Amantea online

Le ultime notizie italiane tra cui notizie politiche, storie sportive, criminalità e titoli vaticani.

I vaccini per il Covid-19 in India si stanno esaurendo mentre la seconda ondata accelera

Venerdì, il paese ha segnalato 217.353 nuovi casi, il più alto per un giorno finora, secondo i dati del Ministero della Salute indiano. L’India ha aggiunto 1 milione di nuovi casi in meno di una settimana, battendo 14 milioni giovedì.

Gli stati e le città stanno imponendo nuove restrizioni, incluso il coprifuoco nei fine settimana e nelle notti nell’area metropolitana di Delhi, che ospita 19 milioni di persone. I lavoratori migranti stanno anche lasciando le grandi città in massa per i loro villaggi d’origine, temendo che eventuali chiusure li lascino bloccati.

In tutto questo, le scorte di vaccini si sono prosciugate sul terreno, con almeno cinque stati che hanno segnalato gravi carenze e hanno esortato il governo federale ad agire.

Di fronte alla crisi, il governo e la SII hanno spostato l’attenzione dalla fornitura di vaccini a COVAX per dare la priorità ai propri cittadini a casa.

COVAX, che è gestita da una coalizione che include l’organizzazione internazionale per la vaccinazione Gavi e l’Organizzazione mondiale della sanità, ha detto a … Comunicato stampa del 25 marzo. “Il ritardo nell’assicurare la fornitura di dosi del vaccino Covid-19 prodotto in SII è dovuto alla maggiore domanda di vaccini Covid-19 in India”.

L’India ha fornito finora 28 milioni di dosi di vaccino AstraZeneca e altri 40 milioni di dosi erano programmate per essere consegnate a marzo e 50 milioni ad aprile, afferma la dichiarazione, aggiungendo che COVAX e il governo indiano sono “ancora in discussione” sul completamento delle forniture. .

Non è la prima volta che l’India deve interrompere i suoi contributi COVAX: a gennaio, il governo ha imposto restrizioni all’esportazione dei vaccini AstraZeneca di SII “perché vogliono dare la priorità ai segmenti più vulnerabili e bisognosi prima”, CEO di SII Adar Poonawalla.

Ma questi frequenti ritardi colpiscono duramente i paesi poveri. Il direttore dell’Autorità africana per il controllo delle malattie ha avvertito che potrebbe esserlo anche la sospensione delle esportazioni dell’India “Catastrofico” per il continente – Anche se il Pakistan ha deciso, è uno dei maggiori destinatari del programma Autorizzazione ad importare vaccini speciali Vendite per colmare il divario.

I centri di vaccinazione tengono lontane le persone

L’India somministra due vaccini a livello nazionale: il vaccino Oxford-AstraZeneca, noto anche come Coffeeshield, e il suo vaccino locale Cofaxine, Sviluppato in collaborazione con Bharat Biotech e l’Indian Council of Medical Research (ICMR) gestito dal governo
Il Paese ha avviato a gennaio un programma di vaccinazione per operatori sanitari e gruppi prioritari, con l’obiettivo di una vaccinazione completa 300 milioni di persone Entro agosto. Ma il programma è stato un avvio lento, poiché ha incontrato problemi logistici e esitazioni sui vaccini tra la popolazione, in particolare nei confronti di Covaxin, che era stato approvato per l’uso di emergenza prima del rilascio dei dati di efficacia per la Fase III del suo studio.
Ad oggi, solo 14,3 milioni di persone sono state completamente vaccinate – poco più dell’1% della popolazione indiana di 1,3 miliardi, secondo Johns Hopkins University.

Ma la fiducia del pubblico è aumentata quando il governo ha avviato una campagna di sensibilizzazione per fugare le paure e accelerare il programma di vaccinazione. Con l’accelerazione dei nuovi casi giornalieri a marzo e aprile, diversi stati hanno iniziato a segnalare significative carenze di vaccini.

Un centro di vaccinazione a Mumbai, in India, è stato costretto a deportare persone a causa della mancanza di vaccini il 9 aprile.

E le autorità sanitarie hanno scritto in una lettera al governo centrale di Odisha, che quasi 700 centri di vaccinazione sono stati chiusi la scorsa settimana a causa della carenza, avvertendo che il paese esaurirà presto le scorte disponibili.

