Amantea online

Le ultime notizie italiane tra cui notizie politiche, storie sportive, criminalità e titoli vaticani.

La Guinea dichiara la fine dell’epidemia mortale di Ebola che ha ucciso 12 persone, afferma l’OMS

La Guinea ha dichiarato la fine dell’epidemia di Ebola emersa a febbraio e che ha ucciso 12 persone, secondo l’Organizzazione mondiale della sanità.

L’epidemia più recente del virus è stata la prima in Guinea da quando un’epidemia mortale dal 2014 al 2016 ha ucciso più di 11.300 persone in Africa occidentale.

Ha avuto origine nella stessa area prima di diffondersi nella vicina Liberia e Sierra Leone.

L’ultimo focolaio in Guinea è stato annunciato il 14 febbraio Dopo tre casi sono stati scoperti a Gouécké, una comunità rurale nella provincia meridionale di N’zérékoré. C’erano 16 casi confermati e sette casi probabili.

“Lodo le comunità colpite, il governo e il popolo della Guinea, gli operatori sanitari, i partner e tutti coloro i cui sforzi dedicati hanno contribuito a contenere l’epidemia di Ebola”, ha affermato il direttore generale dell’OMS Tedros Adhanom Ghebreyesus.

“Sulla base delle lezioni apprese dall’epidemia del 2014-16 e attraverso sforzi di risposta rapidi e coordinati, partecipazione della comunità, efficaci misure di salute pubblica e l’uso equo dei vaccini, la Guinea è stata in grado di controllare l’epidemia e prevenirne la diffusione oltre i suoi confini”.

Le Nazioni Unite hanno affermato che continueranno a fornire assistenza dopo la malattia.

Dobbiamo restare vigili

Il dottor Machidiso Moeti, direttore regionale dell’OMS per l’Africa, ha affermato che gli insegnamenti tratti dall’epidemia precedente hanno consentito alla Guinea di contenere il virus in soli quattro mesi.

Ma ha avvertito che la vigilanza deve rimanere.

“Ci stiamo evolvendo più velocemente, meglio e in modo più intelligente nella lotta contro l’Ebola. Ma mentre questa epidemia è finita, dobbiamo rimanere vigili sulla possibilità di una rinascita e garantire che le competenze sull’Ebola si espandano ad altre minacce per la salute come il COVID-19”.

READ  La Russia lancia un'unità di laboratorio per la Stazione Spaziale Internazionale