Amantea online

Le ultime notizie italiane tra cui notizie politiche, storie sportive, criminalità e titoli vaticani.

Nicolo Giro de Italia raccoglie la Maglia Ciclamino dopo aver morso il secondo chiodo nel 5 ° round

Continua la squadra Asos (www.TeamQhubeka.com) Il velocista Giacomo Nisolo ha conquistato un altro secondo posto all’arrivo di tappa del Giro de Italia, dopo che Caleb Evan si era schierato nella quinta tappa a Catolica.

I campioni d’Europa e d’Italia sono arrivati ​​secondi anche nel secondo round della gara, quindi il risultato di oggi mostra che è in testa alla classifica, quindi non si terrà. Maglia ciclamino Giovedì nella sesta fase.

Dopo un’apertura molto tranquilla della distanza di 150 km del giorno di gara, i 7 km tecnici finali, come previsto, hanno richiesto un ottimo lavoro di squadra per mantenere Nisolo nel finale. L’italiano ha visto la sua occasione ed è stato chiaro sulla sinistra che solo l’uomo di Lotto-Soudal è stato battuto in quella linea.

Quel risultato è valso a Nissolo l’undicesimo secondo in carriera su una piattaforma nelle corse, dove ha anche vinto punti nel 2015 e nel 2016.

Il resto della squadra si è portato a casa sano e salvo, chiudendo al 18 ° posto assoluto nella classifica generale di Dominico Bozovio.

Giacomo Nisolo

Il finale di oggi è molto tecnico, penso di aver fatto un buon passo, ma sono tornato contro qualcuno più forte di me e spero di vincere la prossima volta.

Come squadra oggi abbiamo fatto meglio, avevamo un piano migliore e abbiamo cercato di farlo. Alla fine ho chiesto ai ragazzi di starmi vicino perché potevo prendermi cura di me stesso in curva e tutti hanno fatto quello che chiedevo. Sono così orgoglioso di loro e con questo approccio possiamo aspettarci il prossimo passo. Questo tipo di decisione parla del lavoro di squadra nel nostro campo e del grande spirito che vuole combattere l’un l’altro.

Vorrei ringraziare tutti i tifosi della squadra per il loro supporto. Spero di dare loro una vittoria di tappa la prossima volta.

Hendrik Redent – Direttore sportivo

READ  Atlanta e Napoli stanno abusando del Milan

I ragazzi hanno un grande spirito e lavorano molto duramente. Dopo la gara in rettilineo di 150 km abbiamo assistito ad una finale molto emozionante dalla città di Rimini, ma hanno fatto tutto quello che è stato detto al meeting di questa mattina: essere davanti, prendere le rotonde come volevamo farle … ottimo lavoro.

4,5 km da percorrere. In lontananza era un posto molto difficile, molto pericoloso, ma tutti erano ancora in buone condizioni. Nisolo ha preso una buona decisione di prendere la ruota di Tim Merlier, era ancora veloce e forte, e poi ha avuto un problema. Alla fine Caleb è velocissimo, ci batte sul traguardo, per lui è stata una vittoria meritata, nessun rimpianto. Eravamo vicini, sperando di poter passare al livello successivo la prossima volta.

I Raiders hanno sollevato le più grandi speranze da oggi. Poi, quando ho parlato con loro, li ho ringraziati per aver seguito le linee guida del nostro team e il loro impegno, che è un grande incoraggiamento per tutti noi. Guardando Giacomo, tutto quel duro lavoro non è niente, ottiene la maglia dei punti, quindi possono essere orgogliosi.

Non vediamo l’ora di avere più opportunità ora!

Fornito da APO Team per conto del Team Quebec Asos.

Contatto per i media:
Jean Smith (Responsabile della comunicazione)
E-mail: jean@ryder.co.za
Cellulare: +27 63 4701 1710 o +31 625 739 033

Informazioni su Team Quebec Asos:
Continua la squadra Asos Un team deciso e ad alte prestazioni che si sforza di vincere sulla piattaforma più grande del mondo, per ispirare fiducia e creare opportunità. Fondato nel 2007, il gruppo è il Quebec Asos (Prima NDT Pro Cycling) è diventata la prima squadra a guidare una bicicletta africana FIA Licenza World Tour, 2016.

READ  Telecom Italia cerca di eliminare le Hawaii dalla rete 5G italiana: fonti

Abbiamo avuto la nostra prima grande vittoria nel 2013 quando Gerald Ciolec ha vinto la Milano-Sanremo, uno dei cinque monumenti del ciclismo. Abbiamo partecipato a sei Tour de France e abbiamo ottenuto 7 vittorie di livello, con Mark Cavendish che indossava l’apprezzabile maglia gialla al Tour de France 2016.

Siamo un gruppo multiculturale e diversificato con sedi in Sud Africa, Paesi Bassi e Italia. 19 nazioni sono rappresentate nei nostri elenchi del World Tour e del Continental Feeder Team. Grazie alla nostra attenzione al ciclismo africano, più di 55 ciclisti provenienti da tutto il continente africano hanno avuto l’opportunità di correre sul palcoscenico mondiale sin dall’inizio.

Attraverso il nostro rapporto con la Quebec Charity competiamo per aiutare le persone ad andare avanti con le biciclette. Attraverso il nostro lavoro con il Quebec, abbiamo contribuito alla distribuzione di oltre 30.000 biciclette alle comunità in Sud Africa.

Sto per continuare:
Il Quebec è un ente di beneficenza che porta avanti le persone con le biciclette. Attraverso i nostri programmi le persone guadagnano biciclette e migliorano l’accesso a scuole, cliniche e posti di lavoro.

La bicicletta è uno strumento che consente alle persone di viaggiare più velocemente e di più e di trasportarne di più. Di fronte a una povertà estrema e persistente, le biciclette possono cambiare la vita aiutandole ad affrontare le sfide socioeconomiche al livello più elementare, aiutando le persone ad arrivare dove devono andare.

Tutte le immagini allegate al comunicato stampa possono essere utilizzate insieme a questo comunicato con il rispettivo credito di immagine.