Amantea online

Le ultime notizie italiane tra cui notizie politiche, storie sportive, criminalità e titoli vaticani.

Perché ci sono chiamate per indagare sulla teoria delle perdite del laboratorio di Wuhan? | Notizie sulla pandemia del virus corona

C’è un crescente sostegno pubblico tra la comunità scientifica mondiale per la piena esplorazione della possibilità che il coronavirus sia emerso dall’Istituto di virologia di Wuhan, che ha portato allo scoppio globale della malattia che ha ucciso più di 3,7 milioni di persone in tutto il mondo.

La teoria della fuga di laboratorio è stata ampiamente emarginata nel discorso scientifico pubblico nei primi giorni dell’epidemia, dopo che i primi casi di COVID-19, la malattia causata dal virus, sono stati confermati nella città cinese nel dicembre 2019.

Nei mesi successivi, affermano gli osservatori, l’ipotesi si è insidiosamente intrecciata con la sgargiante retorica anti-cinese dell’ex presidente degli Stati Uniti Donald Trump e l’inquadratura xenofoba della pandemia, causando un apparente effetto raggelante nella comunità scientifica.

“La domanda se l’incidente di laboratorio sia stato l’origine, bloccato in questo contesto altamente politicizzato”, ha detto ad Al Jazeera J. Stephen Morrison, direttore del Center for Global Health Policy presso il Center for Strategic and International Studies.

Quando Trump ha usato la questione come parte di una campagna anti-Cina e anti-Asia, le persone non volevano essere associate a questo. E così hanno mantenuto le distanze”.

Il notevole aumento del sostegno pubblico per un’indagine completa sulla teoria segue uno studio sulla salute globale commissionato dall’Organizzazione mondiale della sanità (OMS) a Wuhan, che è stato ridicolizzato da molte potenze occidentali e eminenti scienziati come del tutto inadeguato e dipendente dai dati raccolti. da funzionari cinesi.

Il rapporto di febbraio affermava che era “altamente probabile” che il virus fosse emerso attraverso la trasmissione zoonotica naturale, o la trasmissione da animale a uomo, mentre concludeva che la teoria trapelata accidentalmente da un laboratorio era “altamente improbabile”. La Cina ha ripetutamente negato che il laboratorio sia responsabile della fuga di virus.

I virologi e gli scienziati in campi correlati che sono consapevoli della possibilità che il virus sia trapelato da un laboratorio a Wuhan e supportano un’indagine completa e trasparente, differiscono notevolmente nella probabilità di entrambi gli scenari.

Molti sostengono che la teoria secondo cui l’epidemia è iniziata trasferendo un animale in un essere umano rimane più probabile. Altri dicono che non ci sono prove dirette disponibili per dire che uno scenario è più probabile di un altro. Un’altra controversia è se il sequenziamento del genoma del virus impedisca la manipolazione umana in laboratorio.

Tuttavia, l’ultimo cambiamento di prospettiva include Anthony Fauci, il massimo esperto di malattie infettive del governo degli Stati Uniti, che ha ampiamente respinto l’idea l’anno scorso, affermando che la scienza “suggerisce fortemente” che il virus sia emerso naturalmente.

READ  I vigili del fuoco di Chicago salvano un pappagallo dal bordo dell'edificio per uffici - Notizie dal mondo

Più di recente, ha affermato di “non essere convinto” che il virus non sia emerso da un laboratorio a Wuhan e ha sostenuto ulteriori indagini.

La scorsa settimana, in una rara dichiarazione pubblica che descriveva in dettaglio il pensiero della comunità dell’intelligence statunitense e chiedeva ulteriori indagini, il presidente Joe Biden ha affermato che le agenzie “si sono unite a due possibili scenari”: il trasporto di animali e la fuga accidentale del laboratorio di Wuhan.

