Amantea online

Le ultime notizie italiane tra cui notizie politiche, storie sportive, criminalità e titoli vaticani.

Il COVID-19 non è ancora finito. Ma ecco come alcuni dei nostri lettori sperano di tornare alla normalità nel 2021

Se il 2020 è una storia di moderazione e cautela, l’estate del 2021 è una storia di speranza e ottimismo.

Con l’aumento del numero di vaccinazioni e l’allentamento delle restrizioni, alcuni cittadini di Toronto stanno uscendo dalla pandemia con un elenco di “cose ​​da fare”.

A maggio, quando il Canada è passato alla sua prima strategia di accelerazione della dose di vaccino, CBC Toronto ha chiesto ai lettori cosa intendono fare una volta che il Canada inizierà a riaprire. Poiché tutti i canadesi di età pari o superiore a 18 anni possono ora beneficiare di una seconda dose, abbiamo contattato alcuni lettori che ci hanno scritto per vedere cosa c’è nella loro lista di “cose ​​da fare”.

Lista dei desideri canadesi

Jamil Al Suri non ha avuto quasi nessuna opportunità di mangiare nei ristoranti a causa del COVID-19. Questa è la sua unica foto in un ristorante in Canada. (Jamil El-Soure)

Quando Jamil Al-Suri è stato accettato dalla York University come studente internazionale di ingegneria, c’erano molte cose nel suo elenco canadese.

“Volevo andare a Vancouver, fare un po’ di paracadutismo lì, e volevo andare in Quebec per vedere la natura”, ha detto.

Ma Suri è atterrato a Toronto dalla Giordania nel gennaio di quest’anno nel bel mezzo della seconda ondata. Ciò significa che molte attività sono chiuse o limitate.

Tuttavia, è riuscito a eliminare due esperienze canadesi – snowboard e pattinaggio – dalla sua lista. Esplora anche parte del centro di Toronto. “Ho visto la CN Tower dall’esterno”, ha detto.

“Ho adorato Toronto, è un posto molto divertente.”

Suri è tornato nella sua terra natale in Giordania per trascorrere l’estate. Quando tornerà per l’autunno, spera di avere il Canada aperto in modo da poter cancellare più attività..

“La prima cosa che ho intenzione di fare è finalmente entrare nella CN Tower”, ha detto.

Ricarica il calendario social

Coleton, all’estrema sinistra, con il suo team di fisioterapia una settimana prima della chiusura nel marzo 2020. Mentre la sua clinica è stata impegnata durante la pandemia, non vede l’ora di riprendere presto la sua vita sociale. (Brian Coletto)

Con molte persone che lavorano da casa e non fanno molto esercizio, il fisioterapista Brian Coleton è stato più impegnato che mai durante la pandemia.

“Non è cambiato molto perché eravamo considerati di base, quindi lavoravamo a tempo pieno”, ha detto. “All’epoca era un po’ fastidioso, ma ti ci abitui.”

Dopo un anno intero di duro lavoro, la riapertura dell’Ontario lo ha entusiasmato di tornare a grandi eventi sociali, come un matrimonio di famiglia a settembre.

“Cominci davvero a capire cosa ti manca davvero e cosa è importante per te. Molte di queste persone non le vedevo da Natale 2019.”

Coleton sta anche cercando di riempire il suo calendario sociale con eventi minori che gli sono piaciuti prima della pandemia.

“Cose come uscire a vedere la capanna del tuo amico, è iniziata la mia stagione di baseball, cose del genere”, ha detto. “Si tratta solo di tornare a fare le cose normali che già davamo per scontate.

Ritorno all’arte e alla cultura

Sarah Kravitz e la prima colazione di suo marito a Toronto quest’anno in un patio. (Sarah Kravitz)

A maggio, l’università di economia Sarah Kravitz ha detto a CBC Toronto ciò che non vedeva l’ora: “cultura” scritta in tutti i cappelli. “Musica dal vivo, spettacoli teatrali, spettacoli di danza, arte pubblica”.

Sebbene molti musei, concerti e spettacoli siano online, ha detto che nulla può essere paragonato a vivere quegli eventi di persona.

“L’arte e la cultura fanno parte della mia vita e del mio benessere”, ha detto. “Penso davvero che faccia bene al benessere di chiunque.”

Anche il marito di Kravitz, un musicista, ha recentemente iniziato a suonare negli spazi del patio all’aperto. Questo le fa sperare che gli eventi culturali stiano per tornare.

“Ho tenuto viva la speranza per tutto il tempo”, ha detto. “Questo è ciò che ti tiene sveglio.”

Non vede l’ora di assistere a uno degli spettacoli di suo marito.

“Andrò lì a bere un bicchiere di vino e mi godrò la musica”, ha detto. “È davvero bello.”

di nuovo sullo schermo

Un fermo immagine da un video promozionale per il film di Duran “It Matters What”, che sarà mostrato al Vector Festival di Toronto ad agosto. (Francesca Duran)

In qualità di regista sperimentale e insegnante di cinema, gran parte del lavoro di Francesca Duran dipende da fattori come la stanza, lo spazio sonoro e le persone che guardano i suoi film insieme.

Ora che l’Ontario ha allentato le restrizioni, Doran è entusiasta di partecipare ancora una volta agli spettacoli di persona. I suoi film saranno proiettati in due prossimi festival quest’anno: uno a Toronto e uno a Winnipeg.

“La sensazione è indescrivibile, ma non voglio essere troppo eccitata perché non voglio essere delusa”, ha detto. “Sono cautamente ottimista sul fatto che me ne andrò”.

Ha detto che la pandemia le ha permesso di prendere parte a diversi programmi di film online a cui normalmente non avrebbe potuto partecipare.

“Volare è costoso e la maggior parte dei festival non può permettersi artisti internazionali”, ha detto.

“Devo incontrare persone che non ho mai incontrato prima. Ma è diverso dal guardare il tuo lavoro al computer.”

riunione di famiglia

La famiglia di Marianne Crawford nel loro cottage a Honey Harbor, nell’Ont. , prima dell’epidemia. Crawford nel mezzo, abbracciando il suo patrigno. (Marian Crawford)

Marian Crawford non vede l’ora di andare alle riunioni di famiglia e fare gite di un giorno quando la pandemia sarà finalmente finita.

“Ci è sempre piaciuto fare gite di un giorno”, ha detto la madre di tre adulti. “È sempre stato un legame comune e un modo per unire tutti i bambini e me”.

A causa della debole immunità, i figli di Crawford hanno dovuto allontanarsi fisicamente ed evitare il contatto ravvicinato con lei per più di un anno. Questo ha reso il primo abbraccio della sua famiglia con persone completamente vaccinate ancora più speciale.

“Sono rimasta così sorpresa quando sei uscito dalla porta con le braccia spalancate, pronto a coccolarti”, ha detto.

Spera che tutta la sua famiglia possa godersi un vero viaggio di famiglia entro settembre. Una priorità assoluta è quella di visitare l’anziano patrigno di Crawford, che non vedono dal 2019.

“Mi ha cresciuto parzialmente ed era lì fuori per la nascita dei miei tre figli”, ha detto.

“È la priorità che dobbiamo vedere come famiglia”.

READ  Overwatch 2 sta cambiando le squadre multiplayer in squadre di cinque persone e sta modificando i confini dei ruoli