Amantea online

Le ultime notizie italiane tra cui notizie politiche, storie sportive, criminalità e titoli vaticani.

L’atmosfera esterna del sole “inimmaginabilmente calda” può raggiungere temperature sorprendenti di 1,7 milioni di gradi Fahrenheit.

Lo studio ha scoperto che lo strato esterno “inimmaginabilmente caldo” dell’atmosfera solare potrebbe raggiungere 1,7 milioni di gradi Fahrenheit a causa di “fuochi da campo” sulla superficie.

Nel giugno dello scorso anno, l’Agenzia spaziale europea (ESA) ha rilasciato le immagini più vicine del sole mai scattate dal veicolo spaziale solare in orbita, che hanno mostrato per la prima volta i fuochi del campo che si propagavano sul suo tetto.

Le immagini hanno rivelato circa 1.500 piccole luci tremolanti che sono durate tra 10 e 200 secondi e si sono estese tra 248 e 6.500 miglia di diametro.

Nuovi dati dal veicolo spaziale solare in orbita dell’Agenzia spaziale europea (ESA) indicano che questi incendi sono guidati da un processo che può anche riscaldare l’atmosfera esterna del sole, o corona, portando a temperature di 1,7 milioni di Fahrenheit.

Il pannello di sinistra mostra una visualizzazione simulata delle emissioni dalla corona del Sole, come evidenziato dall’immagine ultravioletta del Solar Orbiter. Il pannello di destra mostra il campo magnetico corrispondente come un disegno magnetico, dove il bianco e il nero sono poli opposti e il grigio è il campo zero

Questa è una delle immagini più vicine del sole mai catturate, scattata a metà giugno 2020 dalla sonda spaziale solare in orbita mentre si avvicinava a 47 milioni di miglia dalla superficie del sole.

Questa è una delle immagini più vicine del sole mai catturate, scattata a metà giugno 2020 dalla sonda spaziale solare in orbita mentre si avvicinava a 47 milioni di miglia dalla superficie del sole.

‘Fuochi da campo’ sul Sole: Solar Orbiter cattura le ‘immagini più vicine’ del Sole da 47 milioni di miglia di distanza

L’Agenzia spaziale europea costruita dall’Agenzia spaziale europea, Solar Orbiter, ha scattato le immagini del sole più vicine mai scattate, e lo ha fatto mentre volava tra le orbite di Venere e Mercurio, secondo l’Agenzia spaziale britannica.

Le immagini sorprendenti catturate dalla sonda spaziale solare in orbita a 47 milioni di miglia dalla superficie della nostra stella ospite includono segni di minuscole eruzioni solari che gli scienziati dietro la sonda hanno chiamato un “ fuoco da campo ”.

I brillamenti solari sono brevi lampi di radiazione ad alta energia dalla superficie del Sole, e questi “fuochi” sono milioni di volte più piccoli dei normali bagliori emanati da una stella.

Le immagini sono state scattate a metà giugno mentre la sonda solare era ancora in fase di test, quindi il team afferma che le immagini diventeranno più accurate man mano che la sonda si avvicina al sole.

READ  1 nuovo decesso e 17 nuovi casi di COVID-19 a Windsor Essex sabato | Notizie DOTca

Al suo avvicinamento più vicino alla nostra stella, l’orbita solare sarà a 26 milioni di miglia dalla superficie del Sole, che è 37 milioni di miglia più vicina di Mercurio al Sole e arriverà lì entro la fine del prossimo anno.

Gli astronomi hanno spiegato che la scoperta più importante è stata l’esistenza di questi “fuochi da campo”, noti anche come “nanoflussi”, che sono stati visti diffondersi sulla superficie del Sole: sono eruzioni vulcaniche luminose e dinamiche.

La corona del Sole è circa 300 volte più calda degli strati sottostanti, un fenomeno che ha lasciato perplessi gli scienziati ed è uno dei più grandi misteri dell’eliofisica.

I brillamenti solari sono brevi raffiche di radiazioni ad alta energia dalla superficie del Sole, che possono causare disturbi radio e magnetici sulla Terra.

Gli esperti in precedenza si chiedevano se le eruzioni fossero legate al misterioso fenomeno del riscaldamento della corona solare.

Le immagini catturate dal Solar Orbiter, una sonda progettata e costruita nel Regno Unito, quando raggiunse i 47 milioni di miglia dalla superficie del sole, hanno aiutato gli scienziati.

Gli ultimi risultati si basano su simulazioni al computer condotte da un team internazionale di ricercatori che collaborano con l’Agenzia spaziale europea.

Il professor Hardy-Peter, dell’Istituto Max Planck per la ricerca sul sistema solare in Germania, ha dichiarato: “ Il nostro modello calcola l’emissione, o energia, del sole come ci si aspetterebbe da un vero strumento di misura.

“Il modello è stato riprodotto brillante come un falò.”

Le simulazioni hanno anche rivelato un processo noto come ricollegamento dei componenti attorno a un fuoco da campo, in cui le linee del campo magnetico si interrompono nella direzione opposta e poi si riconnettono, rilasciando energia quando lo fa.

Yaji Chen, dottorando dell’Università di Pechino in Cina, ha affermato che l’energia emessa dalla luminosità ricollegando i componenti potrebbe essere sufficiente a mantenere la temperatura della corona solare proiettata dalle osservazioni.

Tuttavia, i ricercatori avvertono che il loro lavoro è ancora agli inizi e richiede ulteriori osservazioni per confermare i loro risultati.

