Amantea online

Le ultime notizie italiane tra cui notizie politiche, storie sportive, criminalità e titoli vaticani.

I ricercatori analizzano l’ultimo pasto del corpo di una palude ‘Tollandman’

TORONTO – I ricercatori hanno analizzato e riesaminato il contenuto intestinale di un “Uomo di Tollund”, un corpo di palude della prima età del ferro in Danimarca, nel tentativo di comprendere meglio la vita e la morte in quel periodo.

“Corpo di palude” è il termine gergale per le persone i cui resti sono mummificati da torbiere acide, lasciando dietro di sé pelle, capelli, unghie e talvolta organi interni come l’intestino.

Alcuni cadaveri di palude potrebbero essere stati individui caduti per errore, mentre altri potrebbero essere stati collocati lì di proposito attraverso punizioni, omicidi o sacrifici umani rituali. Durante la prima età del ferro danese – dal 500 a.C. al 200 d.C. – le torbiere venivano utilizzate per scopi pratici ma anche per rituali in cui venivano depositati oggetti.

L’uomo di Tollund è stato trovato nel 1950 mentre tagliava la torba a Bjaeldskovdal, 10 km a ovest di Silkeborg, in Danimarca. Aveva dai 30 ai 40 anni quando morì tra il 405 e il 380 a.C., all’inizio della prima età del ferro danese, e fu appeso e successivamente posto in una fossa per tagliare la torba in posizione addormentata.

La sua testa ben conservata lo rende uno dei corpi paludosi più famosi mai scoperti, così come il suo status ampiamente accettato di vittima del sacrificio umano.

Lo studio, intitolato “L’ultimo pasto dell’uomo di Tolland: nuove analisi del suo contenuto intestinale”, Pubblicato nel numero di luglio di Antiquity JournalHa riesaminato i macrofossili, il polline, le proteine ​​e i marcatori di steroidi della pianta nel suo stomaco.

Lo studio afferma che il cibo è spesso associato a rituali, gli ultimi pasti consumati da individui tenuti nelle paludi possono essere legati al sacrificio umano. Gli ultimi pasti di 12 corpi paludosi dell’età del ferro nel nord Europa sono stati precedentemente analizzati e si è scoperto che contenevano una varietà di alimenti che potrebbero riguardare un elemento rituale prima della loro morte, come semi, bacche, calice ed ergot.

READ  I vigili del fuoco di Chicago salvano un pappagallo dal bordo dell'edificio per uffici - Notizie dal mondo

I ricercatori hanno scoperto che da 12 a 24 ore prima della sua morte, l’uomo di Tolland mangiava porridge contenente orzo, lino e alcuni pesci, e l’analisi delle proteine ​​e delle uova dei vermi intestinali indicava che era infetto da parassiti al momento della sua morte. .

Lo studio afferma che sebbene il pasto possa essere stato un pasto normale in quel periodo, alcuni ingredienti trovati nel contenuto intestinale dell’uomo di Tollund potrebbero riguardare pratiche rituali.

Lo studio afferma che quasi tutto il materiale studiato sull’Uomo di Tollund è stato prelevato dall’intestino crasso, che generalmente ha una migliore conservazione dei residui di cibo rispetto ai campioni provenienti da resti fecali o dall’intestino tenue.

Analizzando i componenti di tutti i semi, i cereali e altri contenuti nell’intestino di Tollond Man, i ricercatori sono stati in grado di scoprire come è stato preparato il suo ultimo pasto. La trebbiatura e frazionamento dei grani e dei semi indica che erano macinati prima di essere cotti. Lo studio indica che la presenza di croste di cibo carbonizzate indica che la farina di porridge è stata cotta in una pentola di terracotta.

Mentre il porridge contiene ingredienti con “proprietà inebrianti o altre proprietà” magiche “, diversi semi di un’erba chiamata persicaria pallida costituivano parte del pasto e sono stati trovati anche in molti altri corpi di palude.

“Il rapporto più elevato tra semi selvatici e grano in molti corpi di palude rispetto a quello nei granai bruciati potrebbe indicare che i semi selvatici erano un ingrediente usato in occasioni speciali, incluso il sacrificio umano”, afferma lo studio, aggiungendo un avvertimento che potrebbe anche sono stati aggiunti per migliorare il sapore o il valore nutritivo del pasto.

READ  Global Affairs Canada "tratta" con il personale in Austria dopo le segnalazioni dei sintomi della "sindrome dell'Avana"

I ricercatori hanno scoperto che l’uomo di Tollund è stato infettato da tre diversi tipi di parassiti: tenie, tricocefali e nematodi. Tricocefali e tenie sono stati trovati in corpi paludosi in precedenza, ma l’uomo di Tollund nota la prima volta che è stato segnalato un verme solitario, molto probabilmente per aver mangiato carne cruda o poco cotta infetta da cisti di tenia.

Lo studio ipotizza che i tricocefali e le tarme siano associati a scarsa igiene perché si diffondono attraverso cibo e acqua contaminati.

I ricercatori affermano che la rianalisi dello stomaco e del contenuto intestinale dei corpi delle paludi è importante per aiutare a capire come apparivano la vita e la morte di tutti i giorni nell’età del ferro e potrebbe continuare a fornire nuove informazioni per ulteriori studi.