Amantea online

Le ultime notizie italiane tra cui notizie politiche, storie sportive, criminalità e titoli vaticani.

Shenzhou-12: la Cina lancia i primi astronauti per la nuova stazione spaziale | notizie spaziali

La navicella spaziale è decollata alle 01:22 GMT di giovedì dalla Cina nordoccidentale per spingere il programma spaziale del paese a rivaleggiare con gli Stati Uniti.

La Cina ha lanciato con successo Shenzhou 12 – la sua prima missione con equipaggio in cinque anni – accelerando ulteriormente il suo programma spaziale per rivaleggiare con gli Stati Uniti.

Shenzhou-12, che significa “nave divina”, è decollato giovedì alle 01:22 GMT circa dal Centro di lancio satellitare di Jiuquan nel nord-ovest della Cina, secondo la trasmissione video in diretta della televisione di stato, CCTV.

Il lancio è stato effettuato con un razzo vettore Long March-2F.

La navicella trasportava tre astronauti maschi: Ni Hai Sheng, Liu Beoming e Tang Hongbo.

Nel video in diretta della CCTV, due dei tre astronauti hanno fatto un gesto della mano “OK” mentre Shenzhou attraversava l’atmosfera terrestre e dopo la separazione critica dei quattro booster.

Gli astronauti cinesi Tang Hongbo, Ni Hesheng e Liu Beoming parlano prima del lancio del razzo Long March-2 FY12 che trasporta la navicella spaziale Shenzhou-12 e i tre astronauti giovedì. [Carlos Garcia Rawlins/Reuters]

“Il volo è stato molto fluido”, ha detto Chen Shanguang, vicedirettore del programma spaziale cinese con equipaggio.

“Questo è il primo passo. Ci sono molte sfide davanti”.

Dopo essere entrata in orbita, l’astronave condurrà un “appuntamento con il robot e attraccherà con il modulo centrale della stazione spaziale orbitante Tianhe”, secondo CCTV.

Gli astronauti saranno di stanza nell’unità base e rimarranno in orbita per tre mesi.

Forza spaziale maggiore entro il 2030

Gao Xu, vicedirettore del progettista di Shenzhou-12, è stato citato dal Global Times di proprietà statale per aver affermato che lo sviluppo del veicolo spaziale con equipaggio ha seguito “i più alti standard nell’industria spaziale del paese”.

READ  L'arresto dell'uomo bianco che ha spinto il suo vicino di colore in un discorso razzista

Shenzhou-12 consiste di tre divisioni: un’unità orbitale, un’unità di ritorno e un’unità di spinta, e ha 14 sottosistemi a bordo.

In un’intervista con il Global Times, Zhao ha definito l’astronave una “nave della vita”, poiché non solo trasporterà i tre astronauti al modulo centrale orbitale di Tianhe, ma si prevede che li riporterà anche sulla Terra in circa 90 giorni .

In un’intervista con Al Jazeera, Jonty Horner, un esperto di spazio dell’Università australiana del South Queensland, ha affermato che i progressi compiuti dal programma cinese sono “sorprendenti”.

“Penso che la Cina, negli ultimi 12 mesi, si sia davvero messa in prima linea e al centro dell’esplorazione spaziale”, ha detto, osservando il successo di Pechino nel suo primo tentativo di inviare un aereo con equipaggio nello spazio, osservando che anche il paese ha avuto la sua prima missione su Marte in settimane.

La Cina ha iniziato a costruire la stazione spaziale quest’anno con il lancio di Tianhe, il primo e il più grande dei tre moduli della stazione, alla fine di aprile.

Ni, della provincia centrale di Hubei ed ex pilota dell’aeronautica militare, è il comandante della missione.

Shenzhou-12 è il terzo volo spaziale di Li, dopo la missione Shenzhou-6 nel 2005 e la missione Shenzhou-10 nel 2013, secondo l’agenzia di stampa Xinhua.

Questa è la seconda missione di Liu nello spazio, e la sua prima è stata Shenzhou-7 nel 2008, che prevedeva una passeggiata nello spazio. È il primo viaggio di Tang nello spazio.

READ  La comunità delle scuole superiori alternative si preoccupa per i tagli alla facoltà di TDSB

L’ultima missione di volo con equipaggio cinese è stata nel 2016 quando due uomini – Chen Dong e Jing Haiping – sono stati inviati tramite la navicella spaziale Shenzhou-11 a Tiangong-2, un prototipo di stazione spaziale dove sono rimasti in seguito per circa un mese.

Pechino punta a far diventare il Paese una grande potenza spaziale entro il 2030, trasformando lo spazio nell’ultima frontiera della sua competizione con gli Stati Uniti.

A maggio, la Cina è diventata il secondo paese a mettere un veicolo spaziale su Marte, due anni dopo che il primo veicolo spaziale è atterrato sul lato opposto della luna.