Amantea online

Le ultime notizie italiane tra cui notizie politiche, storie sportive, criminalità e titoli vaticani.

L’economia di New York è la peggiore d’America

Scritto da Anneken Tappe, CNN Business

L’economia americana sta lentamente tornando alla normalità. Ma la ripresa rimane irregolare e alcuni stati sono in ritardo nella corsa per tornare alla forza pre-pandemia, in particolare New York.

Sebbene le economie di molti paesi si siano già completamente riprese, e Piuttosto, è superiore – I loro livelli di attività economica prima di Covid, New York è di gran lunga il paese con le prestazioni peggiori, secondo Indicatore tornato alla normalità Creato da CNN Business e Moody’s Analytics.

L’indice mostra che l’economia statunitense nel suo insieme è tornata alla normalità del 93% al 18 giugno. Ma New York era solo all’83%, lasciandola alla massima distanza per tornare alla forma pre-Covid.

New York non è l’unico stato a scendere sotto il 90%, anche se cade in fondo alla lista.

Quanto è grave l’Empire State rispetto agli altri 49 stati?

Nel 2019, prima del colpo di Covid, New York aveva la terza economia più forte tra gli Stati Uniti, dietro solo a Texas e California. Il PIL del paese – la misura più ampia dell’attività economica – è stato di quasi $ 1,8 trilioni, alla pari con quello italiano. Più di 1 trilione di dollari Da ciò è derivata l’attività economica a New York City. Lo stato ha contribuito per oltre l’8% del PIL americano quell’anno.

Nel 2020, il PIL di New York è sceso a 1,7 trilioni di dollari. Potrebbe non sembrare una grande differenza, ma qui abbiamo a che fare con trilioni di dollari. Quando i paesi che sono potenze economiche sottoperformano, non è fantastico per la ripresa dell’intera nazione.

READ  Ola porterà l'e-scooter sul mercato internazionale con questa tassa

Il PIL di New York è diminuito del 5,9% lo scorso anno, un calo maggiore di Il PIL degli Stati Uniti ha sofferto, metterlo in numero 47 Tra tutti i 50 stati di crescita economica.

Il stato del lavoro Sembra peggio. Con un tasso di disoccupazione del 7,8%, New York ha uno dei tassi di disoccupazione più alti del paese. La disoccupazione negli Stati Uniti nel suo complesso è pari a 6,1% ad aprile e cadde a 5,8% a maggio.

Perché New York è in ritardo?

Il fattore più grande è la portata della devastazione economica che New York City ha subito al culmine della pandemia, quando era l’epicentro dell’epidemia. Ciò ha portato a protocolli di blocco più severi rispetto ad altre parti del paese.

Inoltre, l’economia di New York City è fortemente dipendente dalle industrie guidate dai servizi. Ma gli uffici sono ancora per lo più vuoti e solo alcuni lavoratori sono in movimento. Questa è una brutta notizia per le caffetterie, le lavanderie a secco e i locali per il brunch che supportano l’infrastruttura dell’ufficio.

“Ciò che è più specifico per New York sono anche i viaggi d’affari e il turismo che si sono appena fermati”, ha affermato Matt Collier, economista di Moody’s Analytics. Non è chiaro quando questi viaggiatori torneranno.

E le sfide non finiscono qui: secondo Collier, una componente dell’indice di ritorno alla normalità che ostacola maggiormente New York è la carenza di commensali. Lo stato è ancora inferiore del 40% rispetto ai volumi di consumo prima della pandemia, mentre la nazione nel suo insieme è diminuita solo del 13%.

READ  La Russia riprende i voli con Italia, Stati Uniti e altri Paesi - affari ed economia

“Penso che con New York che ha revocato le sue restrizioni la scorsa settimana, mi aspetto di colmare parte di quel divario”, ha detto Collier a CNN Business.

Il paese è stato più cauto della maggior parte degli altri nell’eliminare le restrizioni per evitare un nuovo focolaio del virus. Ma l’impatto economico imposto sarà un fattore per qualche tempo.

Cavo della CNN
™ & © 2021 Cable News Network, Inc. , una società della WarnerMedia. Tutti i diritti riservati.