Amantea online

Le ultime notizie italiane tra cui notizie politiche, storie sportive, criminalità e titoli vaticani.

Un raro paziente affetto da cervello potrebbe essere in grado di risolvere il dibattito sul dolore dei pesci

Gli scienziati hanno esaminato rari pazienti con danni cerebrali e hanno scoperto che le aree chiave del cervello che si ritiene siano essenziali per il dolore non sono effettivamente necessarie, minando così la chiave. Controversia Usato per negare il dolore nei pesci.

Arlington, TexasE il 27 aprile 2021 / CNW / – Taylor e Francis annunciano che un team multidisciplinare ha pubblicato un articolo sulla rivista Psicologia filosofica Questo può aiutare a risolvere la controversia che circonda il dolore dei pesci.

Dopo la scoperta dei recettori del dolore (recettori del dolore) nei pesci all’inizio degli anni 2000, gli scienziati hanno perseguito esperimenti comportamentali che sembravano mostrare che i pesci provano dolore. Tuttavia, alcuni ricercatori hanno evidenziato il fatto che i pesci mancano di specifiche regioni corticali (ACC e insula) associate al disagio emotivo del dolore o ad un “effetto dolore”.

Ma il paziente con un danno cerebrale, Roger, le cui aree cerebrali erano state distrutte dalla malattia, fu esaminato. Sorprendentemente, le sue sensazioni dolorose, incluso il disagio emotivo del dolore, non solo erano salutari, ma più sensibili della media. . Autore principale del nuovo articolo, Phil Halper, Ho capito che Roger e situazioni simili possono rappresentare una nuova finestra sperimentale nel mondo del dolore animale. La collaborazione è iniziata con due esperti che avevano inizialmente studiato Roger, il neuroscienziato David Rudruff e il filosofo Kenneth WillfordInsieme al mondo dei sistemi del dolore, Perry Fox. Il team ha esaminato il danno anatomico dettagliato in più studi, incluso Roger, e ha dimostrato che nessuna singola regione corticale sembra necessaria per influenzare il dolore. Questa scoperta supporta ciò che Rudorff chiama “neuroplasticità”, l’idea che il cervello possa utilizzare in modo flessibile più sistemi diversi per garantire alcune funzioni di base come l’effetto del dolore. Quindi l’affermazione che i pesci non sentono dolore a causa dell’assenza di ACC o insula può essere come concludere che non possono nuotare perché mancano di braccia e gambe.

READ  Gli scienziati affermano che gli squali usano il campo magnetico terrestre come sistema GPS

Altri hanno suggerito che, poiché i pazienti con una corteccia prefrontale (la cui corteccia prefrontale è stata recisa) riferiscono che il loro dolore non li disturba più, animali come i pesci privi di corteccia prefrontale potrebbero non trovare il dolore sgradevole. Ma il team ha scoperto che i risultati di queste operazioni erano stati interpretati male. La lobectomia riduceva l’ansia per il futuro, non il disagio dovuto al dolore. Il lobo frontale di Roger è stato in gran parte distrutto, ma il suo effetto sul dolore e la sua percezione di sé erano intatti, ancora una volta ha dimostrato che queste regioni corticali non sono necessarie per influenzare il dolore.

Sebbene lo studio non possa dimostrare che altri organismi provano dolore, ha dimostrato che gli argomenti basati sulla mancanza di specifiche regioni corticali per negare il dolore in altri animali, inclusi i pesci, appaiono sempre più inaccettabili. Seguendo le prove di precedenti studi sul comportamento e sui danni, questo capitolo sul lungo dibattito sul dolore dei pesci potrebbe chiudersi.

Il documento può essere trovato qui: https://www.tandfonline.com/doi/full/10.1080/09515089.2021.1914829

Titolo dell’autore corrispondente:

Kenneth Willford, professore associato e presidente del dipartimento di filosofia e scienze umane

Al di fuori Arlington

E-mail: [email protected]

Foto correlate

blenny-by-will-clark.jpg
Plinio Will Clark
Plinio fotografato Will Clark

fonte Taylor e Francis Online