Amantea online

Le ultime notizie italiane tra cui notizie politiche, storie sportive, criminalità e titoli vaticani.

Netflix si riferisce a una svolta nella televisione italiana, ma indica anche disordini etnici

Le mamme sono speciali

La serie Netflix “Zero”, presentata in anteprima mondiale il mese scorso, è la prima produzione televisiva italiana a presentare una troupe nera, un punto luminoso in una desolante scena televisiva italiana in cui l’uso costante di linguaggio e immagini razzisti scatena nuove proteste.

Anche se “Zero” rivoluziona la storia della televisione italiana, le squadre di commedie di reti private stanno affermando il loro diritto di usare insulti razziali e fare gesti obliqui come satira. La principale stazione radio statale, la RAI, è sotto accusa per aver tentato di censurare le dichiarazioni di un rapper italiano che evidenziano l’omofobia di un partito politico di destra. Sotto la pressione esterna, la RAI sconsiglia – ma non il divieto assoluto – l’uso di blackface in vari sketch.

Mentre le tensioni culturali aumentano, gli eroi di “Zero” sperano che la serie – che si concentra sugli italiani neri di seconda generazione ed è basata su un romanzo del figlio di immigrati angolani – contribuirà ad accelerare l’accettazione da parte dell’opinione pubblica che l’Italia è diventata un paese multiculturale.

“Dico sempre che l’Italia è un paese legato alla tradizione, più che razzista”, ha detto Antonio Decelli Distefano, che ha co-sceneggiato la serie e focalizza i suoi sei romanzi, compreso quello da cui è tratto il brano “Zero”. Figli di immigrati in Italia.

Ha detto: “Sono convinto che attraverso queste cose – scrivere romanzi, essere in grado di fare una serie – le cose possono cambiare”.

Zero è una trasformazione radicale perché fornisce modelli di ruolo per i giovani italiani neri che non si sono visti riflessi nella cultura, e perché apre una finestra ai cambiamenti nella società italiana che non sono riconosciuti da fasce della maggioranza della popolazione.

READ  Il ghiaccio italiano di Rita allo Staten Island Mall offre un servizio di ritiro durante la pandemia | Sì, è aperto

Gli attivisti che combattono il razzismo sulla TV italiana sottolineano il fatto che è stato sviluppato da Netflix, con sede negli Stati Uniti con l’impegno a spendere $ 100 milioni per migliorare la diversità, non attraverso la televisione pubblica o privata italiana.

“Da nera italiana, non mi sono mai vista come un’attrice sulla TV italiana. O meglio, ho visto esempi di come le donne di colore siano state eccessivamente sessualizzate?”, Ha detto Sarah Limlim, un’attivista e giornalista, parte di un gruppo di secondi -generation italiani che protestano contro le metafore razziali nella TV italiana: “Non c’era una donna nera nel ruolo quotidiano: una studentessa nera, un’infermiera nera e un’insegnante nera. Non mi vedevo rappresentato nel paese in cui sono nato e cresciuto “.

“Zero”, che è stato presentato in anteprima il 21 aprile, appare immediatamente tra i primi 10 programmi in streaming su Netflix in Italia.

Forse più indicativo del suo impatto: l’attore principale, Giuseppe Dave Secchi, è stato aggredito una settimana dopo da scolari italiani che chiedevano autografi mentre rilasciavano un’intervista nel quartiere di Milano dove si svolge la serie. Seki, 25 anni, cresciuto a Padova da genitori congolesi, non è un nome familiare in Italia. “Zero” è stata la sua prima incursione nella recitazione.

“Se chiedi a quei ragazzi che stanno di fronte a loro, non te lo diranno mai: il primo attore nero italiano. Guardando la scena con soggezione, ti diranno ‘Supereroe’, o diranno, Dave, ‘” disse Dekel Distefano.

Nella serie, Zero è il soprannome di un fattorino di pizzaiolo nero italiano che scopre di avere dei superpoteri che gli permettono di diventare invisibile. Lo usa per aiutare i suoi amici nel quartiere di razza mista di Milano.

READ  Oroscopo giornaliero: 16 aprile

È una manipolazione diretta della nozione di scomparsa che era alla base delle proteste di Black Lives Matter scoppiate nelle piazze italiane la scorsa estate dopo l’omicidio di George Floyd negli Stati Uniti. Gli italiani neri si sono mobilitati per apportare modifiche alla legge sulla nazionalità del paese e per essere riconosciuti come parte di una società in cui spesso si sentono emarginati.

“Quando un giovane non si sente visibile, si sente un po ‘invisibile”, ha detto Seki. “Spero che questa serie aiuti le persone che si sono sentite come me o come Antonio … potrebbero esserci molte persone che non hanno trovato qualcuno simile a loro, e vivono ancora con quell’angoscia”.

Il movimento di protesta è passato dal prendere di mira la moda italiana, poiché gli errori razziali hanno evidenziato la carenza di lavoratori neri creativi, alla TV italiana, dove un movimento che si fa chiamare CambieRAI ha organizzato proteste il mese scorso chiedendo alla televisione statale e privata italiana di smettere di usare il linguaggio razzista e un nero affrontare nei drammi.

CambieRAI suona con il nome della televisione di stato italiana, RAI, e ha comandato che la lingua italiana “cambierà”. Il movimento, che riunisce italiani di seconda generazione provenienti da numerose associazioni, vuole anche che la RAI – finanziata da canoni annuali obbligatori per chi possiede una TV in Italia – crei un comitato consultivo su diversità e inclusione.

La scorsa settimana, la RAI ha finalmente risposto a una precedente richiesta di altri prestigiosi gruppi che chiedevano loro di interrompere la trasmissione di programmi usando la faccia nera, citando clip comiche in cui gli artisti scuriscono la loro pelle per impersonare cantanti come Beyoncé o Galli, un rapper italiano di origine tunisina.

READ  David Di Donatello, Presidente Pera Detasis sul cinema italiano

“Ci siamo scusati e ci siamo impegnati formalmente a informare tutti i nostri redattori per aver chiesto loro di non usare più la faccia nera”, ha detto all’Associated Press Giovanni Parabini, direttore delle questioni sociali della RAI. Ha detto che era il più lontano possibile a causa della libertà di liberazione.

Le associazioni hanno affermato di considerare positivo l’impegno, anche se non all’altezza del divieto richiesto, con la RAI che almeno ha riconosciuto che l’uso della faccia nera era un problema.

Tuttavia, Parabeni ha detto che la rete pubblica non ha accolto le critiche di CambieRAI “perché ciò significherebbe che in tutti questi anni la RAI non ha fatto nulla per la fusione”.

Ha notato che la rete non era stata invitata dagli organizzatori e ha incorporato programmi che includevano minoranze, da un’emittente sportiva nata in Gambia conosciuta come Idris negli anni ’90 ai piani per un festival televisivo a luglio con la seconda generazione di italiani.

Dekel Distefano gli ha detto che l’obiettivo non era bandire il linguaggio razzista, descrivendolo come una “battaglia persa”. Vede la sua arte come un agente di cambiamento.

Ora sta lavorando a un film in cui mira ad avere il 70% del cast e della troupe italiana di seconda generazione. Ha notato che “Zero” ha effettivamente contribuito a creare posizioni nel settore per un parrucchiere nero, sceneggiatore nero e regista di origini arabe e italiane.

“La battaglia è vivere in un luogo dove tutti abbiamo le stesse opportunità, dove ci sono più scrittori di neri, asiatici e sudamericani, dove c’è la possibilità di raccontare storie dal punto di vista di chi le vive”, Egli ha detto.