Amantea online

Le ultime notizie italiane tra cui notizie politiche, storie sportive, criminalità e titoli vaticani.

Il miliardario italiano di Diesel Jeans cerca di cucire insieme la moda

Il fondatore miliardario Diesel Jeans ha la missione di convincere molti dei giovani attori italiani della moda che la loro sopravvivenza dipende dal lavorare insieme.

Alcune piccole aziende “non saranno in grado di sostenere i costi dello sviluppo digitale, e non otterranno un accordo con le grandi piattaforme Internet”, ha detto in un’intervista Renzo Rosso, il 65enne fondatore di Diesel SpA. “Alcune aziende di moda dovranno accettare partnership e queste alleanze daranno loro una visione che prima non esisteva”.

Renzo Russo

Fotografo: Stefano Guindani / OTB Group

Rousseau è stato recentemente nominato delegato della lobby aziendale Confindustria Con il mandato di supportare il marchio Made in Italy, colonna portante dell’industria del lusso del Paese. La sfida sarà convincere i pionieri dissidenti della moda italiana a lavorare insieme e creare un fronte più unito.

Sebbene possa vantare una serie impressionante di marchi iconici, l’Italia manca di un campione nazionale nel settore del lusso, a differenza della Francia, che ha aziende dominanti come LVMH Moet Hennessy Louis Vuitton SE e Kering SA.

Ciò ha portato i giocatori stranieri a conquistare marchi iconici, tra cui Michelle Kors che ha acquistato il designer Gianni Versace nel 2018.

Si vocifera da anni di accordi che coinvolgono liberi professionisti come Giorgio Armani SpA e Salvatore Ferragamo SpA, anche se Russo dice di essere ottimista sul fatto che i passi compiuti ora possano aiutare a mantenere alcune di queste società nelle mani dell’Italia.

Il miliardario italiano si affeziona a Diesel Jeans e guarda a Stitch Together Fashion Front

La sede del Gruppo OTB è vicino a Berganzi, in Italia.

Fotografo: Daniele Domenicali / OTB Group

Decisioni insieme

Rousseau ha detto che il modello francese potrebbe essere vantaggioso, con “gli imprenditori che lavorano insieme, il governo coinvolto”. In passato, l’industria italiana era “un disastro, le persone erano ostili tra loro”.

READ  I residenti dell'Alberta sono rimasti sorpresi dalla mossa del governo federale di aumentare gli obiettivi di emissioni di gas serra

Adesso c’è un’atmosfera amichevole, ha detto. “Ermenegildo Zegna, Remo Rovini di Moncler, Patrizio Bertelli, Luigi Maramotti e io prendiamo insieme le decisioni strategiche”.

Bertelli è co-fondatore di Prada SpA e Maramotti è il presidente di Max Mara.

Il governo del primo ministro Mario Draghi potrebbe essere più aperto dei precedenti dipartimenti per fornire supporto all’industria. Il ministro dello Sviluppo economico Giancarlo Giorgetti ha detto che Roma potrebbe estendere la sua cosiddetta protezione energetica dell’oro – misure statali per prevenire o gestire la proprietà straniera di società strategiche – nei settori automobilistico e siderurgico, scatenando la speculazione che le società di materie prime di marca potrebbero essere le prossime.

Il mese scorso LVMH ha aumentato la sua partecipazione in Tod’s SpA al 10%, scatenando la voce che il travagliato calzolaio italiano potrebbe diventare un obiettivo per l’acquisizione. La maison francese possiede già i marchi Bvlgari e Fendi.

Il fondatore di Armani Giorgio Armani non esclude un accordo per la sua azienda, anche se vuole mantenerlo in Italia. Armani ha detto che continuare come azienda indipendente “non è assolutamente necessario” Vogue Magazine March Magazine. “Si potrebbe pensare di entrare in contatto con un’importante azienda italiana”, ha detto.

Armani potrebbe vedere le cose allo stesso modo di Russo. Secondo il fondatore di Diesel, raggruppare le aziende italiane di prodotti di marca le rende più competitive e sarà essenziale per la loro crescita tecnologica e per la capacità di sviluppare prodotti sostenibili.

Dichiarazione di non responsabilità pubblicata / concordata il 6 maggio 2021

Disegni della collezione Viktor & Rolf Primavera / Estate 2021.

Fonte: OTB Group

Trasmissione costosa