Amantea online

Le ultime notizie italiane tra cui notizie politiche, storie sportive, criminalità e titoli vaticani.

Gli Stati Uniti distribuiscono 25 milioni di vaccini Covid nella prima tranche di 80 milioni di dosi nel mondo

Gayle Smith parla a Washington, DC, il 5 aprile, dopo che il Segretario di Stato americano Anthony Blinken ha annunciato la sua nomina a coordinatore del Dipartimento di Stato per la risposta globale al Covid-19 e alla sicurezza sanitaria. I corridori / AFP / PAUL / Getty Images

Gayle Smith, coordinatore del Dipartimento di Stato per la risposta globale al Covid-19 e alla sicurezza sanitaria, ha affermato che gli Stati Uniti distribuiranno 25 milioni di vaccini Covid come parte di una tranche iniziale di 80 milioni di dosi che il presidente Biden si è impegnato a condividere a livello internazionale. Venerdì. Non ha fornito un calendario per la consegna dei vaccini.

Smith ha affermato che gli Stati Uniti distribuiranno il 25% di quella prima tranche bilateralmente.

“Ci dà più flessibilità e, come abbiamo visto, ci sono molti pop-up e razzi in questa pandemia e vogliamo essere in grado di spostare i vaccini su base urgente, se necessario”, ha affermato Smith. Ha aggiunto che “l’attuale aspettativa” è che i vaccini saranno prodotti da AstraZeneca.

Smith ha affermato che il restante 75% del primo lotto di vaccini statunitensi andrà a COVAX, il gruppo internazionale focalizzato sulla distribuzione globale dei vaccini, e ha aggiunto che l’amministrazione Biden ha “identificato i paesi in cui vogliamo che quei vaccini vengano inviati”.

Smith ha affermato che quasi 6 milioni di dosi saranno distribuite in tutta l’America Latina, compresi i Caraibi, 7 milioni nel sud e sud-est asiatico e 5 milioni in Africa.

“Questo è il primo round, questo è solo l’inizio”, ha detto Smith. Non è stata in grado di dire quando verranno consegnati i 55 milioni di dosi che compongono un totale di 80 milioni di vaccini.

In futuro, l’amministrazione Biden seguirà una strategia in tre parti per massimizzare la fornitura di vaccini attraverso la condivisione della dose e incoraggiare i produttori statunitensi ad aumentare la produzione di vaccini “entro l’ultimo trimestre, se non prima, di quest’anno e nel prossimo”, ha detto. . Smith ha affermato che l’amministrazione migliorerà anche la produzione globale di vaccini aumentando la capacità produttiva “quindi ci sono più posti nel mondo, manifatturieri, in grado di distribuire vaccini”.

READ  L'indice S&P 500 ha raggiunto un livello record prima dell'intensa settimana degli utili

“Il nostro obiettivo è porre fine alla pandemia e massimizzarla il più rapidamente possibile”, ha affermato Smith. “È nel nostro interesse farlo, è in gioco la nostra sicurezza sanitaria… Nessuno di noi è al sicuro finché non lo siamo tutti”.