Amantea online

Le ultime notizie italiane tra cui notizie politiche, storie sportive, criminalità e titoli vaticani.

I drammi italiani semplicemente non funzionano a nessun livello

L’ex vincitore della Palma d’Oro ed ex presidente della giuria a Cannes Nani Moretti è tornato in un luogo familiare al concorso di Cannes domenica con la sua serie drammatica “Tre piani” ambientata a Roma. Tuttavia, è sicuro dire che è improbabile che il regista italiano ripeta la sua impresa dal 2001, quando “The Son’s Room” gli è valso il più alto riconoscimento artistico. Triste ricordare che quest’ultimo è uno dei peggiori sforzi in una grande carriera.

Basato su un romanzo dello scrittore israeliano Eshkol Novo, ambientato a Tel Aviv, ora si trova principalmente in un grande condominio della classe media nel sobborgo romano di Prati. Riguarda le vite intrecciate delle tre famiglie in cui vivono, tra cui Lucio (Ricardo Scarmasio) che è preoccupato per quello che è successo alla figlia di sette anni; Monica (Alba Rohrwacher) che soffre di depressione post partum e solitudine; Al piano di sopra c’è Dora (Margarita Bay), un giudice di successo prosciugato dal dolore della sua separazione dal figlio Andrea.

Il film inizia bene, con un terribile incidente d’auto, la morte e la nascita. Per una casa in un quartiere tranquillo, improvvisamente c’è un sacco di drammi su ogni piano e l’eco continua nei successivi 10 anni man mano che i bambini crescono, i coniugi vanno e vengono e alcuni residenti più anziani muoiono.

Potrebbe essersi rivelato un terreno fertile per la metafora sociale o la condizione umana, ma Moretti, che ha diretto e co-sceneggiato la sceneggiatura e ha interpretato il severo giudice Vittorio, il padre del pilota spericolato Andrea, non ha mai avuto a che fare con il layout dell’edificio, sempre cruciale quando si fa un personaggio principale di Architecturally nel film.

READ  Stuyvesant Town ha un proprio ristorante italiano

Mentre i diversi episodi si accumulano e si mescolano, si sentono tutti tesi; Alcuni sono difficilmente nel regno della creduloneria, come il comportamento di Lucio di Scarmacio nei confronti di un vicino anziano e di sua nipote adolescente (Denis Tantucci).

È uno di quei film che mettono a dura prova la pazienza in cui ogni storia aspetta di legarsi ordinatamente e si risolve – dopo due serie di annotazioni “cinque anni dopo” – in un vasetto di miele di ottimismo italiano.

Anche le strade di Roma sembrano intrigantemente vuote e molte scene hanno un flusso sterile intorno a loro, come se il film fosse stato girato in isolamento. (In realtà è stato realizzato nel 2019.) Ciò che è ancora più sorprendente è che anche con attori affermati e affermati, le esibizioni sembrano così veloci e veloci, il che non ci aiuta davvero a credere alle azioni dei personaggi.

Forse sarebbe stato meglio se Moretti fosse rimasto in casa come sede principale degli affari; Il dramma si dissipa nel tentativo fallito di includere altre location, e nessuna di esse è stata girata in uno stile o un sapore particolare.

Dopo pezzi così forti come “Dear Diary” e “April”, Moretti ha molti fan. Questo è il suo tredicesimo lungometraggio, sebbene sia il suo primo adattamento dell’opera di un altro scrittore, ma qualcosa si è perso nella traduzione e nell’assenza di uno stile caratteristico. Potresti anche dire che “tre piani” non funzionano a nessun livello.

Scopri Digital di TheWrap Il numero della rivista era qui. Puoi trovare tutti i TheWrap’s Copertura di Cannes qui.

La copertina dell’edizione era TheWrap

Leggi la storia originale Recensione del film “Tre piani”: il dramma italiano non funziona a nessun livello in TheWrap

READ  Fognini si scusa per la calunnia anti-gay nella sconfitta olimpica | intrattenimento