Amantea online

Le ultime notizie italiane tra cui notizie politiche, storie sportive, criminalità e titoli vaticani.

Il quotidiano pro-democrazia di Hong Kong, Apple Daily, ha smesso di pubblicare giovedì

L’Apple Daily a favore della democrazia di Hong Kong cesserà le pubblicazioni giovedì, dopo l’arresto della scorsa settimana di cinque redattori e dirigenti e un congelamento dei beni di 2,3 milioni di dollari ai sensi della legge sulla sicurezza nazionale della città un anno fa.

Il consiglio di amministrazione della società madre Next Media ha dichiarato mercoledì in una dichiarazione che le versioni cartacee e online saranno interrotte a causa delle “condizioni attuali prevalenti a Hong Kong”. Il giornale ha poi detto che l’edizione di giovedì sarebbe stata l’ultima.

Il silenzio di una voce di spicco a favore della democrazia è l’ultimo segno della determinazione della Cina a esercitare un maggiore controllo sulla regione semi-autonoma dopo che le massicce proteste nel 2019 hanno scosso il governo. Da allora, Pechino ha imposto una severa legge sulla sicurezza nazionale per frenare il dissenso e ha rinnovato le leggi elettorali di Hong Kong per tenere le voci dissenzienti fuori dal legislatore.

L’annuncio dell’Apple Daily ha coinciso con l’inizio del primo processo della città ai sensi del National Security Act, che è tenuto sotto stretta osservazione come misura dell’accuratezza con cui i tribunali lo stanno interpretando.

La mossa, ampiamente attesa, di chiudere l’Apple Daily ha fatto seguito agli arresti della scorsa settimana di cinque redattori e dirigenti, arrestati con l’accusa di collusione con stranieri per mettere in pericolo la sicurezza nazionale. La polizia ha citato più di 30 articoli pubblicati dal giornale come prova di un presunto complotto per incoraggiare i paesi stranieri a imporre sanzioni a Hong Kong e alla Cina.

L’ultimo numero di Apple Daily esce in edicola a Hong Kong il 24 giugno 2021. (Vincent Yu/The Associated Press)

L’azione della polizia contro l’Apple Daily ha segnato la prima volta che il National Security Act è stato utilizzato contro i giornalisti per qualcosa che hanno pubblicato, in un’intensa repressione da parte delle autorità in una città nota da tempo per le sue libertà.

Apple Daily ha riferito che la sua direzione ha preso la decisione preoccupata per la sicurezza dei dipendenti e per le questioni occupazionali.

In un post su Instagram, il giornale ha ringraziato i suoi lettori.

“Anche se la fine non è quella che vogliamo, anche se è difficile lasciar andare, dobbiamo continuare a vivere e preservare il design che abbiamo condiviso con i residenti di Hong Kong che è rimasto invariato per 26 anni”, ha scritto Apple Daily.

Il giornale ha affermato che prevedeva di stampare 1 milione di copie dell’edizione finale, rispetto alle solite 80.000, e la gente si è messa in fila per acquistarla.

Mercoledì, la polizia ha arrestato un uomo di 55 anni con l’accusa di collusione straniera per mettere in pericolo la sicurezza nazionale. Secondo Apple Daily, che cita fonti sconosciute, l’uomo scrive editoriali per il quotidiano con lo pseudonimo di Li Ping.

Uno schietto difensore della libertà

Apple Daily è stato schietto nel difendere le libertà di Hong Kong e negli ultimi anni ha spesso criticato i governi di Cina e Hong Kong per aver limitato le libertà democratiche della città e i diritti alla libertà di parola e di riunione non presenti nella Cina continentale.

Negli ultimi anni, il giornale è stato oggetto di crescente attenzione per la sua posizione pro-democrazia. Il suo fondatore, il magnate dei media Jimmy Lai, è accusato di complicità straniera ai sensi del National Security Act e sta attualmente scontando una pena detentiva per il suo coinvolgimento in riunioni non autorizzate nel 2019, durante il periodo delle massicce proteste antigovernative in città.

