Amantea online

Le ultime notizie italiane tra cui notizie politiche, storie sportive, criminalità e titoli vaticani.

Marotta dice che l’Inter deve tagliare gli stipendi per sopravvivere all’infezione da COVID-19

15 maggio (Reuters) – L’amministratore delegato dell’Inter Giuseppe Marotta ha detto che il club italiano deve ridurre i suoi salari per mantenere la sostenibilità della sua attività di fronte alle difficoltà finanziarie causate dalla pandemia COVID-19.

L’Inter ha vinto il titolo di Serie A per la prima volta in 11 anni all’inizio di maggio, ma i media italiani dicono che ai giocatori e ai dipendenti è stato chiesto di sacrificare due mesi di stipendio per alleviare la situazione economica.

“Il fenomeno COVID-19 ha colpito duramente un’azienda già difficile da sostenere”, ha detto Marotta al TG3.

“L’obiettivo principale ora è ridurre i costi, e quindi anche ridurre i salari, che hanno un grande impatto, e quindi dobbiamo sfruttare al massimo le risorse a nostra disposizione”.

La Repubblica ha riferito giovedì che i giocatori e lo staff dell’Inter hanno respinto una petizione del presidente del club Stephen Chang per rinunciare a due mesi di stipendio.

Una fonte a conoscenza della vicenda ha confermato la notizia a Reuters.

Marotta ha detto qui all’inizio di maggio che i proprietari dell’Inter, il gigante cinese del retail Suning, stavano cercando un partner per iniettare nuovi soldi nel club.

Ora ha lasciato intendere che il club non spenderà grandi somme nel prossimo periodo di mercato estivo.

“Garantiremo la massima dedizione e faremo del nostro meglio per raggiungere nuovi obiettivi”, ha detto.

“L’equazione secondo cui chi spende di più vince non è sempre corretta”.

L’Inter è stata una delle tre squadre italiane che hanno preso parte al fallito progetto Europa League il mese scorso, insieme a Milan e Juventus.

Il campionato separatista è crollato entro 48 ore dopo che la maggior parte dei club fondatori, compresa l’Inter, si è ritirata a seguito di una reazione pubblica.

READ  Nessun importante indice azionario del G7 si allinea agli obiettivi climatici di Parigi

Tuttavia, Marotta ha sottolineato che credeva che l’attuale modello di calcio richiedesse un rinnovamento.

“Il divario tra le squadre italiane e inglesi è abbastanza evidente – ha detto – Non è un caso che la finale di Champions League sia stata tra due squadre inglesi e il Manchester United sia in finale di European League”.

“Siamo ancora un po ‘indietro rispetto alle prestazioni dei primi anni 2000, che hanno visto l’emergere di club italiani al vertice.

“Abbiamo del lavoro da fare, ma anche il modello necessita di una revisione”. (Preparato da Alasdair Mackenzie; Montaggio di Hugh Lawson)