Amantea online

Le ultime notizie italiane tra cui notizie politiche, storie sportive, criminalità e titoli vaticani.

L’aumento dei casi che cambiano richiede chiamate per ritardare la riapertura del Regno Unito

Un aereo passeggeri diretto a Heathrow sorvola i tetti di Hounslow, Londra, sotto una traiettoria di volo internazionale.

È uno dei punti caldi della Gran Bretagna per la variante COVID-19 in rapida diffusione nota come variante delta, o B.1.617.2, che è stata trovata per la prima volta in India e si ritiene sia arrivata nel Regno Unito tramite un passeggero aereo.

La variante è ora considerata il ceppo dominante in Inghilterra e per combatterla, le comunità in cui il virus ha avuto epidemie hanno lanciato test di massa per il coronavirus e intensificato le campagne di vaccinazione.

“Eravamo molto impegnati, la mattina presto alle 8 avevamo più di 250 persone in fila”, ha detto Darshan Singh.

È un volontario in una clinica di vaccinazione temporanea allestita a Gurdwara Sri Guru Singh Sabha, un tempio sikh dove chiunque può venire a farsi un’iniezione senza appuntamento.

“Le persone stanno diventando più consapevoli e c’è molta copertura mediatica. Le persone sono preoccupate e sono appena arrivate”, ha detto Singh.

“Le persone sono preoccupate e sono appena arrivate”, ha detto Darshan Singh, un volontario in una delle poche cliniche di vaccinazione pop-up del paese. (Fernando Moreno/CBC)

Negli ultimi giorni, il numero di nuove infezioni da COVID-19 nel Regno Unito ha superato quota 5.000, un numero che non si vedeva da marzo. I casi della variante sono aumentati da 5.472 a 12.431 la scorsa settimana, secondo Public Health England.

A Lake, una città nel nord dell’Inghilterra, quasi 1.000 studenti e personale si stanno autoisolando dopo le epidemie in due scuole e un college.

Si consiglia alle persone che vivono in aree con maggiore incidenza della variabile di socializzare all’aperto e di limitare gli spostamenti, se possibile, sebbene non vi siano restrizioni al movimento di per sé.

Il Regno Unito è all’inizio di un’altra ondata di pandemia?

“Il [variant] Ha anche queste caratteristiche che possono consentirgli di passare da una persona all’altra più velocemente, motivo per cui siamo tutti preoccupati”, ha affermato Ravi Gupta, professore di microbiologia clinica presso l’Università di Cambridge.

Dice che il Regno Unito è nelle prime fasi di una terza ondata e che il governo deve ritardare la sua prossima fase di riapertura, prevista per il 21 giugno in Inghilterra.

Ravi Gupta, professore di microbiologia clinica presso l’Università di Cambridge, ha invitato il governo a ritardare la revoca delle restrizioni COVID-19. Dice che la capacità di adattarsi alle nuove varianti di COVID-19 sta rendendo il Regno Unito vulnerabile, nonostante gli sforzi di vaccinazione. (Istituto africano di ricerca sanitaria)

L’Inghilterra è attualmente nella terza fase di riapertura, che consente cene all’aperto e al coperto, teatri e cinema di aprire incontri all’aperto in grandi gruppi e al chiuso in piccoli gruppi.

La quarta tappa vedrà la fine di tutte le restrizioni sui social media e il ritorno di discoteche, grandi eventi e grandi matrimoni. Il governo afferma che utilizzerà test e altre tecniche per ridurre il rischio di infezione.

Alcuni centri di vaccinazione pop-up in Inghilterra hanno iniziato a fornire vaccini senza appuntamento nel tentativo di vaccinare l’intera popolazione adulta il più rapidamente possibile. (Fernando Moreno/CBC)

Le preoccupazioni hanno portato a un parziale ritiro dei viaggi internazionali dall’Inghilterra. A maggio, ai residenti è stato permesso di viaggiare in 12 paesi senza dover mettere in quarantena al ritorno. C’erano speranze che altri paesi sarebbero stati aggiunti all’elenco; Invece, giovedì è stato rimosso il Portogallo.

Quanto sono efficaci i vaccini?

