persone si sono lamentate all’inizio dell’anno che non valevano quel prezzo.

Numero 3: Ragazzi di questi tempi…

Nick Suzuki, a sinistra, Gisbury Kotkanemi, al centro, e Cole Caufield, a destra, guardano dalla panchina durante l’allenamento a Broussard. (Graham Hughes/The Canadian Press)

I ragazzi di questi tempi sono fantastici: almeno tre canadesi quest’anno hanno appena l’età per noleggiare un’auto: Nick Suzuki ha 21 anni e Gisbury Kotkanyemi e Cole Caufield hanno entrambi 20. Suzuki e Coffield sono piccoli, veloci e precisi, come colibrì, e potrebbero essere armi segrete con cui Lightning non avrebbe la resistenza per tenere il passo. Gisbury, alias KK, non è piccolo: è alto sei piedi e due pollici.

N. 4: Quarta linea di veterinari

Eric Stahl, a sinistra, e Corey Perry sono stati visti nel dicembre 2009 quando erano tra i giocatori nominati per la squadra olimpica di hockey canadese. (stampa canadese)

La quarta linea di veterani come Corey Perry ed Eric Stahl, entrambi 36, porta profondità d’attacco e impatto fisico alle giocate complessive. Perry e Stahl hanno anche giocato insieme nella squadra di hockey maschile olimpica canadese nel 2009.

#5: Il COVID-19 sta avendo un grande impatto

L’ala destra dei Montreal Canadiens Joel Jeremiah combatte per il controllo del disco con il difensore dei Vancouver Canucks Queen Hughes a Vancouver, l’8 marzo. (Jonathan Hayward/The Canadian Press)

Non devi essere un grande fan per spezzarti un po’ il cuore per l’attaccante Joel Jeremiah, a cui è stato chiesto di partecipare alle finali a causa del protocollo COVID-19. La buona notizia è che da allora è stato assolto e viaggerà con un jet privato a Tampa, in Florida.

N. 6: Grande slitta da riempire

Non si può parlare di Price senza fare un cenno a Ken Dryden, il leggendario portiere degli Habs che nel 1971 permise a Montreal di produrre una sorpresa per secoli contro i Boston Bruins al primo turno e di vincere le Finals contro Chicago in sette partite. Dryden, che ora ha 73 anni, è stato anche membro del Parlamento in rappresentanza dello York Center dal 2004 al 2011.

N. 7: Molto tempo a venire

Montreal non è estranea alla Stanley Cup, ma non ha vinto quell’onore dal 1993, quando ha battuto i Los Angeles Kings. Se vincono di nuovo quest’anno, sarà il loro 25esimo torneo. La città è stata paziente e fedele al loro alloggio, e non troverai balli di strada come in nessun’altra città di hockey.

(CBC Notizie)

#8: Note di moda

Una piccola curiosità per i loro momenti autunnali: gli Habs sono conosciuti come Les Habitants, ma la H circondata dalla C sulle loro magliette è qualcos’altro; Il CH è stato utilizzato per la prima volta nella stagione 1917-18, per un club di hockey canadese.

#9: Al Canada manca Stanley

Nessuna squadra canadese ha vinto la Stanley Cup in 28 anni. C’è una ragione migliore di quella per unirsi al carrozzone?

I tifosi dei Montreal Canadiens festeggiano sul Boulevard Rene Levesque dopo la vittoria della squadra su Las Vegas agli straordinari giovedì scorso. (Peter McCabe/The Canadian Press)

READ  Chi potrebbe prendere i Buffalo Sabres #1 nel Draft NHL 2021? I valutatori identificano decine dei migliori candidati