Il magnate dei media pro-democrazia di Hong Kong Jimmy Lai ha spinto i membri dei media a Hong Kong il 12 agosto 2020, dopo che il fondatore dell’Apple Daily è stato arrestato in base alla nuova legge sulla sicurezza nazionale. (Isaac Lawrence/AFP/Getty Images)

Il congelamento dei beni è stato il motivo della scomparsa del giornale. Il consiglio aveva scritto all’inizio di questa settimana all’ufficio di sicurezza di Hong Kong chiedendo che alcuni dei suoi fondi fossero rilasciati in modo che l’azienda potesse pagare gli stipendi.

L’operazione di polizia contro l’Apple Daily ha suscitato critiche da Stati Uniti, Unione Europea e Gran Bretagna, secondo cui le autorità di Hong Kong e della Cina stanno prendendo di mira le libertà promesse alla città quando l’ex colonia britannica è stata restituita alla Cina nel 1997.

Le azioni intraprese dalla polizia contro l’Apple Daily “invieranno i brividi lungo la spina dorsale di tutti i media che operano a Hong Kong”, ha affermato Yamini Mishra, direttore regionale di Amnesty International per l’Asia e il Pacifico.

“La chiusura forzata dell’Apple Daily è il giorno più buio per la libertà dei media nella storia recente di Hong Kong”, ha detto Mishra. “Il giornale è stato effettivamente bandito dal governo per aver pubblicato articoli critici nei suoi confronti e per aver riferito di dibattiti internazionali su Hong Kong. Kong.”

Una legge sulla sicurezza nazionale imposta lo scorso anno criminalizza la sovversione, il separatismo, il terrorismo e la collusione straniera.

Funzionari cinesi e di Hong Kong hanno affermato che i media devono rispettare la legge e che la libertà di stampa non può essere utilizzata come “scudo” per attività illegali.

Un uomo tiene una pila dell’ultimo numero di Apple Daily in un’edicola a Hong Kong il 24 giugno 2021. (Vincent Yu/The Associated Press)

primo tentativo

Tong Ying Kit, la prima persona ad essere processata secondo la legge, si è dichiarata non colpevole mercoledì per le accuse di terrorismo e separatismo guidando una moto che ha scioccato gli agenti di polizia durante un raduno del 2019 mentre portava una bandiera con lo slogan “Free Hong Kong, Revolution del nostro tempo”. Un certo numero di agenti sono stati pizzicati e tre sono rimasti feriti.

Il suo processo determinerà la gestione da parte di Hong Kong dei crimini di sicurezza nazionale. Finora, più di 100 persone sono state arrestate ai sensi del Security Act, inclusi importanti attivisti pro-democrazia come Lai, fondatore di Apple Daily.

Lo slogan “Hong Kong libera, la rivoluzione del nostro tempo” è stato spesso ripetuto durante le manifestazioni anti-governative che chiedevano più ampie libertà democratiche. Le proteste accusano Pechino di aver rinnegato la promessa del 1997 di consegnare Hong Kong dalla Gran Bretagna, secondo cui la città potrebbe mantenere le libertà che la Cina non ha visto da nessun’altra parte in 50 anni.

La Cina ha risposto con misure drastiche per mettere a tacere le voci dissenzienti, inclusa la legge sulla sicurezza nazionale.

La legislazione rende illegali le richieste di indipendenza di Hong Kong e un avviso del governo lo scorso luglio affermava che lo slogan di protesta si riferiva implicitamente alle richieste di indipendenza e alla lesione del potere statale.

Un tribunale ha stabilito il mese scorso che Tung sarà processato senza giuria, in una rottura con le tradizioni di common law a Hong Kong. Ai sensi del National Security Act, un collegio di tre giudici può sostituire i giurati e il capo della città ha il potere di nominare giudici per esaminare tali casi.

La legge prevede una pena massima dell’ergastolo per reati gravi. Tong viene processato in Corte Suprema, dove non c’è un tetto alle sanzioni.

READ  La campionessa olimpica Simone Biles si ritira dall'evento Tokyo All-around