Amantea online

Le ultime notizie italiane tra cui notizie politiche, storie sportive, criminalità e titoli vaticani.

Ridurre le divisioni digitali in Italia con “Digitally e Uguali”

L’Italia è il Paese europeo che ha chiuso le scuole più longeve per prevenire l’epidemia di Covit-19: più di 130 giorni da marzo 2020. Ma il divario digitale brilla in Italia. In media un terzo delle famiglie italiane non possiede un computer e il 40% delle famiglie del sud del Paese.

I fondi pubblici non bastano per ridurlo. La scorsa settimana, una collezione nazionale “Digitale ed equivalente” Lanciato da diverse organizzazioni di media e enti di beneficenza.

“Da quando abbiamo iniziato questa iniziativa, il risultato è stato impressionante, il che è un buon segno. In soli 10 giorni, più di 1.400 scuole hanno contattato i responsabili. Questo indica oggettivamente la necessità di un computer. Enorme staff di studenti. In uno paese, il fatto che la gente abbia pagato 10, 15 o 50 euro per permettere a questi bambini piccoli di studiare a casa mostra un certo valore Il cristianesimo sociale è profondamente radicato nel paese. Spiega Marricio Molinari, direttore del quotidiano “La Repubblica”.

La scuola che abbiamo visitato a Roma ha potuto ordinare 10 personal computer per l’iniziativa “Digital e Uguali”.

CIRCUITO INTEGRATO. Tulia Aurelio, professoressa a Montalcini, spiega che lo è _ “In alcuni casi, quando le famiglie con più di un figlio si fidano di un solo laptop, il singolo dispositivo viene utilizzato da uno dei genitori che lavorano a casa.” _

Poi ci sono i problemi di connessione: “Abbiamo visto gli studenti effettivamente scomparire quando prendevano lezioni a distanza perché avevano problemi a registrarsi e a seguire le lezioni”.

In alcuni casi, le famiglie si rivolgono anche alle organizzazioni locali per chiedere aiuto. Scienziati informatici senza limiti Per la riparazione sono stati utilizzati personal computer, che vengono poi donati alle famiglie bisognose.

READ  GWC Italia si unisce a Marshall Rodeno Associates e Valve Products

Ricardo Molinetti è uscito con un computer che dice che suo figlio di 10 anni sta ancora seguendo le lezioni sullo smartphone:

“Poiché uso il telefono di mia moglie o il mio, la connessione veniva interrotta ogni volta che ricevevamo chiamate. Mio figlio doveva mettere in pausa la lezione ogni volta e riconnettersi. È molto difficile.”

Oggi più che mai, il digital divide è una questione europea e la digitalizzazione delle economie è uno dei pilastri principali del Fondo europeo di ripresa economica.

“Entro il 2026, il governo di Drake ha annunciato che tutti avranno una connettività WiFi ad alta velocità … Questa è una lunga attesa. Penso che debba essere fatto sempre più velocemente a causa dei contenuti in circolazione. Le aziende sono molto competitive a livello internazionale . “ Spiega Marricio Molinari, direttore del quotidiano “La Repubblica”.

Finché ci vorrà, tutti credono che sarà veloce e l’epidemia costringe l’Italia a lavorare – e imparare di più – in modo più digitale.