Amantea online

Le ultime notizie italiane tra cui notizie politiche, storie sportive, criminalità e titoli vaticani.

La via del ritorno al cibo, al turismo e allo spettacolo

Dato che negli ultimi 16 mesi circa siamo stati in grado di negoziare solo con capacità molto limitate, se non nulle, uno dei settori più colpiti dalla pandemia è la cosiddetta “economia dell’esperienza”, che include attività nel settore dell’ospitalità, vendita al dettaglio, viaggi, cibo, bevande, turismo, tempo libero, tecnologia ed eventi.

Ma con le restrizioni revocate in estate, l’attenzione è ora sul ritorno alla crescita.

Sfide occupazionali ات

Pat McDonagh, fondatore di Supermac’s, ammette che la sua attività è andata meglio di molti altri in quanto ha continuato a funzionare durante la chiusura tramite servizi di trasporto, ritiro e consegna.

Il reclutamento era un problema nel settore della ristorazione anche nel periodo pre-pandemia e attualmente ci sono sfide con il personale.

“Poiché siamo stati i primi a reimpiegare, abbiamo raccolto questa sfida un po’ prima”, afferma McDonagh, che ritiene che in alcuni casi i sussidi di disoccupazione pandemica (PUP) abbiano scoraggiato il lavoro.

“Non è tutto male”, dice. “Siamo stati fortunati ad essere aperti da dieci mesi e ad avere buoni dipendenti che sono rimasti con noi. Molte aziende avranno difficoltà ad assumere dipendenti a luglio e agosto, quando le cose si apriranno”.

Crede che molti giovani vorranno lavorare solo part-time quest’estate perché “sentono di aver perso un anno della loro vita”.

Supermac.

McDonagh afferma che ci sono opportunità per economizzare l’esperimento man mano che le restrizioni vengono revocate.

“Vi sono ampie opportunità per il governo di offrire voucher per l’alloggio e promuovere aree che tradizionalmente non erano destinazioni turistiche. C’è un grande spazio per la crescita delle esperienze offshore in termini di corsi d’acqua e greenways.

READ  L'unità sanitaria emana direttive per riservare la seconda dose