Amantea online

Le ultime notizie italiane tra cui notizie politiche, storie sportive, criminalità e titoli vaticani.

Il capo dell’OMS afferma che la pressione sull’avversario della teoria delle perdite di laboratorio è “prematura” in Cina

Il capo dell’Organizzazione mondiale della sanità ha ammesso che è troppo presto per escludere un possibile collegamento tra di loro Pandemia di COVID-19 e perdita di laboratorioHa detto che sta chiedendo alla Cina di essere più trasparente mentre gli scienziati cercano le origini del coronavirus.

In una rara deviazione dal suo solito rispetto per i potenti Stati membri, il direttore generale dell’OMS Tedros Adhanom Ghebreyesus ha affermato che l’accesso ai dati grezzi è stata una sfida per il team internazionale che si è recato in Cina all’inizio di quest’anno per indagare sulla fonte di Covid-19. I primi casi umani sono stati identificati nella città cinese di Wuhan.

Tedros ha detto ai giornalisti che l’agenzia sanitaria delle Nazioni Unite con sede a Ginevra “in effetti chiede alla Cina di essere trasparente, aperta e cooperare, soprattutto per quanto riguarda le informazioni e i dati iniziali che abbiamo richiesto nei primi giorni dell’epidemia”.

Ha detto che c’è stata una “spinta precoce” per escludere la teoria secondo cui il virus potrebbe essere fuggito da un laboratorio del governo cinese a Wuhan, minando un rapporto dell’OMS di marzo, che concludeva che una perdita di laboratorio era “estremamente improbabile”.

“Io stesso ero un tecnico di laboratorio, sono un immunologo e ho lavorato in laboratorio, e ci sono stati incidenti di laboratorio”, ha detto Tedros. “È comune a.”

Ha affermato che l’OMS sta gettando le basi per nuove indagini sulla provenienza del Covid-19, aggiungendo: “Speriamo che ci sarà una migliore cooperazione per arrivare alla verità su ciò che è accaduto”.

Negli ultimi mesi, l’idea che la pandemia in qualche modo sia iniziata in un laboratorio – e potrebbe aver coinvolto un virus ingegnerizzato – ha preso piede, in particolare con il presidente Joe Biden. Ordina una revisione della CIA Per valutare la probabilità di maggio.

La Cina ha risposto con forza, sostenendo che i tentativi di collegare le origini di Covid-19 a un laboratorio erano politicamente motivati ​​e suggerendo che il virus potrebbe essere iniziato all’estero. Alla riunione annuale dei ministri della salute dell’OMS in primavera, la Cina ha affermato che la futura ricerca delle origini di Covid-19 deve continuare, in altri paesi.

La maggior parte degli scienziati sospetta che il coronavirus abbia avuto origine nei pipistrelli, ma il percorso esatto attraverso il quale è passato per la prima volta all’uomo, attraverso un animale intermedio o altro, deve ancora essere determinato. Di solito ci vogliono decenni per restringere la fonte naturale di un virus animale come l’Ebola o la SARS.

Tedros ha affermato che “controllare cosa è successo, specialmente nei nostri laboratori, è importante” per chiarire se la pandemia contiene collegamenti di laboratorio.

“Abbiamo bisogno di informazioni di prima mano e informazioni sulla situazione in cui si trovava questo laboratorio prima e all’inizio dell’epidemia”, ha affermato il capo dell’OMS, aggiungendo che la cooperazione della Cina è stata fondamentale. “Se otteniamo informazioni complete, possiamo escludere (contatto di laboratorio).”

Durante la pandemia, Tedros ha ripetutamente elogiato la Cina per la sua velocità e trasparenza, anche se i massimi funzionari dell’OMS si lamentano internamente del blackout delle loro controparti cinesi.

I membri del team dell’OMS che indagano sulle origini del coronavirus Covid-19 arrivano in auto all’Istituto di virologia di Wuhan Foto: Hector Retamal/AFP/Getty Images

L’anno scorso, l’Associated Press ha trovato l’Organizzazione mondiale della sanità frustrata dalla mancanza di dettagli dalla Cina durante le prime fasi dell’epidemia di coronavirus e ha mostrato che la Cina stava reprimendo la ricerca nascosta delle origini della pandemia.

Diversi esperti di salute pubblica hanno anche chiesto un esame indipendente delle origini di Covid-19, sostenendo che l’OMS non ha il peso politico per condurre una simile analisi forense e che l’agenzia delle Nazioni Unite non è riuscita dopo più di un anno a estrarre critiche dettagli dalla Cina.

Jimmy Metzl, che ha guidato un gruppo di scienziati che chiedono un’indagine più ampia sulle origini, ha accolto con favore i commenti di Tedros, ma ha affermato che è “estremamente deplorevole e pericoloso” che non ci siano attualmente piani per un’indagine condotta da esperti al di fuori dell’agenzia sanitaria delle Nazioni Unite. .

Qualsiasi missione guidata dall’OMS in Cina richiede anche l’approvazione del governo per tutti gli esperti che viaggiano nel paese, nonché il permesso di visitare i siti sul campo e l’approvazione finale di qualsiasi rapporto di volo. Il capo delle emergenze dell’OMS, il dottor Michael Ryan, aveva precedentemente affermato che l’agenzia stava lavorando per consenso e non poteva costringere i paesi a cooperare.

La richiesta di trasparenza di Tedros è stata ripresa dal ministro della Sanità tedesco, Jens Spahn, che ha esortato i funzionari cinesi a consentire un’indagine sulle origini del virus.

“Apprezziamo la cooperazione del governo cinese finora nella prima missione”, ha detto Spahn. “Ma non è ancora abbastanza.”

Giovedì, il comitato di emergenza dell’Organizzazione mondiale della sanità ha avvertito che si prevedeva che nuovi e più pericolosi tipi di virus Covid-19 si diffondessero in tutto il mondo, rendendo difficile fermare la pandemia.

L’annuncio è stato un’altra brutta notizia poiché molti paesi sono alle prese con una nuova ondata di infezioni innescata da nuove varianti, identificate per la prima volta in India.

“L’epidemia non è quasi finita”, ha avvertito il comitato in una dichiarazione giovedì dopo una riunione del giorno precedente.

Il capo della Commissione Didier Hussain ha ammesso ai giornalisti che “le tendenze recenti sono preoccupanti”.

Un anno e mezzo dopo che l’Organizzazione Mondiale della Sanità ha annunciato per la prima volta il cosiddetto pubblico Salute Stato di emergenza di preoccupazione internazionale (PHEIC) – il suo livello di allerta più alto – “Stiamo ancora cercando questo virus e il virus ci sta ancora cercando”.

READ  Due donne liberate da uno scontro in Minnesota contro una rapina in banca