Amantea online

Le ultime notizie italiane tra cui notizie politiche, storie sportive, criminalità e titoli vaticani.

La ripresa economica dell’Africa è la chiave per la crescita globale

Non possiamo godere di una piena ripresa economica globale se il motore principale della futura crescita economica – l’Africa – non si riprende. Con questo in mente, il presidente francese Emmanuel Macron ha tenuto martedì a Parigi un vertice sul finanziamento delle economie africane.

Il presidente Cyril Ramaphosa ha partecipato al vertice insieme a rappresentanti di altri 28 paesi africani, Cina, Cina, Francia, Germania, Italia, Portogallo, Spagna, Paesi Bassi, Regno Unito, Stati Uniti, Arabia Saudita ed Emirati Arabi Uniti. Ramaphosa ha rilasciato dichiarazioni forti al vertice sulla visione africana della ripresa economica, e in questo modo ha definito l’agenda.

Il vertice è stato il culmine degli sforzi che Ramaphosa ha iniziato l’anno scorso quando era presidente dell’Unione africana, quando ha nominato inviati economici speciali per comunicare con le istituzioni finanziarie internazionali sulle sfide economiche che il continente africano deve affrontare e per mobilitare il sostegno. In qualità di presidente dell’Unione africana, Ramaphosa ha cercato di garantire una ripresa economica solida e inclusiva in Africa sulla scia della pandemia COVID-19.

Secondo il presidente senegalese Macky Sall, i paesi africani dovranno affrontare un deficit di spesa di 285 miliardi di dollari (circa 4 trilioni di rand) nei prossimi due anni. Una delle principali priorità del vertice era convincere i paesi a contribuire a colmare il deficit di finanziamento di 19 miliardi di dollari per quest’anno.

L’economia condivisa dell’Africa sub-sahariana si è contratta dell’1,9% lo scorso anno, la peggiore contrazione mai registrata. Le aziende africane hanno lottato per ottenere finanziamenti e hanno ridotto l’occupazione dell’8,5%, lasciando l’anno scorso 17 paesi in una crisi del debito. È necessario trovare modi per sostenere le piccole e medie imprese in Africa, anche attraverso garanzie sui prestiti.

READ  Corona Virus: cosa sta succedendo lunedì in Canada e nel mondo

Il Fondo monetario internazionale (FMI) stima che durante il 2021-25 saranno necessari finanziamenti aggiuntivi fino a 285 miliardi di dollari per i paesi africani per aumentare la risposta alla spesa alla pandemia, con quasi la metà destinata ai paesi africani a basso reddito. Anche i paesi a reddito medio richiedono un’attenzione speciale. In assenza di un’azione collettiva, il finanziamento e gli obiettivi dell’Agenda 2030 per lo sviluppo sostenibile e del Piano 2063 dell’Unione africana saranno compromessi.

I partecipanti al vertice hanno discusso la questione della cancellazione del debito e del sostegno ai paesi africani da parte del Fondo monetario internazionale attraverso diritti speciali di prelievo. I leader africani hanno spinto il Fondo monetario internazionale a reindirizzare 100 miliardi di dollari delle riserve di diritti speciali di prelievo del Fondo monetario internazionale in Africa entro ottobre.

In definitiva, il vertice ha chiesto una rapida decisione sull’allocazione e l’attuazione di un anno senza precedenti per i diritti speciali di prelievo del Fondo monetario internazionale, che dovrebbe raggiungere $ 650 miliardi, di cui $ 33 miliardi per aumentare le attività di riserva dei paesi africani e ha esortato i paesi a farlo. Utilizzare queste nuove risorse in modo trasparente ed efficace.

Per alleviare la gravità delle economie africane che soffrono di debito pubblico esterno debole, i creditori del G20 e il Club di Parigi hanno dichiarato di agire in conformità con l’accordo contenuto nella dichiarazione del G20 della CIB ad aprile e nel quadro congiunto per la riparazione del debito post- Approvata la Debt Service Suspension Initiative (DSSI). Nel novembre dello scorso anno.

Il vertice ha accolto con favore l’ambizione di sviluppare un’alleanza per l’imprenditorialità in Africa per aiutare a mobilitare tutti i partner, dai settori pubblico e privato, a sostenere lo sviluppo del settore privato africano – attraverso risorse finanziarie e tecniche e rafforzamento delle capacità.

READ  Il CRA stima che 30.000 lavoratori autonomi potrebbero non dover pagare il CERB

Un risultato particolarmente importante del vertice è stato un appello per la presentazione di brevetti sui vaccini in Africa per consentire la produzione di vaccini nel continente. Il presidente Ramaphosa ha sottolineato la necessità di una deroga temporanea ai regolamenti TRIPS e la necessità che altri paesi sostengano questo in modo che l’Africa possa produrre in modo indipendente i vaccini. Il ministro Nalidi Bandur, che ha accompagnato il presidente al vertice, ha detto che la rinuncia potrebbe essere un preludio a una maggiore capacità africana di produrre un lotto di vaccini.

La Francia ha espresso vivo interesse a collaborare con i produttori di vaccini in Sud Africa per migliorare la capacità del Sud Africa di produrre vaccini. Il presidente Macron ha chiarito il suo obiettivo di vaccinare il 40% delle persone in Africa entro la fine di quest’anno. “La situazione attuale non è sostenibile, è ingiusta e inefficace”, ha detto Macron. Macron ha avvertito che la mancata vaccinazione degli africani minaccia di consentire l’emergere e la diffusione di varianti potenzialmente pericolose.

“Abbiamo anche bisogno, in collaborazione con il settore privato, di accelerare la produzione di vaccini sviluppando capacità di produzione locale in Africa. Ciò può essere facilitato attraverso la partecipazione volontaria della proprietà intellettuale e il trasferimento efficace di tecnologie e conoscenze, in linea con i quadri giuridici internazionali”, La dichiarazione di chiusura del vertice ha detto. Come stipulare accordi di licenza e di produzione per consentire la produzione locale “.

A margine del vertice, il presidente Ramaphosa ha incontrato i presidenti di Angola, Costa d’Avorio, Ruanda, Mozambico e Repubblica Democratica del Congo. I leader hanno parlato dell’urgenza e dello stato dei programmi di vaccinazione, ma la questione chiave per la maggior parte di loro è la ripresa economica e il pacchetto di stimoli per sostenere la ripresa delle loro economie.

READ  La Corea del Sud si aspetta con Pfizer di ottenere altri 40 milioni di dosi del vaccino COVID-19

Macron prevede di fare una visita di Stato in Sud Africa alla fine di questo mese, quando le questioni discusse al vertice si approfondiranno.

* Shannon Ibrahim è redattore per gli affari esteri per l’Independent Media Group.