Il funzionario sanitario del Punjab Rajesh Bhaskar ha detto alla CNN la scorsa settimana che lo stato ha circa 450.000 dosi di Covishield e 30.000 dosi di Covaxin. Secondo il governo, lo stato ha una popolazione di oltre 27 milioni di abitanti Ultime statistiche disponibili. “Vogliamo vaccinare almeno 100.000 persone al giorno e l’attuale offerta è insufficiente per soddisfare questa domanda”, ha detto.

Diversi distretti del Maharashtra, lo stato più colpito, hanno dovuto sospendere temporaneamente le campagne di vaccinazione, inclusi più di 70 centri a Mumbai che sono stati chiusi la scorsa settimana, secondo il ministro della salute dello stato, Rajesh Top. Il Maharashtra ha dato più di 11,1 milioni di dosi a partire da giovedì, il maggior numero di qualsiasi stato indiano, secondo il Ministero della Salute indiano.

READ  Morto a 61 anni l'ex presidente delle Filippine Benigno Aquino | notizie di morte

“Abbiamo creato squadre sia nelle città che nei villaggi … per portare tutti gli over 45 a ricevere il vaccino”, ha detto Toby il 7 aprile. Non hanno ricevuto il vaccino, quindi dovrebbero tornare a casa “.

L’ex direttore generale dell’ICMR, Nirmal Kumar Ganguly, ha affermato che sono molte le sfide che contribuiscono alla carenza, una delle quali è l’approvvigionamento di materie prime.

Ganguly ha aggiunto che l’India “ha la capacità di produrre”, ma le catene di approvvigionamento sono state interrotte durante la pandemia. Le formulazioni dei vaccini e i materiali richiesti “non possono essere modificati dall’oggi al domani, quindi dobbiamo fare affidamento sulle materie prime che vengono importate”.

Gli Stati Uniti si sono sviluppati Divieto temporaneo Sull’esportazione delle materie prime necessarie per produrre vaccini – e così anche l’Unione europea Restrizioni strette Sulle esportazioni di vaccini. Ganguly ha detto che l’India sta ora lavorando per “adattarsi ai materiali fatti in casa o nei paesi vicini come Singapore”, ma che questo richiederà tempo.

Un’altra sfida, ha aggiunto, è la dipendenza del paese dall’indagine sull’impatto strategico. Ci sono altri produttori di vaccini nel paese, come Bharat Biotech, ma SII è ancora il più grande.

“La necessità è stata palesemente evidenziata che dobbiamo aumentare la nostra capacità”, ha detto Ganguly. “Siamo uno degli esportatori di vaccini, ma queste aziende stanno facendo due o tre aziende indiane al momento, e il resto non sono grandi attori e alcune di loro sono completamente nuove nella produzione di vaccini”.

Risposta del governo ibrido

Diversi stati hanno chiesto più dosi al governo centrale, ma i funzionari federali hanno rifiutato, insistendo che la situazione fosse sotto controllo.

READ  La Germania difende i preparativi per le inondazioni mentre continuano le ricerche e le operazioni di pulizia

Il ministro della Sanità indiano Harsh Vardan ha dichiarato la scorsa settimana in una dichiarazione che le lamentele di Top “non sono altro che un tentativo di distogliere l’attenzione dai ripetuti fallimenti del governo dello stato del Maharashtra nel controllare la diffusione dell’epidemia”. Il ministro dell’Interno Amit Shah ha anche confutato le accuse degli Stati, dicendo che le loro informazioni erano “errate” e che i vaccini erano disponibili “quanto basta”.

Il primo ministro Narendra Modi ha riferito che gli sforzi di vaccinazione in India hanno avuto successo. Durante un incontro con i governatori dello stato mercoledì, Modi ha confermato che “l’India è diventata il paese più veloce a raggiungere 10 milioni di vaccini (100 milioni di dosi)”, secondo una dichiarazione rilasciata dal suo ufficio.

L’India ha impiegato 85 giorni per raggiungere i 100 milioni di dosi. In confronto, gli Stati Uniti hanno impiegato 89 giorni e la Cina 102 giorni, Secondo l’ufficio di Moody’s.