Il professor Peter ha dichiarato: “Non vediamo l’ora di apprendere ulteriori informazioni che i nostri modelli ci forniscono per migliorare le nostre teorie sui processi alla base del riscaldamento”.

Le immagini sorprendenti catturate dalla navicella spaziale solare in orbita a 47 milioni di miglia dalla superficie della nostra stella ospite includono segni di minuscoli brillamenti solari chiamati `` fuochi da campo '' - minuscoli punti di luce che possono essere visti all'interno dei vortici di plasma in questa immagine.  Questa immagine è una piccola porzione dell'aura e in alta risoluzione c'è molto da fare

Le immagini sorprendenti catturate dalla navicella spaziale solare in orbita a 47 milioni di miglia dalla superficie della nostra stella ospite includono segni di minuscoli brillamenti solari chiamati “ fuochi da campo ” – minuscoli punti di luce che possono essere visti all’interno dei vortici di plasma in questa immagine. Questa immagine è una piccola porzione dell’aura e in alta risoluzione c’è molto da fare

Oltre ad aiutare a risolvere i misteri del riscaldamento coronale, il modulo solare orbitante aiuterà anche gli scienziati a ricostruire gli strati dell’atmosfera solare e ad analizzare il vento solare, il flusso di particelle ad alta energia emesse dalla stella.

Comprendere di più sull’attività solare potrebbe anche aiutare gli scienziati a fare previsioni sugli eventi meteorologici nello spazio che potrebbero danneggiare i satelliti e interrompere l’infrastruttura sulla Terra da cui dipendono i telefoni cellulari, i trasporti, i segnali GPS e le reti elettriche.

La navicella, costruita da Airbus a Stevenage, è progettata per resistere al caldo torrido del sole che colpirà un lato, mantenendo temperature gelide dall’altro.

Questo grafico mostra il collasso e la composizione del sole, dal nucleo interno al vento solare che circonda la stella

Questo grafico mostra il collasso e la composizione del sole, dal nucleo interno al vento solare che circonda la stella

In questa foto, la freccia bianca indica uno

In questa immagine, la freccia bianca indica uno dei “falò” visti di recente – un piccolo bagliore simile a quello solare sulla superficie della nostra stella. Nell’angolo inferiore puoi vedere la Terra che corrisponde a questa “piccola regione” della nostra stella

La sonda spaziale solare in orbita è attualmente in “fase di crociera” in quanto sta calibrando tutti i suoi strumenti scientifici e le osservazioni coordinate inizieranno da novembre di quest’anno.

“La comunità spaziale del Regno Unito può essere orgogliosa di portarci un passo avanti verso la risposta ad alcune delle più grandi domande del sistema solare”, ha affermato Chris Castelli, Direttore dei programmi presso l’Agenzia spaziale britannica.

L’esperienza ingegneristica e scientifica del Regno Unito è stata la chiave del successo della missione Solar Orbiter.

Airbus ha costruito il satellite sul territorio del Regno Unito e la nostra esperienza di ricerca leader a livello mondiale ha fornito un’utile analisi del nostro sole.

“Sono ansioso di vedere cosa ci consente di scoprire ulteriori indagini mentre continuiamo a investire nelle nostre capacità commerciali e scientifiche”.

ESA Solar Orbit: la sonda britannica sarà la prima a scattare foto delle regioni polari del sole

Il Solar Orbiter è una missione dell’Agenzia spaziale europea con il supporto della NASA per esplorare il sole e l’impatto della nostra stella ospite sul sistema solare, compresa la Terra.

L'orbita solare (impressione dell'artista) è una missione dell'Agenzia spaziale europea per esplorare il Sole e il suo effetto sul Sistema Solare.  È previsto che venga lanciato nel 2020 da Cape Canaveral in Florida, USA

L’orbita solare (impressione dell’artista) è una missione dell’Agenzia spaziale europea per esplorare il Sole e il suo effetto sul Sistema Solare. È previsto che venga lanciato nel 2020 da Cape Canaveral in Florida, USA

Il satellite è stato lanciato da Cape Canaveral, in Florida, nel febbraio 2020 e ha raggiunto la sua prima vicinanza al sole nel giugno 2020.

È stato costruito a Stevenage, in Inghilterra, e dotato di un set accuratamente curato di 10 telescopi e sensori live.

Il modulo solare orbitante volerà entro 26 milioni di miglia (43 milioni di km) dalla superficie del sole per ispezionare da vicino i poli della nostra stella.

Gli scienziati stanno studiando come si è formata la violenta atmosfera esterna del sole, nota anche come corona.

È stato costruito a Stevenage, in Inghilterra, e dotato di un set accuratamente curato di 10 telescopi e sensori live

È stato costruito a Stevenage, in Inghilterra, e dotato di un set accuratamente curato di 10 telescopi e sensori live

È qui che i “venti solari” – tempeste di particelle cariche che possono disturbare l’elettronica sulla Terra – esplodono nello spazio.

Con il Solar Orbiter, i ricercatori sperano di scoprire le cause delle tempeste solari per prevederle meglio in futuro.

Si prevede che gli scudi termici del modulo solare in orbita raggiungano temperature di 600 ° C (1112 ° F) durante il volo più vicino.

Lavorerà a stretto contatto con Parker Solar Probe della NASA, lanciato nell’agosto 2018, e sta anche studiando la corona solare.