Amantea online

Le ultime notizie italiane tra cui notizie politiche, storie sportive, criminalità e titoli vaticani.

L’Italia offre un pacchetto di stimoli da 32 miliardi di dollari per estendere l’embargo

ROMA (Reuters) – Il governo italiano ha svelato venerdì il suo pacchetto di stimoli da 32 32 miliardi volto a sostenere l’economia colpita dalla sanità, in particolare ampliando le misure di disoccupazione temporanea e fornendo sussidi alle società regolamentate. .

Queste nuove spese, comprese le risorse aggiuntive per il sistema sanitario, erano già previste nel precedente bilancio del governo, che avrebbe dovuto dimettersi nel gennaio 2021.

Questo aiuto finanziario sta arrivando in modo tempestivo agli ospedali italiani, che attualmente stanno affrontando un’ondata di infezioni e morti per il virus corona.

Secondo una bozza di decreto discussa da Reuters, il presidente del Consiglio italiano Mario Draghi intende estendere il divieto di licenziamento, che dovrebbe terminare il 31 marzo, entro la fine di giugno, che dovrà essere approvato dal suo gabinetto venerdì.

Il divieto di licenziamento è stato introdotto lo scorso anno e le misure di blocco hanno costretto aziende e negozi a chiudere per prevenire l’aumento della disoccupazione.

Una parte dei 32 miliardi sarà utilizzata per ampliare le misure straordinarie per la disoccupazione temporanea tra aprile e dicembre. Tuttavia, secondo il piano, le aziende possono beneficiare di questa assistenza solo se non tagliano i posti di lavoro.

Con queste ultime misure, l’Italia ha ora approvato quasi 200 miliardi di dollari di spesa aggiuntiva dall’inizio dell’eruzione nel febbraio 2020.

Mario Draghi ha anche promesso che le nuove misure di stimolo saranno seguite ad aprile, poiché nuove misure normative sono state imposte in gran parte del paese, che porteranno il deficit di bilancio dal 9,5% al ​​10% entro il 2021, ha detto un alto funzionario del ministero delle Finanze. .

READ  Anteprima - Rally Italia Sardegna

Questo aumento del disavanzo aumenterà anche il più grande debito pubblico dell’Italia, il secondo più alto in Europa dopo la Grecia, raggiungendo il 155,6% del PIL entro la fine del 2020.

(A cura di Barbara Louis, edizione francese di Laura Marcioro, Jean-Michel Bellot)