Martedì, Rajesh Bhushan, il segretario del ministero della salute, ha detto che il problema era la scarsa pianificazione e gestione, non la fornitura. “Stiamo fornendo dosi ai paesi al momento giusto”, ha detto, aggiungendo che i paesi “dovrebbero considerare il numero di dosi inutilizzate che sono presenti in ogni punto della catena del freddo”.

Le loro dichiarazioni sono state accolte con rabbia dai leader locali e statali. L’affermazione di Shah era “realisticamente errata”, cinguettio Il 10 aprile il primo ministro del Rajasthan Ashok Gilot.

Kuldeep Martulia, funzionario del ministero della Salute, ha affermato che, sebbene la spedizione dell’ultimo minuto dal governo centrale avesse salvato Uttarakhand da una carenza totale, era tutt’altro che una soluzione ottimale e “i rifornimenti sono imprevedibili”.

Scatole di vaccino AstraZeneca, prodotto dal Serum Institute in India e donato dal governo indiano, arriveranno a Kabul, in Afghanistan, il 7 febbraio 2021.

Nel segno che il governo federale potrebbe sentire la pressione, questa settimana ha adottato misure per aprire le porte all’importazione di vaccini. Martedì ha annunciato che accelererà l’attuazione delle approvazioni di vaccini di emergenza già approvate dall’Organizzazione mondiale della sanità o dalle autorità di Stati Uniti, Europa, Gran Bretagna e Giappone.

READ  La Federal Reserve statunitense sta valutando come rispondere dopo la sentenza nel processo di Chauvin

Le aziende devono ancora richiedere l’approvazione in India, ma saranno esentate dall’obbligo di condurre prove di sicurezza locali, il che accelera il processo.

“Se qualcuno di questi organizzatori approva un vaccino, il vaccino è ora pronto per essere introdotto nel paese per l’uso, la produzione, l’imballaggio e la terminazione”, ha affermato il dott. F. K. Paul, un alto funzionario sanitario presso un centro di ricerca gestito dal governo, ha detto Niti Ayuj in una conferenza stampa martedì. “Speriamo e invitiamo produttori di vaccini come Pfizer, Moderna, Johnson & Johnson e altri … a prepararsi a venire in India il prima possibile”.

Ganguly ha detto che la mossa è stata un “passo calcolato” dal governo “per garantire la disponibilità di più vaccini”. Il governo potrebbe anche espandere la propria offerta attraverso il mercato privato, ma ciò comporta anche ulteriori sfide, ha affermato, inclusa la questione del prezzo dei vaccini per fornire un accesso equo ai poveri.

Ma anche la possibilità di importare vaccini stranieri non sarà una soluzione rapida, perché aziende come Pfizer e Moderna hanno altre richieste che devono essere soddisfatte prima, compresa la fornitura di vaccini agli Stati Uniti. Ganguly ha detto che l’India ha appena concesso una licenza d’emergenza per utilizzare il vaccino Sputnik russo, ma “quando avranno sviluppato le proprie capacità di produzione e requisiti di produzione, saranno necessari dai cinque ai sei mesi”.

Nel frattempo, il governo sta espandendo la capacità di produzione locale: giovedì l’Istituto biomedico statale del Maharashtra ha ottenuto il via libera per produrre un vaccino Covaxin, trasferendo la tecnologia con Bharat Biotech.

Un monaco indossa una maschera e si immerge nel Gange durante il Kumbh Mela Festival ad Haridwar, in India, il 12 aprile.
Nel frattempo, la seconda ondata oscilla, con casi in forte aumento ogni giorno. Milioni di persone viaggiano attraverso il paese per andare ad Haridwar, nell’Uttarakhand Kumbh MelaÈ una festa indù e il più grande pellegrinaggio sulla terra. Nonostante gli avvertimenti sui pericoli di Covid, enormi folle si riuniscono per eseguire preghiere, cerimonie e snorkeling nel Gange.

I casi stanno già aumentando ad Haridwar, spingendo lo stato a imporre nuove restrizioni giovedì. Almeno un gruppo religioso presente al festival, Niranjani Akhada, dall’esterno dello Stato ha chiesto di ritirarsi tra i montanti casi.

“Questo aumento è una scena molto pericolosa che sta accadendo in questo momento in India”, ha detto Ganguly. “Non abbiamo mai visto niente di simile prima.”