Amantea online

Le ultime notizie italiane tra cui notizie politiche, storie sportive, criminalità e titoli vaticani.

Il legame di Lightning con i Canadiens è profondo prima della finale della Stanley Cup

Tampa, Florida – Quando Julian Presboa iniziò a lavorare per i Montreal Canadiens, gli diedero un ufficio vicino a quello che Jean Bellevue teneva al Bell Center.

I primi giorni della sua carriera di hockey sono stati formati da ex studenti dell’organizzazione. BriseBois è cresciuto nel sobborgo di Montreal Greenfield Park ed è stato assunto dal team come avvocato di 24 anni nel 2001, attingendo alle esperienze di Bob Gainey, Guy Carbonneau, Rick Green, Roland Melanson, Pierre Mondou e Rejean Houle .

“Stavo imparando molto di più di quanto contribuissi a quel punto”, dice ora, in procinto di guardare la sua squadra al Tampa Bay Lightning affrontare i canadesi nella finale della Stanley Cup. “Ho chiesto loro molti, molti, molti di domande e sono stati molto generosi nel condividere le loro esperienze”.

Trasmissione in diretta di ogni partita di playoff della Stanley Cup senza interruzioni. Inoltre, ottieni Draft NHL, Free Agency, Blue Jays e MLB, Playoff NBA e altro ancora.

Con questo tipo di educazione, BriseBois capisce meglio di molti altri cosa significa perseguire il 25esimo campionato a Montreal. Come questo playoff inaspettato si è riverberato in tutta la contea nelle ultime sei settimane e ha mandato migliaia di persone nelle strade il giorno di Saint-Jean-Baptiste per celebrare il marciapiede nella finale.

E quanti membri di Lightning ora sono passati da amici o familiari a nemici.

“Non ci sono molte organizzazioni sportive in cui le persone scrivono canzoni sulla squadra e si divertono”, ha detto Presbyio domenica in francese. “Siamo molto consapevoli – abbiamo un certo numero di giocatori del Quebec nella nostra organizzazione – sappiamo di avere otto milioni di avversari che dovremo sconfiggere se vogliamo vincere la Stanley Cup”.

READ  Guida alle scommesse sulla finale della Stanley Cup: quote, pronostici, oggetti di scena e altro

Solo in questa stagione che cambia la pandemia i canadesi e Lightning possono incontrarsi con un campionato in palio. Entrambi di solito giocano al di fuori dell’Atlantic Division, e si sono affrontati al primo turno nel 2014 e al secondo turno nel 2015.

È insolito per un giocatore canadese affrontare la squadra della sua città natale nella finale della Stanley Cup perché è passato un decennio dall’ultima volta che qualcuno ha avuto una possibilità – quando i Boston Bruins di Milano hanno battuto i Vancouver Canucks nel 2011.

Lightning è caricato con connessioni Quebec. Yanni Gord e David Savard sono entrambi cresciuti come fan canadesi nella provincia, così come Alex Killorn nel sobborgo di Montreal di Beaconsfield. Anche gli extra Mathieu Joseph, Alex Barry Boulet e Daniel Walcott provengono tutti dal Quebec.

Poi ci sono BriseBois, il direttore delle operazioni di hockey Matteo Darci, il direttore dello sviluppo dei giocatori GB Cote, l’allenatore dei portieri Franz Jen e l’allenatore della forza Mark Lambert, tra gli altri.

Killorn ha detto che i suoi messaggi di testo dai prefissi 514 sono stati finora molto civili, ma solo perché ha amici che sperano di ottenere i biglietti da lui. Sa che anche coloro che gli augurano buona fortuna probabilmente non lo pensano sinceramente.

“Ascolta, capisco quanto sia importante per la città di Montreal”, ha detto Killorn. “Sono cresciuto lì, sono cresciuto tifoso dei Montreal Canadiens. Sono felice per la città: hanno chiuso e [under] Coprifuoco per ottenere questo?

“E ‘sicuramente emozionante.”

Iscriviti alla newsletter della NHL

Ricevi la migliore copertura NHL e le nostre offerte esclusive direttamente nella tua casella di posta!

La Stanley Cup trascorrerà molto tempo a Montreal quest’estate, indipendentemente da chi vincerà la serie. E non solo perché è lì che vengono incisi i nomi dei vincitori ogni anno.

READ  Le stelle colpiscono i fulmini per aiutare i tornado a conquistare il numero uno in centro

Gourde di Saint-Narcisse ha segnato l’unico gol nella vittoria di gara 7 sugli isolani per arrivare a Tampa qui. La prospettiva di giocare per la squadra della sua infanzia è così eccitante che ricorderà a se stesso di mantenere la calma in vista della prima partita di lunedì sera.

“E’ davvero grande”, ha detto Gordes in francese. “Sono eccitato per la sfida. Non vedo l’ora di iniziare, che il disco cada, di mettere tutto da parte e giocare a hockey, per combattere i canadesi.

“Sappiamo quanto sono bravi, quanto sono forti nel gioco e quanto sia difficile generare opportunità da gol. Non vediamo l’ora che arrivi la sfida, è grande per me e per la squadra”.

Ci sono grandi sfumature storiche per una serie che sarà contestata nel caldo di fine giugno e inizio luglio. I canadesi potrebbero estendere il loro campionato NHL migliore vincendo un torneo che alcuni non pensavano fosse possibile fino a due mesi fa. E Lightning sta cercando di fare un passo indietro e rivendicare il terzo titolo del franchise nel processo.

BriseBois ha avuto un ruolo importante nel loro recente successo, unendosi a Tampa nel 2010 come braccio destro di Steve Yzerman prima di assumere il ruolo di GM nel 2018. Ha cercato di portare parte della cultura dei canadesi in un luogo dove vivono molti. I canadesi vengono per sfuggire ai rigidi mesi invernali.

“Quando Steve ed io abbiamo iniziato a mettere insieme il programma qui, era chiaro che proveniva da una grande organizzazione, i Detroit Red Wings, e avevano avuto molto successo e quindi stava portando quelle lezioni al nostro gruppo di gestione e io stavo portando le esperienze e le lezioni che ho imparato in un’altra grande organizzazione, Montreal Canadians”, ha detto Presboa.

READ  Ryo e il pipistrello erano adorabili, Jays ha battuto i Red Sox

“Abbiamo messo insieme tutte queste esperienze nel tentativo di costruire la squadra che abbiamo qui e l’organizzazione che abbiamo qui”.

Un’altra organizzazione ancora in piedi tra i canadesi e la Stanley Cup.