“Mentre due componenti della (comunità dell’intelligence) sono propensi al primo scenario (origine animale) e l’altro più orientato al secondo (fuga di laboratorio) – ogni elemento ha una confidenza bassa o media – la maggior parte degli elementi non crede che ci sia informazioni sufficienti, ha affermato la dichiarazione, che è stata citata direttamente Parti di un rapporto di intelligence che non è stato reso pubblico.

Il 30 maggio, il Sunday Times ha riferito che i funzionari dell’intelligence britannica avevano cambiato opinione sulla fuga accidentale del laboratorio di Wuhan, definendola “possibile”.

Entrambi rimangono vitali.

Poco è cambiato in termini di prove scientifiche da quando la sequenza del genoma del virus è stata rilasciata per la prima volta nel gennaio del 2020, ha affermato Richard Ebright, professore di chimica e biologia chimica alla Rutgers University.

Ha detto che “non esiste una base sicura per assegnare le probabilità relative dell’ipotesi dell’incidente naturale (da animale all’uomo) e dell’ipotesi dell’incidente di laboratorio”.

“In particolare, tutti i dati scientifici relativi alla sequenza del genoma di SARS-CoV-2 e all’epidemiologia di COVID-19 sono ugualmente compatibili con l’origine di un incidente naturale o con l’origine di un incidente di laboratorio”, ha affermato in una e-mail a Al Jazeera. . “Questo era già evidente a gennaio 2020 ed è stato evidente in ogni momento da gennaio 2020 ad oggi”.

Ebright, uno dei 21 scienziati internazionali che hanno illustrato come dovrebbe essere un’indagine “interdisciplinare” completa a Wuhan in lettera aperta A marzo, ha affermato che l’origine del coronavirus “può essere risolta solo da un’indagine penale, non da speculazioni scientifiche”.

Nel frattempo, diversi scienziati hanno affermato di ritenere ancora improbabile che gli esseri umani abbiano manipolato il virus prima dell’epidemia. Robert Garry, un microbiologo della Tulane University, che ha fatto parte di uno studio del marzo 2020 che ha affermato che il virus probabilmente ha avuto origine dalla natura, ha dichiarato a NPR alla fine di maggio che pensa che le prove siano ancora a favore di questo.

READ  Un incendio spento in una petroliera al largo della Siria | Notizie sulla guerra siriana

“Sono più convinto che mai che questo sia un virus naturale”, ha detto all’agenzia di stampa.

Il 14 maggio 18 massimi biologi hanno studiato l’epidemia pubblicare una lettera Sulla rivista Science chiede ulteriori indagini, affermando che il “rilascio accidentale dal laboratorio e le ramificazioni delle zoonosi sono entrambi ancora possibili” scenari di origine.

Gli esperti hanno criticato l’indagine dell’OMS, affermando che le due teorie non fornivano uno “studio equilibrato” mentre osservavano che solo quattro delle 313 pagine del rapporto trattavano della possibilità di un incidente di laboratorio.

prove circostanziali

Altri hanno citato prove circostanziali che sostengono supportano entrambe le teorie.

Nel caso della teoria zoonotica, i virologi hanno da tempo notato che un mercato della fauna selvatica a Wuhan, dove un’ampia varietà di animali esotici veniva venduta in spazi ristretti, sarebbe un luogo ideale per la diffusione di malattie zoonotiche, responsabili delle epidemie di coronavirus. in passato, inclusi Questi includono i coronavirus che hanno causato la precedente epidemia di SARS e MERS-CoV. Potrebbero volerci anni per trovare le specie responsabili della diffusione di questi virus.

Nel frattempo, Shi Jingli, uno scienziato senior presso l’Istituto di virologia di Wuhan, ha scritto in una dichiarazione su Science lo scorso luglio che era impossibile per il virus uscire dal suo laboratorio, affermando che il suo team “non aveva mai contattato o studiato questo virus” e tutto il resto. i test erano negativi per gli anticorpi del coronavirus, tuttavia, all’epoca indicavano che il laboratorio non aveva sequenziato i genomi su tutti i campioni di virus raccolti.

