Amantea online

Le ultime notizie italiane tra cui notizie politiche, storie sportive, criminalità e titoli vaticani.

Il ministro dell’Unione Anurag Thakur risponde a Chidambaram; Dice che l’economia si riprenderà dopo le riforme الإصلاح

NUOVA DELHI (Reuters) – Il ministro delle finanze Anurag Thakur ha risposto mercoledì all’ex ministro delle finanze P Chidambaram per i suoi commenti sull’economia e ha affermato che mercoledì la crescita dell’India riprenderà grazie a riforme coerenti e solidi fondamentali.
Thakur si è anche lamentato del fatto che “un Congresso senza leadership[si stava]comportando come uno struzzo nella lettura dei dati economici”.
“L’economia indiana è resiliente e si riprenderà nei tempi a venire sulla base di riforme coerenti che hanno garantito solidi fondamentali durante questi tempi difficili.
“Non sono sorpreso che l’ex cancelliere abbia scelto di ignorare i dati concreti e abbia invece proceduto con ‘Wattwater’ – la leadership del Congresso ha incarnato questo approccio sottile nel corso degli anni”, ha affermato il ministro sindacale in un comunicato stampa.
Ha osservato che riforme coerenti e solidi fondamentali hanno assicurato la rapida ripresa dell’India da una contrazione del 24,4% nel primo trimestre all’1,6% di crescita nel quarto trimestre dell’anno fiscale 2020-2021.
Martedì, Chidambaram ha descritto l’anno fiscale 2020/21 come “l’anno più buio dell’economia in quattro decenni” e ha affermato che una crescita record negativa ha lasciato “la maggior parte degli indiani più povera di quanto non fosse due anni fa”.
Chidambaram ha criticato il governo per aver fuorviato la gente, riferendosi alle accuse di “germogli verdi” del ministero delle Finanze nel luglio dello scorso anno, dopo che la prima ondata aveva raggiunto il suo apice e anche a causa della cattiva gestione delle finanze del Paese.
L’economia indiana – che stava rallentando anche prima dello scoppio della pandemia lo scorso anno – si è contratta del 7,3% durante il periodo fiscale aprile 2020-marzo 2021 (FY21), influenzata dal blocco nazionale che ha ridotto i consumi e fermato la maggior parte delle attività economiche.
Questa è la prima contrazione annuale dell’economia indiana negli ultimi quattro decenni dal 1979-80, quando il PIL si è ridotto del 5,2 per cento.
Tuttavia, la performance è stata migliore rispetto alla prevista contrazione dell’8% nell’indagine economica 2020-2021.
Sulla questione delle fosche prospettive formulate dall’ex ministro delle Finanze, Thakur ha affermato: “Mentre dubitate della capacità di uomini d’affari, piccole imprese, commercianti e MPMI indiani di rilanciarsi, varie agenzie internazionali prevedono una crescita dell’India del 12,5% nell’esercizio 2021-22 rendendo l’India l’unica grande economia che prevede una crescita a due cifre”.
“L’economia indiana è un’isola; altre grandi economie non hanno registrato una contrazione del PIL? Non sai che Francia, Germania, Italia e Regno Unito si sono contratte dell’8,2 per cento, del 4,9 per cento, dell’8,9 per cento e del 9,9 per cento? rispettivamente”, ha detto Thakur.
Ha anche osservato che anche Canada, Russia, Sudafrica e Stati Uniti hanno registrato una contrazione del PIL lo scorso anno e che, nonostante le turbolenze nel mondo globalizzato, l’India è rimasta resiliente.
Inoltre, il ministro Chidambaram ha sollecitato un cambio di marcia rispetto alle sue previsioni fosche e apocalittiche e ha sottolineato che il blocco ha salvato vite consentendo al contempo l’apertura graduale di germogli verdi.
Sulla questione del trasferimento di denaro ai poveri e agli agricoltori, Thakur ha affermato che durante il decennio della NDA (2014-19), il governo ha speso Rs 8 crore per l’acquisto di grano e riso rispetto a Rs 3,74 crore durante il periodo UPA ( 2009-14).
Il ministro ha affermato che il governo guidato dal primo ministro Narendra Modi ha acquistato 74 volte più legumi a MSP (Minimum Support Price) rispetto a quelli acquistati durante l’UPA 2009-14.
Ha anche notato che il governo NDA ha acquistato 306,9 milioni di tonnellate di riso e 162,7 milioni di tonnellate di grano negli ultimi cinque anni rispetto al 2009-2013 durante il periodo UPA in cui sono stati acquistati 176,8 milioni di tonnellate di riso e 139,5 milioni di tonnellate di grano.
Thakur ha affermato che aprendo conti crore di Rs 42 a Jan Dhan, il governo Modi ha bloccato le perdite nel sistema per garantire che ogni rupia raggiunga rapidamente il destinatario previsto e anche durante la pandemia di Covid, tramite Direct Bank Transfer (DBT), ha fornito finanziamenti sostegno a milioni.
L’ex ministro delle finanze ha ricordato che il DBT è stato dato anche nell’ambito del NSAP (Programma nazionale di assistenza sociale) a vedove, divyang, anziani, lavoratori edili, nonché addebitare PM-KISAN agli agricoltori e dare un contributo del 24% all’EPFO e Ujjwala.
Notando che le rimesse totali superano i 68.000 crore di Rs, Thakur si è chiesto se non si trattasse di “contanti”.
Mentre il governo UPA durante il mandato (Chidambaram) come ministro delle finanze ha erogato i crediti inesigibili, ha affermato Thakur, il governo Modi ha fornito una garanzia governativa di 3.000 crore di rupie attraverso lo schema ECLGS per consentire all’industria di mantenere e rilanciare le proprie attività.
Ha aggiunto che più di 2,65 crore di rupie sono stati sanzionati da banche del settore pubblico e privato e NBFC su più di 92 conti come parte del “Corporate Cash Flow” nell’ambito dell’Emergency Credit Line Guarantee Scheme (ECLGS).