Amantea online

Le ultime notizie italiane tra cui notizie politiche, storie sportive, criminalità e titoli vaticani.

Google probabilmente dovrà presto affrontare richieste antitrust sul Play Store dagli stati degli Stati Uniti – fonti

WASHINGTON (Reuters) – Un gruppo di procuratori generali di stato potrebbe intentare una causa contro Alphabet Inc. (GOOGL.O) Google già la prossima settimana ha accusato il gigante della ricerca e della pubblicità di aver violato la legge antitrust nella gestione del suo app store mobile, secondo tre persone che hanno familiarità con la questione.

La causa prevista arriva sulla scia delle lamentele degli sviluppatori di app sulla gestione da parte di Google del suo Play Store per dispositivi Android, secondo una fonte. Le fonti hanno affermato che la causa è in corso dallo scorso anno ed è già stata rinviata, ma sembra essere di nuovo vicina.

Il Indagine della Procura di Stato Guidato da Utah, Tennessee, North Carolina e New York. Non è chiaro quanti paesi parteciperanno.

Due fonti hanno affermato che è probabile che il caso venga archiviato presso la corte federale della California settentrionale, dove vengono esaminati i casi correlati. Questi includono la causa che la società di videogiochi Epic Games Inc ha intentato contro Google lo scorso anno, accusandola di avere regole di app store non competitive. Dovrebbe andare a processo nel 2022.

Ci sono anche due azioni legali proposte dal Play Store davanti allo stesso giudice. Una fonte ha affermato che se gli stati vogliono partecipare a testimonianze e altre attività preliminari, dovranno presentare un fascicolo abbastanza presto.

azienda di mele (AAPL.O) Ed Epic sta aspettando il verdetto in Causa simile in California Dopo un esperimento terminato il mese scorso.

Un portavoce di Google ha difeso il loro App Store come aperto.

READ  Digital Start: ecco come eseguire Android, Chrome OS e Windows sul tuo Mac

“Android è l’unico sistema operativo principale che consente alle persone di scaricare app da più app store. In effetti, la maggior parte dei dispositivi Android viene fornita con due o più app store preinstallati. Possono anche installare app store o app aggiuntivi direttamente dal browser se scelgono”, ha detto il portavoce.

Inizialmente Google era considerato più aperto nel modo in cui gestisce il suo App Store rispetto ad Apple, ma recentemente ha inasprito le regole e ha aumentato l’applicazione di tali regole.

La causa dovrebbe incentrarsi sull’affermazione di Google secondo cui alcune app utilizzano gli strumenti di pagamento dell’azienda per vendere abbonamenti e contenuti e pagare fino al 30% delle vendite a Google, secondo due fonti.

I creatori di app amano il servizio di streaming musicale Spotify Technology SA (SPOT.N) E il gigante dei servizi di incontri Match Group (MTCH.O)Tinder, che possiede Tinder, ha a lungo accusato Google, così come Apple, di essere anticoncorrenziale nel richiedere la compartecipazione alle entrate obbligatoria.

Quest’ultima causa è stata pianificata in un momento in cui c’è un dibattito insolitamente feroce sul fatto che l’applicazione dell’antitrust federale sia troppo lassista. Diverse persone, tra cui la senatrice Amy Klobuchar, che presiede la commissione antitrust del Comitato giudiziario del Senato, hanno fatto pressioni per misure più severe.

Google sta già affrontando una causa federale intentata dal Dipartimento di Giustizia lo scorso anno e relativi casi antitrust promossi da due distinti gruppi di procuratori generali. Uno guida il Texas e si concentra sulla pubblicità, mentre l’altro prende di mira i presunti sforzi di Google per espandere il suo dominio di ricerca in nuovi mercati, come gli assistenti vocali.

READ  Potente aggiornamento per iPhone, ARM Adventure di Adobe, MacBook Pro mancante di Apple

(Rapporto aggiuntivo di Diane Bartz, Dave Barish e Karen Freifeld.) Montaggio di Jonathan Webber e Lisa Shumaker

I nostri criteri: Principi di fiducia di Thomson Reuters.