Amantea online

Le ultime notizie italiane tra cui notizie politiche, storie sportive, criminalità e titoli vaticani.

I problemi di crediti inesigibili dell’Italia stanno per tornare?

I crediti deteriorati (NPL) del sistema bancario italiano ammontavano ad aprile 2017 a 203,3 miliardi di euro, motivo di diffusa preoccupazione in Europa. “Situazione economica [after the sovereign debt crisis] “La debole supervisione del credito nel settore bancario ha portato a un accumulo di crediti inesigibili”, afferma Madalina Martini, economista presso Oxford Economics. “Ma ci sono stati grandi sforzi per cambiare i bilanci delle banche italiane”.

Nell’aprile 2021, quattro anni dopo, i crediti deteriorati del Paese ammontavano a 52,1 miliardi di euro, il livello più basso da oltre un decennio. A supportare questo sforzo è stato lo schema Garanzia Cartolarizzazione Sofferenze (GACS), introdotto nel 2016, che offre alle banche che cartolarizzano prestiti in sofferenza una garanzia governativa sulla tranche di debito meno rischiosa.

“La garanzia del governo ha aiutato le banche a cartolarizzare i portafogli di crediti inesigibili e a offrire agli investitori tassi più interessanti, piuttosto che doverli cancellare”, afferma Gordon Kerr, responsabile della ricerca europea per la finanza strutturata globale presso DBRS Morningstar.

La disposizione sostenuta dal GACS vale 87 miliardi di euro, secondo KMPG. Nel giugno di quest’anno, il piano è stato prorogato per un altro anno fino al 2022. Anche le ulteriori vendite di portafoglio che non hanno beneficiato della garanzia GACS hanno contribuito al calo dei crediti deteriorati.

Il successo degli sforzi dell’Italia per fronteggiare il problema delle sofferenze è riscontrabile nella diminuzione dei rapporti sui crediti deteriorati nelle principali banche. Ad esempio, Banca Monte dei Paschi di Siena ha visto il suo rapporto sui crediti deteriorati scendere bruscamente dal 21,29% nel 2016 all’1,67% nel 2020, secondo Banca dati del banchiere. Nel frattempo, Banca Popolare di Milano ha visto il suo rapporto crediti deteriorati scendere dal 18,5% nel 2016 al 3,13% nel 2020.

READ  L'IPO pianificata di Robinhood affronta ritardi durante la revisione della SEC

L’impatto del Covid-19

L’impatto economico del Covid-19, che ha causato la caduta dell’8,9% del PIL italiano nel 2020, non si è ancora pienamente realizzato sui bilanci delle banche perché i prestiti garantiti dallo Stato e i rimborsi del debito esistente hanno mantenuto basse le insolvenze.

“Prevediamo che il numero di prestiti in sofferenza aumenterà di nuovo man mano che le misure speciali verranno lentamente rimosse e le aziende che hanno ricevuto sostegno artificiale dai fondi governativi relativi alla pandemia saranno esposte”, afferma Kerr. “Ma fino a che punto dipende da una serie di fattori”.

Molto dipende dalla velocità della ripresa economica sotto il governo del nuovo presidente del Consiglio Mario Draghi – che sta attuando Giorgio Di Giorgio, professore di teoria e politica monetaria all’Università Luis di Roma Il piano di rilancio sostenuto dall’UE da 235 miliardi di euro, nonché il modo in cui gestisce la revoca del sostegno. “Ha bisogno di una buona gestione”, dice.

Il 30 giugno il governo ha scelto di non estendere il divieto di cassa integrazione ad eccezione dei settori più colpiti dai lockdown per il Covid-19, come il tessile, la calzatura e la moda.

Anche se il governo alleggerirà gentilmente i programmi di sussidio, ci saranno ancora fallimenti

Gordon Kerr, DBRS Morningstar

“Anche se il governo alleggerirà gentilmente i programmi di sovvenzione, ci saranno ancora bancarotte”, afferma Kerr. “È probabile che molte delle società che sono state sostenute durante questo periodo alla fine crolleranno”, dice. “E’ solo una questione di numeri.”

Kerr aggiunge che mentre molte famiglie hanno preso ferie pagate, i dati suggeriscono che molti pagamenti del debito dei consumatori sono tornati. “Se continua così, speriamo di non assistere a un enorme aumento dei prestiti in sofferenza”, afferma.

Di Giorgio osserva che le banche italiane sono molto meglio capitalizzate rispetto alla crisi finanziaria del 2008-2009 a causa degli sforzi di consolidamento e ricapitalizzazione. “Le banche sono maggiormente in grado di mantenere l’offerta di credito e fare di più per supportare i clienti aziendali”, afferma.

Il primo segno di un aumento degli NPL sarà probabilmente nell’ultimo trimestre di quest’anno, afferma Martini, aggiungendo che si aspetta che gli NPL raggiungano il picco nel secondo trimestre del 2022. Rimangono determinati.

Continua a leggere: Le banche di cartolarizzazione in difficoltà sono un improbabile salvatore?