Amantea online

Le ultime notizie italiane tra cui notizie politiche, storie sportive, criminalità e titoli vaticani.

La forte economia degli Emirati Arabi Uniti supporta le prospettive per il settore bancario

Gli Emirati Arabi Uniti hanno un’economia ricca con forti centri finanziari ed esterni che supportano i fondamenti del settore del pane.
Credito fotografico: Pankaj Sharma / Gulf News

Dubai: gli Emirati Arabi Uniti hanno un’economia ricca con forti centri finanziari ed esterni che supportano i fondamenti del settore del pane, secondo l’agenzia di rating Standard & Poor’s.

La pandemia Covid-19, il calo dei prezzi del petrolio e la continua pressione sul settore immobiliare hanno aumentato i rischi per le banche degli Emirati Arabi Uniti con un aumento significativo dei prestiti in sofferenza, che S&P prevede aumenteranno ulteriormente una volta che le misure di stress normativo saranno rimosse, influenzando la un periodo più lungo.

Sebbene le banche degli Emirati Arabi Uniti abbiano tradizionalmente operato con parametri di redditività sani, tassi di interesse più bassi hanno conseguenze negative per i margini bancari. “Quindi ci aspettiamo che la redditività del settore bancario rimanga bassa per un periodo più lungo”, ha affermato Bonnett Tully, analista di Standard & Poor’s.

Dopo l’inizio della pandemia, la Banca centrale degli Emirati Arabi Uniti (CBUAE) ha implementato il piano TESS (Targeted Economic Support), che ha contribuito ad alleviare la pressione sugli esportatori aziendali e sulle piccole e medie imprese. Tuttavia, il piano non ha ridotto il rischio di credito sul bilancio del sistema bancario. Lo schema includeva una clausola che consente alle banche di non classificare le esposizioni differite come fase 2 e fase 3 [under the IFRS 9]. Invece, le banche hanno classificato i differimenti in due gruppi: Gruppo 1 (esposizione alla clientela temporaneamente e modestamente influenzata); Il cluster 2 (esposizione a clienti fortemente colpiti che potrebbero vedere potenziali migrazioni di fase) ha divulgato le informazioni.

Alla fine del 2020, il 12% delle prime 10 banche con esposizione era classificato come Gruppo 1 e il 2% come Gruppo 2. Le banche degli Emirati Arabi Uniti hanno un buon profilo di finanziamento.

Forte profilo di finanziamento

I depositanti del settore pubblico e del governo forniscono oltre il 30% dei depositi dei residenti. S&P si aspetta che queste entità ritirino alcuni depositi nel 2021, ma non vede problemi di liquidità immediati per le banche.

S&P ritiene che l’andamento del rischio economico negli Emirati Arabi Uniti sia stabile.

“Ci aspettiamo che il settore immobiliare residenziale rimanga sotto pressione per almeno un altro anno a causa del continuo eccesso di offerta, mentre le debolezze dovute alla domanda ostacoleranno i settori del turismo, dell’ospitalità e dell’aviazione, nonché alcuni settori commerciali. Pertanto, ci aspettiamo la qualità degli asset gli indicatori nelle banche degli Emirati Arabi Uniti continueranno a peggiorare entro i prossimi 12-24 mesi, Mohamed Damak, Senior Director of Financial Services presso S&P Global Ratings.

Le banche sono generalmente considerate in grado di affrontare le persistenti sfide macroeconomiche, grazie alle loro forti riserve di capitale e alla buona redditività nonostante il forte aumento del costo del rischio e tassi di interesse inferiori.

S&P Global Ratings ha classificato il settore bancario degli Emirati Arabi Uniti nel Gruppo 5 nell’ambito del BICRA Country Risk Assessment. Gli altri paesi del Gruppo 5 sono Bermuda, Ungheria, Islanda, Italia, Malta, Messico, Panama, Perù, Filippine e Qatar.

I punti di forza e di debolezza delle banche degli Emirati Arabi Uniti

punto di forza
• Elevati livelli di reddito e una forte posizione finanziaria ed esterna.
• Un’economia relativamente più diversificata rispetto alle sue controparti GCC.
• La forma di finanziamento è dominata da depositi di base stabili.

Debolezze

• Scarsa qualità degli attivi ed elevata esposizione a settori rischiosi.
• La continua frammentazione del settore bancario con l’aumento della concorrenza sui prezzi.
• Elevate concentrazioni settoriali e di nomi individuali.

READ  Mercati europei: guadagni, dati economici