Un recente studio di Public Health England ha scoperto che i vaccini sono efficaci contro la variante delta dopo due dosi; E il 50% degli adulti britannici ha ricevuto entrambi.

dice Gupta, che fa parte del New and Emerging Respiratory Virus Threats Advisory Group, che consiglia il governo

Gupta prevede che questa ondata probabilmente non sarà pericolosa come la precedente, causata dalla variabile alfa, o B.1.1.7, che è stata rilevata per la prima volta nel Regno Unito nel novembre 2020.

“Ma il problema, nel nostro sistema sanitario, è che il morale è davvero basso. Le persone sono stressate, e anche se fosse un quarto di quello che era prima, sarebbe comunque troppo”.

Ma non tutti gli studiosi concordano sul fatto che il governo dovrebbe cambiare rotta adesso.

Sir John Bell è un immunologo e professore di medicina all’Università di Oxford e consigliere del governo.

“Penso che dobbiamo avere un certo equilibrio nella discussione e tenere d’occhio la grave malattia che stiamo cercando di prevenire”, ha detto Bell in un’intervista al programma Today di BBC Radio 4.

Dice che è più importante tenere d’occhio i ricoveri ospedalieri e i numeri dei decessi che il numero dei casi.

Il ricovero in ospedale ha visto un leggero aumento, ma per la prima volta dalla pandemia, il Regno Unito ha avuto un giorno questa settimana senza decessi.

“Se ci precipitiamo in una tana di coniglio ogni volta che vediamo una nuova specie, andremo molto lontano”, ha detto Bell alla BBC.

Le restrizioni di blocco in Inghilterra sono state allentate in fasi, con il prossimo annuncio di regole più leggere il 21 giugno. (Jason Kerndof/Reuters)

Il primo ministro britannico Boris Johnson ha dichiarato durante un’intervista al numero 10 di Downing Street che “al momento non vede nulla nei dati, il che significa che non possiamo andare avanti con la fase 4 dell’apertura”.

Johnson ha affermato che i funzionari della sanità pubblica hanno sempre saputo che ci sarebbe stato un aumento dei tassi di infezione dopo i primi tre passaggi fuori dal blocco. Ha detto che gli scienziati del governo stanno esaminando modelli per determinare quanto siano efficaci i vaccini contro la variante delta, ma per ora “i dati sono ancora ambigui”.

Il governo non è abbastanza veloce per rispondere

“Hanno una storia di ritardi nelle decisioni”, ha detto frustrato Steve Curran, un consulente di Hounslow.

Dice che il governo è responsabile del decollo variabile, in quanto non ha interrotto i voli dall’India abbastanza presto.

“In realtà hanno messo il Pakistan e il Bangladesh nella lista rossa e avrebbero dovuto fare lo stesso per l’India in quel momento”, ha detto, riferendosi al ritardo di due settimane nel vietare i voli dall’India.

Il cancelliere Steve Curran, leader dell’Hounslow Council nella zona ovest di Londra, afferma che cercare di limitare i viaggi per la sua comunità è quasi impossibile. Rappresenta la città che contiene Heathrow, uno degli aeroporti più trafficati del mondo. (Fernando Moreno/CBC)

Dice che ascoltare questi boom è stato difficile non solo a causa della mancanza di comunicazione da parte di alti funzionari del governo, ma anche perché le persone sono pronte ad andare avanti con le loro vite.

Ha detto della loro capacità di sopprimere questa alternativa: “Tutti vogliono uscire. Vogliono andare in vacanza, divertirsi, ma dobbiamo stare attenti. Sono ottimista”.

Una sensazione simile si può sentire tra le persone che ricevono il vaccino a Hounslow. Jane Akenhead, una locale, afferma che, nonostante la notizia, è più ottimista sul futuro che in qualsiasi altro momento della pandemia.

Ma, dice, se c’è qualche possibilità che vengano imposte restrizioni locali nelle aree di epidemia o un ritorno a qualsiasi modello di blocco, il governo dovrà affrontare una sfida.

“Non lo so nemmeno [if] “Le persone continueranno a farlo se tornano ora”, ha detto. “Penso che la gente sia finita adesso”.

Guarda | In che modo alcune comunità del Regno Unito stanno affrontando il boom di nuove variabili?

La rinascita di COVID-19 nel Regno Unito è collegata al ceppo B1617 che è stato trovato per la prima volta in India e ha sollevato timori che potrebbe ritardare i piani per uscire dal blocco. 1:56

READ  Chiede che l'India si chiuda a crescere a causa dell'aggravarsi della crisi COVID | Notizie sulla pandemia di coronavirus