Amantea online

Le ultime notizie italiane tra cui notizie politiche, storie sportive, criminalità e titoli vaticani.

In che modo i cambiamenti politici in questi tre paesi influenzeranno il continente – BRINK – Conversazioni e approfondimenti sul business globale

La politica europea è in costante mutamento, con le elezioni presidenziali francesi e tedesche incombenti e il disprezzo degli elettori per i loro leader in crescita. La Brexit è diventata un dato di fatto. Le vaccinazioni stanno accelerando, ma lo è anche la variante delta, causando il ritorno di alcune restrizioni COVID. La violazione dei diritti democratici nell’Europa dell’Est è ancora preoccupante, ma d’altra parte la crescita economica si sta muovendo velocemente e i primi legami internazionali della storia hanno avuto successo. Quindi, come saranno i prossimi 12 mesi nel continente europeo?

Eric Jones, Direttore degli studi europei ed eurasiatici presso Paul H. Nitze School of Advanced International Studies Alla Johns Hopkins University, si unisce ai padroni di casa Peter Schechter e Monnie Jensen Nell’ultima puntata podcast su Altamar per discutere dei cambiamenti imminenti in Europa.

Jones, un assiduo commentatore di politica ed economia politica europea, assumerà il timone in autunno come direttore del Centro Robert Schumann presso l’Istituto universitario europeo. È apparso in Financial Times, New York Times, USA Today e giornali e riviste di tutto il continente europeo.

“[Europe is] Passi attraverso un sacco di cose diverse e possiamo evidenziare tutte le cose cattive che si trovano in ogni posto diverso [going through] …Ma il fatto è che ci sono molte cose buone anche in Europa. Le cose buone della ripresa che sta per avvenire, le cose buone di quanta solidarietà hanno saputo mostrare durante la crisi, e in termini di capacità di proiettarsi verso il mondo esterno. Quindi penso che ci sia una cosa brutta, ma c’è anche una cosa buona in questo posto grande e confuso chiamato Europa”, dice Jones.

Unione Europea e Cina

Si parla molto di “un’Europa unita”, ma quando si tratta di questioni critiche di politica estera, quanto sono uniti gli europei?

“Diverse parti dell’Europa hanno relazioni diverse con la Cina. La Germania ha reso la Cina profondamente integrata nella catena di approvvigionamento e nei mercati di esportazione. E così la Germania sta cercando di capire come far andare avanti l’economia tedesca, ma anche tagliare i legami con la Cina o adeguare la Cina. in termini di diritti umani”. [abuses] Allo stesso tempo. “Tuttavia, l’Ungheria, al contrario, sta effettivamente guardando alla Cina per portare investimenti esteri diretti nel paese”, spiega Jones.

L’Italia è la carta e il Paese da tenere d’occhio nei rapporti con la Cina. “[Former Italian Prime Minister] Giuseppe Conte ha deciso di aderire alla Belt and Road Initiative nel 2019. Ora, il nuovo primo ministro, Mario Draghi, afferma: “Probabilmente non abbiamo bisogno di tutti quegli investimenti cinesi. Forse sarebbe meglio essere più indipendenti dalla Cina, “dice Jones.

“[The European Union has] Non ha mai accettato la Russia. Non hanno mai avuto una politica estera e di sicurezza comune. Questa era la verità riguardo alla Russia. Questo era vero negli anni ’90, era vero negli anni 2000 ed è vero oggi. Il fatto che non siano più coerenti oggi di quanto lo fossero allora non è un atto d’accusa nei confronti dell’Unione europea. Al contrario, hanno dimostrato di essere in grado di trovare più cose in comune questa volta di quanto non fossero in grado di fare prima, il che è [seen in] Quella storia su di lui [German-led] Sanzioni [against Russia] Dal 2014 in poi. Quindi, penso che stiano mostrando progressi. Potremmo avere una scala diversa che stiamo cercando di contrastare”, afferma Jones.

