Amantea online

Le ultime notizie italiane tra cui notizie politiche, storie sportive, criminalità e titoli vaticani.

Robert Maranto: I legami che uniscono

Il 4 luglio dobbiamo ricordare che, come scriveva Benedict Anderson, una nazione come l’America è una società immaginaria perché i cittadini non si conoscono personalmente, al contrario di una comunità reale come una famiglia o un gruppo religioso, i cui membri sanno e cura personalmente. un altro.

Ma i legami nazionali sono collegati. Gli americani a volte vogliono aumentare le tasse per aiutare i loro concittadini che non hanno mai incontrato, anche per morire per loro.

L’ho visto in giovane età in quanto mia madre e mio padre vedessero l’America in modo diverso, nonostante la loro razza comune. I miei genitori erano figli di immigrati siciliani, poi chiamati (o talvolta ironicamente) chiamati WOP, abbreviazione di “paperless”, riferendosi ai tanti italiani immigrati clandestinamente.

Mia madre era in fondo una Sicilia, diffidente nei confronti delle persone che non conosceva personalmente e distaccata dall’America fuori Baltimora. Quando mi sono trasferito in Minnesota per gli studi universitari, mia madre considerava il Midwest un paese straniero come la Siberia. Anche mia madre cercava le connessioni italiane nel modo più bizzarro. Alla fine ho incontrato mia moglie, sulla base del pio desiderio di mia madre, ma ha insistito tollerabilmente, “Sai che la ragazza ha un po’ di WOP in lei”.

Mio padre era americano. Pagava le tasse anche se poteva evaderle. Come impiegato delle poste, era orgoglioso del fatto che, a differenza della Sicilia, in America, non devi presentarti alle poste per ottenere il servizio. A quel tempo insegnavano le scuole patriottiche americane, così mio padre imparò a venerare George Washington, e non il patriota italiano Giuseppe Garibaldi. Questo divenne rilevante nella seconda guerra mondiale quando mio padre ei suoi fratelli si arruolarono nell’esercito degli Stati Uniti per combattere l’Italia ei suoi alleati dell’Asse. Un fratello morì durante l’invasione della Normandia.

READ  NB Rapporto COVID-19: il 43,5% della popolazione ammissibile è stato completamente vaccinato, nessun nuovo caso

I fratelli Maranto erano orgogliosi della loro eredità siciliana, ma gli americani erano i pisani.

La comune identità americana non era cosa da poco. Nel profondo del XX secolo, il termine “razza” si riferiva a diverse nazionalità europee come italiane o irlandesi nelle politiche di governo e nella vita economica e sociale. Negli anni ’40, quando alcune delle mie relazioni sposarono per la prima volta non italiani, mi fu detto che era un affare molto più grande di quanto non fosse negli anni ’80, quando alcuni sposarono per la prima volta degli afroamericani.

L’identità nazionale americana e la fede nella nazione e nelle sue istituzioni hanno spesso trasceso la razza. Negli anni ’30, quando una spiaggia vicina conteneva un cartello che diceva, negli insulti razziali ormai non stampabili di quell’epoca, non erano ammessi italiani, ebrei o neri, Jedi Maranto considerava il proprietario un idiota, non un vero americano.

Comunque, il nonno aveva già acquistato la sua proprietà sul mare e lì aveva costruito la sua casa. Quando i funzionari corrotti della contea hanno tentato di derubare questa casa per presunto mancato pagamento delle tasse, il nonno ha presentato le ricevute e ha minacciato un’azione legale, dopo di che si sono tirati indietro. Non avrebbe mai più funzionato in Sicilia, e lui lo sapeva.

Allo stesso modo, il merito spesso superava la razza sul posto di lavoro. In un’epoca in cui le differenze razziali significavano molto più di oggi, la carriera di mio padre come direttore delle poste era promossa dai presidenti ebrei e neri come dagli italiani, perché riceveva la posta. Il duro lavoro di mio padre ha dato i suoi frutti, e non era così in Sicilia, nemmeno in tutta l’America.

READ  DBRA Morningstar mantiene invariato il rating del credito dell'Italia a BBB (alto)

Si vede un vantaggio nell’università pubblica incentrata sull’ingegneria che frequenta mio figlio, l’Università del Texas-Dallas. Meno di un terzo degli studenti UTD sono bianchi; Invece, la maggior parte di loro ha radici moderne nell’Asia meridionale, nell’Asia orientale o in America Latina. Questi nuovi americani amano l’America perché, attraverso l’esperienza personale e le storie familiari, conoscono le alternative.

Apprezzano l’America come un posto dove non devi corrompere la polizia o temere i terroristi. Le strade funzionano, la criminalità è abbastanza bassa, Internet funziona e le persone di tutte le razze tendono ad essere ragionevolmente amichevoli, nonostante le eccezioni occasionali come quelle incontrate dai miei Jedi.

Come mio padre, gli americani di prima e seconda generazione imparano ad amare l’America attraverso l’esperienza personale: hanno un paese antico da confrontare.

Ma rispetto ai miei genitori, è meno probabile che imparino l’amore per l’America dalle scuole o dai politici, che invece amplificano i mali e le divisioni nazionali.

A volte temo che mentre alcuni dei miei compatrioti di destra si siano arresi per errore agli immigrati, alcuni dei miei connazionali di sinistra abbiano erroneamente abbandonato l’America, un’idea che fa riflettere sul 245° anniversario della nostra società immaginaria.


Robert Maranto è il presidente della leadership del 21° secolo presso il Dipartimento di riforma dell’istruzione presso l’Università dell’Arkansas e ha lavorato nel governo nazionale e locale. Queste opinioni sono solo sue.