Amantea online

Le ultime notizie italiane tra cui notizie politiche, storie sportive, criminalità e titoli vaticani.

Perché l’economia italiana ha smesso di crescere

Newswise – Nell’ultimo quarto di secolo, l’economia italiana è stata pressoché stagnante, non a causa di shock commerciali, governo povero, problemi del mercato del lavoro o mancanza di progresso tecnologico, ma a causa dello stile di gestione che sta frenando il paese , secondo una ricerca coautrice di un professore di finanza. Bruno Pellegrino Presso la Robert H. Smith School of Business dell’Università del Maryland.

Pellegrino e Luigi Zingales dell’Università di Chicago studiano il problema della produttività in Italia inDiagnosi di malattia italianaUn documento di lavoro per il National Bureau of Economic Research. Il documento è stato recentemente pubblicato in Bloomberg Articolo di opinione. Gli scienziati hanno esaminato il motivo per cui l’economia italiana ha improvvisamente smesso di crescere a metà degli anni ’90, un calvario che si è rivelato sconcertante e incoerente con le teorie standard sulla crescita economica.

I ricercatori hanno utilizzato dati di settore e aziendali per sradicare la barriera che limita la produttività dell’Italia. Quando hanno esaminato i settori industriali nell’Unione europea, sono stati in grado di escludere diverse possibili spiegazioni: ciò non era dovuto a una mancanza di accumulazione di capitale, né derivava dagli shock commerciali seguiti all’introduzione dell’euro o all’ingresso della Cina il mondo. Organizzazione commerciale. Non ci sono state grandi perturbazioni istituzionali per spiegare il declino, considerando che nel 1996 e nel decennio successivo l’Italia ha registrato tassi di interesse e inflazione bassi e stabili, nonché il governo più longevo dalla Seconda Guerra Mondiale.

Pellegrino e Zingales hanno spostato l’attenzione sul panorama competitivo a metà degli anni ’90: cosa è successo dopo? Incentrato sulla rivoluzione tecnologica. Nel 1995, la tecnologia dell’informazione stava decollando. Ma le aziende in Italia non stavano beneficiando appieno dell’aumento, non perché non investissero in tecnologia, ma perché non avevano i manager e i dipendenti giusti per applicarlo.

READ  Il G7 sta per affrontare le tasse imposte alle più grandi società del mondo

I ricercatori hanno utilizzato questionari di esperti rilasciati dal World Economic Forum per analizzare come i diversi paesi hanno reclutato e promosso i manager. E hanno scoperto che la produttività è cresciuta più rapidamente nei settori ad alta intensità di tecnologia nei paesi in cui le aziende hanno maggiori probabilità di selezionare, promuovere e premiare le persone sulla base del merito. Hanno classificato i paesi in base al loro grado di merito e l’Italia si è classificata ultima. I paesi che hanno ottenuto il punteggio più alto in termini di merito (Svezia e altri paesi nordici, Stati Uniti e Giappone) hanno anche registrato i maggiori picchi di produttività, grazie alla rivoluzione tecnologica.

In Italia, le aziende usano spesso favoritismi e clientelismo per determinare chi sta facendo domanda. Prima dell’avvento della tecnologia, hanno detto i ricercatori, questo stile di gestione non danneggiava l’economia italiana. Ma con il decollo della tecnologia dell’informazione, questa pratica diffusa di premiare la lealtà rispetto alle competenze ha impedito alla sua economia di crescere, costando al paese dal 13% al 16% in termini di crescita della produttività.

Utilizzando i dati di risposta di un ampio sondaggio sulle aziende manifatturiere europee, Pellegrino e Zingales hanno creato una scala aziendale di pratiche di gestione del merito che riflettevano le pratiche organizzative effettive dell’azienda. Nelle aziende italiane, i familiari del presidente o gli amici intimi hanno maggiori probabilità di salire la scala.

“Utilizzando i nostri dati, sottolineiamo il fatto che le aziende italiane sono particolarmente propense a scegliere e premiare i propri manager sulla base della lealtà e delle relazioni, piuttosto che sulla performance”, scrivono i ricercatori.

Allora perché l’Italia è rimasta indietro rispetto ai suoi pari nell’adozione di pratiche di gestione basate sul merito? I ricercatori affermano che la ragione di ciò è che la gestione basata sulla fedeltà ha maggiori vantaggi in Italia che in altri paesi sviluppati.

READ  Nonostante le scarse prospettive, meno del 5% delle aziende di Toronto è in bancarotta, ma cosa succede quando gli aiuti statali vengono tagliati?

Pellegrino e Zingales hanno scritto: “Tra i paesi sviluppati, l’Italia si distingue nel suo settore bancario basato sul clientelismo, il suo sistema legale inefficace e la prevalenza di evasione fiscale e tangenti”. Quindi, una spiegazione ragionevole è che è all’inizio [technology] Rivoluzione, l’Italia si è trovata con una classe amministrativa che ben si adattava al suo ambiente locale, ma non era in grado di sfruttare appieno le nuove tecnologie disponibili. “

Pellegrino e Zingales hanno smesso di prescrivere un trattamento per il problema, affermando che in Italia ci sono compromessi per approcci gestionali più meritori.

“Dato questo dilemma e il fatto che le istituzioni statali sono difficili da cambiare radicalmente, l’Italia sembra essere un ammonimento dell’importanza di costruire istituzioni che non siano semplicemente appropriate in un singolo momento storico, ma siano anche compatibili con un ritmo del progresso tecnologico . “