Amantea online

Le ultime notizie italiane tra cui notizie politiche, storie sportive, criminalità e titoli vaticani.

La sentenza italiana potrebbe facilitare l’ulteriore sviluppo del fotovoltaico – international pv magazine

Il Consiglio di Stato italiano ha approvato una nuova sentenza che fa ben sperare per lo sviluppo delle fonti energetiche rinnovabili. Il comitato consultivo ha delineato una serie di principi relativi alle licenze, ma è necessaria cautela.

Gli sviluppatori di impianti fotovoltaici e la comunità giuridica italiana hanno accolto con favore una recente sentenza del Consiglio di Stato, le cui opinioni guideranno l’approccio che le autorità pubbliche adottano per autorizzare i progetti di energia rinnovabile.

“La sentenza n. 2983/2021 è molto importante. Il Consiglio di Stato ha affermato che gli impianti (energie rinnovabili) non sono solo espressione di una speciale iniziativa economica, ma rappresentano l’interesse pubblico, perché contribuiscono – anche indirettamente – alla tutela dell’ambiente e del paesaggio ”, ha affermato Andrea Stitchi Damiani Socio fondatore dello studio legale Sticchi Damiani Rivista PV.

L’amministratore delegato di Moroni & Partners Mauroni & Partners va oltre. “Alla luce di ciò, gli investitori del settore privato che partecipano ad attività di energia rinnovabile stanno emergendo come attori di importanza strategica per attuare le politiche ambientali ed energetiche”, ha affermato.

Tuttavia, non tutti gli esperti si aspettano di vedere effetti immediati.

Non mi aspetto pregiudizi dalle amministrazioni regionali e locali a breve termine. Tuttavia, la decisione del Consiglio sarà definitivamente riconosciuta dai Tribunali Amministrativi Regionali (TAR) in quanto risolveranno molte delle controversie in corso “, ha affermato Gianluca Biagio Biscotti, fondatore della BFP Engineering Consultancy, Rivista PV. “Purtroppo, anche se la sentenza è importante, la sentenza non è una legge in Italia, quindi dubito che senza una disposizione di legge chiara e diretta che vieti il ​​potere discrezionale che spesso le pubbliche amministrazioni percepiscono, le amministrazioni si adatteranno agevolmente a questa nuova mentalità. “.

READ  Il primo ministro britannico cerca di rafforzare l'economia e l'unione nel nuovo parlamento

Il Consiglio di Stato ha affermato che gli impianti di energia rinnovabile sono compatibili con le regioni classificate a fini agricoli dagli urbanisti, secondo Sticchi Damiani e Moroni & Partners.

Ha indicato che il parere del Ministero della Cultura [MIBACT] Non vincolante in quanto non ci sono vincoli paesaggistici o archeologici. In tali casi, l’autorità permanente (nella maggior parte dei casi il distretto) sarà chiamata a condurre una valutazione indipendente del progetto, ha affermato Stitchi Damiani, riferendosi ai rappresentanti locali del MIBACT.

Il Ministero della Cultura è da tempo considerato un ostacolo allo sviluppo del fotovoltaico in Italia.

“Il giudizio riduce il peso locale del MIBACT ed evidenzia come il raggiungimento degli impianti sia prioritario”, ha detto Moroni.

Lo sviluppo del fotovoltaico su terreni agricoli ha ora un futuro migliore in Italia. Si prevede ora che le autorità locali saranno più sensibili alle caratteristiche specifiche dei progetti.

Riferendosi alla decisione della regione Abruzzo di opporsi allo sviluppo di fonti energetiche rinnovabili sui terreni agricoli, Pescotti ha detto: “Ho a lungo sostenuto che le efficienze nei settori dell’energia e dell’ambiente dovrebbero essere completamente escluse dalle regioni”. I politici regionali in Abruzzo hanno imposto un veto fino a quando le regioni ammissibili e non ammissibili non fossero state chiaramente definite.

“A un primo esame, sembra probabile che il governo centrale – come è accaduto in molte altre circostanze – farà appello davanti alla Corte Costituzionale contro qualsiasi provvedimento volto a imporre un divieto assoluto di installazione di centrali energetiche rinnovabili nelle aree agricole. Con la sentenza, gli operatori possono ricorrere al TAR, e chiedere il deferimento alla Corte costituzionale ”, ha detto Stitchi Damiani.

READ  Boris Johnson affronta il contraccolpo di Tory sui piani di viaggio per "Amber Watch List"

Gli sviluppatori concordano sul fatto che dovrebbero essere identificate aree adatte e inadeguate.

È fondamentale e tutti ce lo aspettiamo. Vogliamo anche una disposizione normativa che affermi che, nei luoghi contrassegnati come appropriati, i rifiuti possono essere solo eccezioni “, ha detto Biscotti.

Secondo Moroni, le aree giuste dovrebbero accelerare lo sviluppo.

“Ci si dovrebbe aspettare una procedura semplificata nelle aree appropriate, che consentirà investimenti senza preoccuparsi di non ottenere i permessi per ragioni demagogiche”, ha detto.

Gli esperti sono cautamente ottimisti su Roberto Singolani, nuovo ministro italiano per la transizione energetica. Il ministro ha una responsabilità enorme. Ha più volte affermato di voler ridurre gli ostacoli burocratici agli impianti di energia rinnovabile. “Speriamo tutti che lo faccia”, ha detto Moroni.

I biscotti sono più importanti. A mio avviso, abbiamo visto tante affermazioni e pochi fatti concreti. Dal raccontare le storie di questo governo, sembra che la forte attenzione sia su gas e idrogeno, e non tanto sulle energie rinnovabili. Tuttavia, pochi giorni fa, il Senato italiano ha approvato la Legge di Delegazione Europea, con molte decisioni importanti sulle energie rinnovabili “, ha detto Pescotti.

Sticchi Damiani è il più positivo. “Il ministro sarà in grado di disinnescare le apparenti carenze del sistema che hanno causato miliardi di investimenti persi”.

Questo contenuto è protetto da copyright e non può essere riutilizzato. Se desideri collaborare con noi e desideri riutilizzare alcuni dei nostri contenuti, contatta: editors@pv-magazine.com.