Il Presidente del Consiglio Mario Draghi è la nuova stella dell’Unione Europea

Alcune delle figure politiche più potenti d’Europa affronteranno enormi cambiamenti nel prossimo anno: il primo ministro Draghi in Italia, il presidente Emmanuel Macron in Francia e il cancelliere Angela Merkel in Germania.

“[Prime Minister Draghi] È l’uomo che ha salvato l’Europa nel mezzo [economic] crisi. Si tratta di un’importante opportunità per l’Italia di apportare i cambiamenti di cui ha avuto bisogno negli ultimi 25 anni. Rappresenta la migliore opportunità [Italy has], ma ciò non significa che sia la soluzione completa”, risponde Jones.

“Il Parlamento sta per raggiungere capitolo bianco O il “capitolo bianco”, che vieta lo scioglimento del parlamento negli ultimi sei mesi del mandato presidenziale. Questi sono invidiosi [Prime Minister] Draghi potrebbe vedere una soluzione “calciandolo di sopra”. Sergio Mattarella, presidente della repubblica, va sostituito a gennaio. La domanda è se lo faranno [Prime Minister] Capo di Draghi contro il Primo Ministro. Se lo facessero, potrebbe portare a un periodo di relativa instabilità politica in Italia. Se non lo fanno, [Prime Minister] “Draghi potrebbe continuare a lavorare per altri due anni”, spiega Jones.

Dove sta andando il presidente Macron?

Il presidente Macron ha ampliato la sua impronta come leader mondiale, ma ciò è avvenuto a costo di perdere la sua popolarità in patria. Con le elezioni nazionali alle porte del prossimo anno, tutti si chiedono se il presidente Macron otterrà un secondo mandato o se vincerà la populista di destra Marine Le Pen? O potrebbe esserci un nuovo giocatore al tavolo?

“[President Macron] Era meno di un quarto [electoral] votare, ma è riuscito a diventare presidente perché era meglio dell’unica alternativa rimasta, Marine Le Pen. La sua sfida al prossimo turno elettorale non è quella di essere popolare. Per essere più famoso di chiunque altro.

“Se riesce ad arrivare tra i primi due, è praticamente sicuro di vincere. Se non può, abbiamo un vero problema, perché Marine Le Pen sta diventando sempre più popolare nel tempo. Rappresenta uno stile completamente diverso per il governo francese, che avrà ripercussioni formidabili sull’Europa”, commenta Jones.

Dove sta andando la Germania?

Dopo 15 anni in carica, il cancelliere Angela Merkel ha deciso di dimettersi da cancelliere tedesco e lasciare il posto a una nuova leadership. Nuovi partiti, come i Verdi, hanno fatto progressi nelle recenti elezioni, ma i democristiani della cancelliera Merkel non vanno sottovalutati. “Ci sono molti posti in cui i democristiani sono completamente scomparsi. Basta guardare la casa accanto ai Paesi Bassi. Ma sembra che i democristiani in Germania stiano facendo un lavoro molto migliore di quanto si aspettassero i loro critici. È giusto presumere che faranno parte di qualsiasi coalizione che uscirà dal prossimo turno dalle elezioni.

“Se lo sono, allora ciò che il loro manifesto elettorale chiarisce è che non tollereranno molti cambiamenti a livello europeo nel modo in cui funziona l’economia, o almeno nel modo in cui viene gestita la macroeconomia. … Questo è un po’ sfortunato, perché noi Serve una leadership più creativa, più innovativa a livello europeo, serve più Mario Dragis”, conclude Jones.

date è un podcast politico globale ospitato dall’ex primo vicepresidente del Consiglio Atlantico Peter Schechter e dal pluripremiato giornalista Moni Jensen.

Iscriviti al podcast Altamar su: una melaE il spotify o Il Google.

READ  Un uomo salta da un aereo in movimento all'aeroporto di Los Angeles