Amantea online

Le ultime notizie italiane tra cui notizie politiche, storie sportive, criminalità e titoli vaticani.

I senatori si rifiutano di chiamare genocidio il trattamento riservato dalla Cina agli uiguri

Martedì sera i senatori si sono rifiutati di descrivere il trattamento riservato dalla Cina alla minoranza musulmana uigura come genocidio.

Una mozione del senatore Leo Husakos ha invitato il Senato a riconoscere che è attualmente in corso un genocidio contro gli uiguri e altri musulmani turchi.

Ventinove senatori hanno votato a favore della mozione, 33 senatori hanno votato contro e 13 si sono astenuti.

La proposta ha anche invitato il Cio a spostare le Olimpiadi del 2022 dalla Cina se il governo cinese continua a commettere “genocidio”.

Il voto del Senato arriva a Un voto simile alla Camera dei Rappresentanti A febbraio, una grande maggioranza dei membri del parlamento, compresa la maggior parte dei liberali che hanno partecipato, ha votato per definire genocidio il trattamento riservato dalla Cina agli uiguri.

Il primo ministro Justin Trudeau e quasi tutti i suoi colleghi di gabinetto erano assenti da questo voto. Il ministro degli Esteri Marc Garneau era l’unico ministro nel gabinetto. Si è astenuto quando è stato il suo turno di votare, dicendo di averlo fatto “a nome del governo del Canada”.

Trudeau e il suo governo sono stati riluttanti a usare la parola genocidio per descrivere il trattamento riservato dalla Cina agli uiguri, sostenendo che sono necessarie ulteriori prove da indagini indipendenti.

Il Canada ha guidato uno sforzo internazionale international Invita la Cina a consentire a una squadra investigativa delle Nazioni Unite “un accesso significativo e senza restrizioni” allo Xinjiang, la regione cinese in cui si presume che si verifichino violazioni dei diritti umani.

Durante la discussione sulla proposta, il leader del gruppo di senatori indipendenti, il senatore Yuen Bao Wu del Canada, ha dichiarato: Dovresti evitare di criticare la Cina per il suo trattamento di Musulmani uiguri perché il nostro Paese ha maltrattato gli indigeni.

READ  Chiede che l'India si chiuda a crescere a causa dell'aggravarsi della crisi COVID | Notizie sulla pandemia di coronavirus

Facendo eco a un’argomentazione avanzata dai funzionari cinesi alle Nazioni Unite la scorsa settimana, Wu ha affermato che la politica della Cina nei confronti della minoranza musulmana nello Xinjiang assomigliava al colonialismo diretto contro le popolazioni indigene di quel paese e che condannare Pechino in termini duri sarebbe ipocrisia e “semplicemente un’etichettatura esercizio.”

Il senatore della Columbia Britannica Yuen Bao Wu ha criticato il Canada per aver condannato il trattamento riservato dalla Cina alla minoranza uigura. (Justin Tang/The Canadian Press)

Alla proposta si è opposto anche il senatore Peter Bohm, che presiede la Commissione Esteri del Senato, ma per ragioni diverse da quelle espresse da Wu.

Boehm ha sostenuto che il voto della Camera che definisce il trattamento riservato dalla Cina al genocidio della sua popolazione uigura “non ha alcun impatto apparente” e che crede fermamente che le azioni di politica estera rientrino nelle competenze del ramo esecutivo del governo – il primo ministro e il gabinetto.

Le complessità di una tesa relazione bilaterale, come quella tra Cina e Canada oggi, non possono essere riassunte in pochi paragrafi di quello che potrebbe essere descritto come il megafono della diplomazia parlamentare copiando una proposta da altrove. [House] Quasi quattro mesi fa non ha avuto alcun effetto evidente se non quello di provocare una reazione rabbiosa da parte del governo cinese, e probabilmente lo sarebbe anche l’approvazione di questa proposta”.

“Una diplomazia efficace deve soppesare con attenzione le parole, e la diplomazia parlamentare o le mozioni in quest’Aula, per come la vedo io, non devono essere diverse. La politica estera non è bilaterale. Si tratta di sfumature di grigio. Questo movimento, secondo me, non rafforzerà l’importanza di affrontare la situazione nella Cina occidentale e non contribuirà a risolvere o allentare il rapporto già teso e complesso che abbiamo ora”.

Non si tratta di costringere la Cina a fare una cosa o l’altra, ha detto Hosakos.

“Il popolo dello Xinjiang e il popolo uiguro hanno bisogno di solidarietà, proprio come i nostri alleati in tutto il mondo hanno espresso tale solidarietà – il Senato degli Stati Uniti, la Camera dei Comuni del Regno Unito, il Parlamento australiano – e noi dobbiamo seguire l’esempio come una forte democrazia e stare in piedi a sostegno di questo”, ha detto Husakos durante il dibattito. Solidarietà”.

Il senatore Leo Husakos ha affermato che il Canada “dovrebbe seguire l’esempio” delle altre democrazie occidentali nel condannare le azioni della Cina. (Adrian Wild/The Canadian Press)

“Lo stato autoritario della Cina sta commettendo queste atrocità, questi crimini contro l’umanità, impunemente. Sono arroganti nel loro palese disprezzo per la vita umana e i diritti umani, e non dobbiamo permettere loro di passare senza controllo e senza rivelare la loro identità”.

La Cina ha detenuto da uno a due milioni di uiguri in quelli che il governo chiama “centri di rieducazione”.

Un’analisi legale indipendente pubblicata all’inizio di quest’anno dal Raoul Wallenberg Center for Human Rights di Montreal e da un think tank con sede a Washington ha concluso che La Cina sta commettendo un crimine continuo di genocidio contro la minoranza musulmana nello Xinjiang.

Il rapporto ha concluso che le azioni del governo cinese nello Xinjiang hanno violato ogni atto proibito dalla Convenzione sul genocidio delle Nazioni Unite.

Al rapporto hanno contribuito diversi esperti canadesi in materia di diritti umani, tra cui gli ex ministri di gabinetto Lloyd Axworthy, Alan Rock ed Erwin Kotler, nonché l’ex ambasciatore presso le Nazioni Unite Yves Fortier.

Dopo la pubblicazione di questo rapporto, il tenente generale in pensione Romeo Dallaire, che in precedenza era stato senatore, sollecitare ottawa A marzo per agire in risposta al “genocidio” commesso dal governo cinese.

Dallaire ha guidato la missione di pace delle Nazioni Unite in Ruanda durante il genocidio del 1994.