Amantea online

Le ultime notizie italiane tra cui notizie politiche, storie sportive, criminalità e titoli vaticani.

Reimposizione delle restrizioni COVID a Melbourne dopo cinque casi rilevati | Notizie sulla pandemia di coronavirus

Le autorità della seconda città australiana affermano che le restrizioni rimarranno in vigore fino al 4 giugno, mentre si sforzano di trovare una fonte di nuove infezioni.

Melbourne, la seconda città più grande dell’Australia, ha reimpostato le restrizioni COVID-19 mentre le autorità cercavano di trovare l’anello mancante in un nuovo focolaio nel nord della città che è salito a cinque.

Le riunioni in casa saranno limitate a cinque persone e solo 30 persone saranno ammesse alle riunioni pubbliche e le maschere per il viso saranno obbligatorie all’interno dalle 18:00 ora locale (08:00 GMT) da martedì al 4 giugno.

“Questo è un passo responsabile che dobbiamo compiere per affrontare questa epidemia”, ha detto ai giornalisti a Melbourne James Merlino, Primo ministro ad interim dello stato del Victoria.

Gli ultimi casi arrivano quasi tre mesi dopo che lo stato ha riferito che non c’erano casi.

Il Victoria è stato lo stato più colpito durante la seconda ondata di Coronavirus lo scorso anno, rappresentando quasi il 70% di tutti i casi e il 90% dei decessi in Australia, con case di cura gravemente colpite. Il paese è riuscito a controllare l’epidemia solo dopo uno dei blocchi più lunghi e duri al mondo.

Merlino ha detto martedì che un nuovo caso acquisito localmente è stato segnalato a Melbourne, un giorno dopo che quattro casi sono stati segnalati in città.

Tutti e cinque i casi coinvolgono una famiglia che vive in diverse case e sono stati rintracciati attraverso il genoma del virus a una variante trovata in un viaggiatore all’estero che è tornato a Melbourne all’inizio di questo mese dopo aver completato una quarantena ad Adelaide.

READ  I vigili del fuoco di Chicago salvano un pappagallo dal bordo dell'edificio per uffici - Notizie dal mondo

Tuttavia, le autorità stanno ancora lavorando per scoprire come i membri della famiglia hanno contratto il virus dal viaggiatore esterno.

L’ultimo caso riguardava un uomo sulla sessantina.

L’Australian Broadcasting Corporation (ABC) ha citato Merlino come dicendo: “Soprattutto, ha riferito la comparsa dei sintomi prima che i sintomi apparissero sul caso, il che significa che questa potrebbe essere una possibile fonte della condizione”. Il direttore sanitario Brett Sutton ha detto che l’uomo potrebbe essere “l’anello mancante”.

A migliaia di persone è stato ordinato di autoisolarsi e sottoporsi ai test COVID-19, con allarmi sanitari emessi da molte località, dai trasporti pubblici ai ristoranti e ai centri commerciali.

Un caso era di alta carica virale mentre stava visitando alcuni luoghi, spingendo le autorità ad avvertire i cinque milioni di residenti di Melbourne di prepararsi per casi più positivi nei prossimi giorni.

Le ore sono state estese nei siti di test COVID-19 per far fronte al previsto aumento della domanda.

Sistemi di tracciamento rapido, restrizioni di movimento e allontanamento sociale hanno aiutato l’Australia a contenere l’epidemia di COVID-19, con poco più di 30.000 casi e 910 decessi registrati dall’inizio della pandemia.