Amantea online

Le ultime notizie italiane tra cui notizie politiche, storie sportive, criminalità e titoli vaticani.

Marciaski Giro de Italia, affetto da sintomi cronici del governo, è partito

La sua squadra ha annunciato che il Giro de Italia era stato espulso dal polacco Tomas Marquiszki dopo aver sofferto di sintomi governativi a lungo termine.

Marxiski non è andato ieri per l’inizio della nona fase del Grand Tour, che i corridori hanno completato il percorso di 158 chilometri da Castell de Sangro a Combo Belize.

Il team Lotto Soudal ha confermato che un medico della squadra aveva escluso Marchiaski dalla gara per motivi di sicurezza e che dovevano essere effettuati esami medici.

Il gruppo ha scritto che “lo stage 9 @ non era @TMarczynski all’inizio di Giroditalia” Twitter.

“Tomas lotta con i sintomi neurologici post-covidi: mal di testa, insonnia, vertigini e problemi di coordinazione.

“Il medico del team Morton Mirhage ha deciso di espellerlo per motivi di sicurezza e per ulteriori accertamenti”.

Si dice che Marxiasky abbia firmato il COVID-19 cinque mesi fa.

La corsa polacca è attualmente inalterata e testata negativamente prima della partenza del Giro d’Italia.

La stragrande maggioranza delle persone infette da COVID-19 può guarire completamente entro 12 settimane, sebbene siano stati segnalati effetti a lungo termine del virus.

I sintomi associati a COVID prolungato includono mal di testa e affaticamento.

Marxiski spera di tornare presto alle corse.

“Mi dispiace lasciare Giroditalia e lasciare la mia squadra, ma allo stesso tempo sono molto grato alla mia squadra, O Lotto, per avermi supportato questa volta”, ha detto Marxi.

“Spero di tornare tra poche settimane.”

Nessun test positivo per COVID-19 è stato registrato tra i corridori prima della gara di quest’anno, mentre nessun caso è stato segnalato nei test PCR del secondo round.

I piloti dovrebbero essere testati dopo la tappa di oggi, così come nel primo giorno di riposo della gara di domani.

READ  Nibali conferma di aver guidato il Giro di Italia tre settimane dopo la frattura del polso

Gli organizzatori sperano di ripetere la gara dello scorso anno, che ha visto i team Mitchellton-Scott e Jumbo-Wisma ritirare i propri piloti dalla gara dopo un test positivo.

Il britannico Simon Yates, uno dei favoriti pre-gara, è stato costretto al ritiro lo scorso anno.

È avvenuto nell’ottobre 2020 dopo essere stato costretto a invertire il fenomeno epidemico.