Amantea online

Le ultime notizie italiane tra cui notizie politiche, storie sportive, criminalità e titoli vaticani.

La Banca centrale europea indica che l’inflazione e le prospettive di crescita sono ‘distorte’

I responsabili delle politiche della Banca centrale europea hanno affermato che la crescita e l’inflazione nell’Eurozona probabilmente supereranno le aspettative, innescando il dibattito sul fatto che le prospettive brillanti significhino che dovrebbe rallentare il ritmo degli acquisti di obbligazioni.

All’ultimo incontro di politica monetaria della Banca centrale europea ad aprile, alcuni dei membri del suo consiglio hanno affermato che i rischi per l’attività economica e le aspettative di inflazione a medio termine sono “più rialzisti”, secondo il verbale di discussione pubblicato venerdì.

Sebbene la maggior parte dei membri del consiglio abbia concordato sul fatto che i rischi al ribasso restano per le prospettive di crescita della zona euro a breve termine, hanno indicato segni “incoraggianti” della recente ripresa della domanda globale, l’accumulo di stimoli fiscali statunitensi e il ritmo più veloce del Covid-19 virus. Vaccinazioni in Europa.

“In questo contesto, c’era la sensazione generale che i rischi per l’attività stessero diventando più equilibrati nel medio termine, esprimendo anche l’opinione che ora sono marginalmente inclinati al rialzo”, ha detto la Banca centrale europea.

Sebbene il consiglio abbia riconosciuto che le pressioni sui prezzi “sono rimaste generalmente calme”, ​​ha affermato, “mentre le prospettive di inflazione a medio termine legate alla politica non sono cambiate sostanzialmente dalla riunione di marzo, i rischi per queste aspettative possono essere valutati come distorti. . “

Per sottolineare come la Banca centrale europea sia diventata più sicura che la pandemia di coronavirus in Europa sia sotto controllo, la presidente della Banca Christine Lagarde intende invitare i suoi colleghi membri del consiglio a incontrarsi di persona il mese prossimo per la prima volta in più di un anno.

READ  Perché l'economia italiana ha smesso di crescere

Vi è un intenso dibattito all’interno della Banca centrale europea sull’opportunità di rallentare i suoi acquisti di obbligazioni di emergenza nella prossima riunione di politica monetaria del 10 giugno, poiché si prevede che la banca centrale aumenterà anche le aspettative di crescita e inflazione per i prossimi anni.

L’inflazione nell’area dell’euro è rimbalzata quest’anno, salendo all’1,6 per cento in aprile, dopo essere diventata negativa alla fine dell’anno scorso. La Banca centrale europea ha previsto che la crescita dei prezzi nel 2021 supererà l’obiettivo della banca centrale e sarà di poco inferiore al 2% per la prima volta in più di due anni, prima di svanire per rimanere al di sotto dell’obiettivo nel 2023.

La Banca centrale europea ha deciso a marzo di effettuare acquisti di obbligazioni “a un ritmo molto più elevato” nel secondo trimestre per evitare massicce vendite nei mercati obbligazionari prematuramente, al fine di minare la sua promessa di mantenere “condizioni di finanziamento favorevoli” prima che la ripresa europea prenda piede.

I costi dei prestiti per gli Stati membri della zona euro sono saliti al livello più alto in quasi un anno poiché la ripresa della crescita economica e le pressioni inflazionistiche hanno indebolito l’attrattiva dei titoli di Stato. Il rendimento medio delle obbligazioni a 10 anni ponderato in base al PIL nel blocco è salito allo 0,21%, il livello più alto da giugno, sebbene sia ancora basso rispetto agli standard storici.

La mossa è stata guidata in gran parte da rendimenti obbligazionari super sicuri tedeschi più elevati: ora è l’unico paese della zona euro ad avere ancora rendimenti inferiori allo zero sui suoi titoli sovrani a 10 anni.

READ  La legislazione sull'"economia circolare" è destinata ad avere un impatto enorme

Ciò che è più preoccupante per la Banca centrale europea è il rendimento aggiuntivo che stanno pagando i paesi più deboli dell’Eurozona. Il rendimento delle obbligazioni decennali italiane si attesta a 1,15 punti percentuali, in aumento da 0,91 punti percentuali a febbraio, quando la fiducia ha rafforzato la nomina di Mario Draghi a primo ministro italiano.