Per supportare la teoria di una perdita accidentale di laboratorio, gli osservatori lo hanno fatto indicava L’ampio studio sui nuovi virus dei pipistrelli presso l’Istituto di virologia di Wuhan e il Centro di Wuhan per il controllo e la prevenzione delle malattie (WHCDC), rilevando che il primo era noto per avere il virus conosciuto più vicino al coronavirus che ha causato l’attuale epidemia; controversia su domande valide sugli standard di sicurezza dei laboratori; Notando che le autorità cinesi avevano nascosto le informazioni durante l’epidemia.

Lo hanno fatto anche alcuni funzionari dell’intelligence Ha detto Ha messo in dubbio la trasparenza della cosiddetta ricerca “gain-a-job” condotta in Cina, che potrebbe comportare intenzionalmente l’aumento della trasmissibilità del virus per studiare come si è evoluto.

Il 23 maggio Il Wall Street Journal ha riferito, Che tre ricercatori dell’Istituto di virologia di Wuhan hanno sviluppato abbastanza sintomi simili a COVID-19 da richiedere un trattamento ospedaliero nel novembre 2019. Gli scettici notano che le malattie si sono verificate durante la normale stagione influenzale.

READ  Il rapporto dell'Unione europea afferma che Russia e Cina mirano a fidarsi dei vaccini occidentali

Giovedì, Fauci ha invitato la Cina a rilasciare le cartelle cliniche di questi ricercatori.

Cambio di gestione

Tuttavia, John Lieber, amministratore delegato degli Stati Uniti di Eurasia Group, una società di consulenza sul rischio politico, ha affermato che il più grande cambiamento nell’accettazione della possibilità della teoria delle perdite di laboratorio è stato un cambiamento nell’amministrazione degli Stati Uniti, affermando che la mancanza di credibilità di Trump ha avuto un effetto raggelante. sugli scienziati e ha alimentato “punti ciechi e pregiudizi”.

“Compresi i social media, che hanno impedito a più account di parlarne su Twitter e Facebook o di segnalare persone che pagano per fuorviare”, ha detto ad Al Jazeera. “Penso che il vero fallimento da parte della comunità scientifica, dei media e di altri sia stato l’incapacità di prenderlo sul serio perché non gli piaceva il messaggero”.

La scorsa settimana, un portavoce di Facebook ha affermato che la società “non rimuoverà più l’affermazione secondo cui il COVID-19 è creato dall’uomo dalle nostre app”. Il portavoce ha affermato che la decisione è stata presa “alla luce delle indagini in corso sull’origine del COVID-19 e in consultazione con esperti di salute pubblica”.

Tuttavia, Lieber ha affermato che il cambiamento di opinione non dovrebbe essere visto come una giustificazione per l’amministrazione Trump.

“È un completo fallimento della Casa Bianca di Trump”, ha detto. “Se avessero avuto una qualche credibilità, se avessero avuto il potere di convincere chiunque di qualcosa, sarebbero stati in grado di sfatare questa come una storia di origine legittima un anno fa”.

Per Biden, la decisione di rilasciare una dichiarazione che richiede ulteriori indagini ha uno scopo interno: non apparire “debole nei confronti della Cina” e precludere le critiche repubblicane alle elezioni del Congresso del 2022, ha affermato Matthew Burroughs, direttore del Consiglio Atlantico di Foresight’s Strategy e Iniziativa di rischio.

Nel frattempo, ha affermato che il rilascio della dichiarazione durante l’Assemblea mondiale della sanità mette nuovamente Pechino – e l’Organizzazione mondiale della sanità – sotto osservazione.

“Gli Stati Uniti stanno tornando ad essere un attore nell’Organizzazione mondiale della sanità”, ha aggiunto Burroughs. “Quindi penso che vogliano indurire l’OMS a non piegarsi troppo verso la Cina”.