Amantea online

Le ultime notizie italiane tra cui notizie politiche, storie sportive, criminalità e titoli vaticani.

La maggioranza dei brasiliani sostiene il licenziamento di Bolsonaro: sondaggio | notizie di politica

Il presidente Jair Bolsonaro sta affrontando una pressione crescente sulla crisi del coronavirus, nonché sulla presunta corruzione e un accordo sui vaccini.

La maggioranza dei brasiliani ha affermato di sostenere l’impeachment di Jair Bolsonaro, secondo un sondaggio di opinione pubblicato sabato, poiché il presidente di estrema destra del paese affronta accuse di corruzione e crescenti pressioni sulla sua gestione della crisi del coronavirus.

Il sondaggio Datvolha ha mostrato che il 54% dei brasiliani sostiene la proposta della Camera dei deputati brasiliana di aprire un procedimento di impeachment contro Bolsonaro, rispetto al 42% di coloro che si oppongono.

Nell’ultimo sondaggio di Datafolha sulla questione, pubblicato a maggio, sostenitori e oppositori della responsabilità erano sostanzialmente correlati.

Bolsonaro, uno scettico sul COVID-19 che ha descritto il virus come una “piccola influenza”, ha affrontato mesi di pressione pubblica – tra cui diverse grandi proteste e un’indagine del Senato – mentre la pandemia ha travolto il Brasile, uccidendo più di 531.000 persone, secondo ai dati della Johns Hopkins University.

Una recente serie di scandali, tra cui domande su presunti illeciti nel processo di acquisizione del vaccino contro il coronavirus del suo governo e accuse di corruzione passata, si sono aggiunti ai problemi del presidente.

Il mese scorso, gli investigatori federali hanno annunciato di aver aperto un’indagine su un contratto governativo da 1,6 miliardi di riyal (320 milioni di dollari) per 20 milioni di dosi di un vaccino COVID-19 prodotto dalla Bharat Biotech Covaxin dell’India.

L’ufficio del procuratore generale (PGR) ha citato prezzi relativamente alti, colloqui rapidi e approvazioni normative in attesa come bandiere rosse per il contratto di Bharat firmato a febbraio, in vista di accordi simili con Pfizer Inc e Johnson & Johnson.

READ  Almeno 15 morti in più attacchi vicino al confine tra Stati Uniti e Messico

Bolsonaro è stato accusato di non aver intrapreso “qualsiasi azione dopo essere stato informato di un gigantesco schema di corruzione nel Ministero della Salute” – un’accusa che nega.

In un’intervista radiofonica di sabato, Bolsonaro ha affermato di aver preso provvedimenti dopo che i funzionari hanno condiviso le loro preoccupazioni sull’accordo di Kovaccin, ma non è entrato in ulteriori dettagli.

“Incontro 100 persone al mese sui temi più diversi che si possano immaginare”, ha detto a Radio Gaucha nel sud del Brasile. “Ho preso provvedimenti in questo caso.”

La scorsa settimana, Bolsonaro è stato anche accusato di essere coinvolto in uno schema per tagliare gli stipendi dei suoi aiutanti mentre era un legislatore federale.

Citando quelle che sarebbero state registrazioni audio della sorella dell’ex moglie di Bolsonaro che spiegava il suo ruolo nel presunto racket, il sito web brasiliano UOL ha riferito che il racket includeva l’assunzione di stretti collaboratori come dipendenti e quindi ricevere un taglio dalla loro paga pubblica.

Gli scandali hanno accumulato pressioni sul presidente, che dovrebbe affrontare una sfida dall’ex leader di sinistra Luiz Inacio Lula da Silva quando i brasiliani si recheranno alle urne il prossimo anno per le elezioni presidenziali.

Migliaia di persone hanno protestato in tutto il Brasile lo scorso fine settimana per chiedere le sue dimissioni.

In un sondaggio Datafolha, pubblicato giovedì, il 51% dei brasiliani ha dichiarato di disapprovare Bolsonaro, il numero più alto da quando è entrato in carica nel gennaio 2019.