Amantea online

Le ultime notizie italiane tra cui notizie politiche, storie sportive, criminalità e titoli vaticani.

Gli astronomi spiano CME mentre sono al college

C’è un vecchio adagio che dice “Non c’è niente di nuovo sotto il sole…” ma questo non si applica quando si tratta della scienza delle eclissi solari.

Oltre a fornire una splendida vista celeste, gli astronomi hanno spesso approfittato dei brevi momenti offerti dal collegio solare per esplorare il sole e i suoi dintorni. A tal fine, le eclissi solari totali hanno storicamente fornito opportunità per esperimenti scientifici in passato e continuano a farlo oggi.

Ad esempio, l’elemento elio fu identificato per la prima volta nello spettro del tremolio del Sole nel 1868. Sir Arthur Eddington aveva osservato con successo che la gravità piega la luce, come evidenziato dalla deflessione delle stelle vicino all’estremità solare durante l’eclissi solare totale del 1919, e riuscì con successo testato uno Previsioni fatte dalla teoria della relatività generale di Einstein. Questo sforzo è stato il primo Ho provato nel 1914Fu interrotto dallo scoppio della prima guerra mondiale.

Versione annotata della famosa fotografia di Eddington dell’eclissi solare del 1919. attribuito a lui: ESO/Osservatorio statale Heidelberg-Konigstuhl/FW Dyson/AS Eddington/C. Davidson.

Gli astronomi fecero anche un ultimo tentativo di spiare il volubile scienziato Vulcano durante l’eclissi solare totale del 1878 sul West americano. E mentre l’avvento della fisica relativistica spiegava anche l’anomala precessione di Mercurio senza provocare uno pseudo-mondo vulcaniano, non è stata ancora esclusa la presenza di un ipotetico gruppo di asteroidi vicino al sole chiamati Vulcanoidi. La NASA ha effettivamente commissionato un paio di Bombardieri WB-57 convertiti Per dare la caccia all’ombra della luna durante l’eclissi del 2017, con un terzo obiettivo di spazzare l’area vicino al sole alla ricerca di falsi vulcani. Finora, però, le ricerche sono arrivate a mani vuote.

Inoltre, riusciamo ancora a trarre conclusioni scientifiche dalle eclissi solari totali. Un’eclissi solare totale offre un’opportunità unica su diversi fronti scientifici, tra cui: 1). Un’occasione per osservare l’ingannevole atmosfera esterna, solitamente invisibile al Sole, per includere la cromosfera e la corona; 2). Un’opportunità per pulire lo spazio molto vicino al Sole per oggetti sconosciuti, e 3). Un’opportunità per usare la grande gravità deformante della nostra stella ospite per esperimenti.

READ  Gli scienziati dicono che i dinosauri potrebbero essersi estinti prima che l'asteroide colpisse la Terra

Un fenomeno sfuggente che a volte compare durante la nefrosi è l’espulsione di massa coronarica. Fino all’avvento del coronos spaziale a partire da Skylab nei primi anni ’70, le eclissi solari totali erano l’unico momento in cui gli astronomi potevano intravedere questo fenomeno poco compreso. Ancora oggi, il collegio solare è l’unico momento in cui possiamo intravedere i primi inizi di un’espulsione di massa coronale che si forma vicino all’estremità solare, dove gli intervalli tipici a bordo delle missioni di osservazione solare come l’Osservatorio dell’Eliosfera (SOHO) tendono a coprire diversi raggi solari. Sebbene breve, il college si adatta meglio al sole che copre la luna.

Uno di questi era catturato di recente Dall’astronomo Guillermo Abramson durante l’eclissi solare totale il 14 dicembre 2020. Il percorso totale di questa eclissi ha coperto l’entroterra attraverso la punta meridionale del Sud America. Pochi dei cacciatori di eclissi hanno fatto il viaggio per stare all’ombra della luna questa volta, a causa della pandemia in corso e delle restrizioni di viaggio.

La CME si sta evolvendo, come si vede nell’anello in basso a sinistra del Sole eclissato. a lui attribuito: J. Abramson.

“Le osservazioni della corona solare durante le eclissi, sebbene rare, sono molto preziose e complementari a quelle effettuate con i passaggi dalla Terra e dallo spazio”, ha detto Abramson. universo oggi. “Il motivo principale è che la corona può essere osservata direttamente sull’estremità solare durante le eclissi, mentre le maschere della corona tendono ad essere più grandi”.

La stessa CME in azione, ripresa da SOHO. a lui attribuito; NASA / Agenzia spaziale europea / SOHO

Non solo Abramson e il suo team sono stati in grado di conoscere l’intera anatomia del CME nel processo di formazione, ma il confronto con le osservazioni di risorse spaziali tra cui GOES, ACE e SOHO ha consentito misurazioni di velocità e velocità man mano che il CME progrediva. Il team ha anche ricevuto un bonus aggiuntivo, verificato da SOHO: la cometa del gruppo Kreutz che sfiora il sole. 2020 X3 Soho). Le comete si sono conosciute durante le eclissi prima; Un famoso esempio Cometa Grande Eclissi del 1948. È strano pensare che fino ai primi anni ’90 si conoscessero meno di una mezza dozzina di cantanti. Ora, grazie soprattutto a SOHO, siamo usciti insieme قمنا 4182 di queste comete e contando.

READ  La Cina fa piani per futuri studi spaziali
La cometa X3 SOHO, vista dalla Terra durante l’eclisse (a sinistra) e dallo spazio (a destra). Credito: G. Abramson/SOHO.

Altri misteriosi cacciatori di eclissi stanno lavorando a quello che è noto come il problema del riscaldamento della corona. Cosa spinge la debole corona solare a temperature milioni di gradi più calde degli strati sottostanti?

Iscrizione sherpa a vento solare, un team di astronomi che ha inseguito le eclissi in tutto il mondo, cercando di capire questo fenomeno. Con sede presso l’Istituto di Astronomia di Honolulu, nelle Hawaii, il vento solare Sherpa ha seguito la corona durante le eclissi per più di un decennio, o un ciclo solare di 11 anni. I loro sforzi sono giunti a una conclusione inaspettata: sebbene l’attività delle macchie solari oscilli nel corso del ciclo solare, la temperatura della corona solare rimane quasi costante, indicando che qualunque cosa provochi il riscaldamento della corona a temperature enormi è indipendente dal ciclo solare.

“La temperatura nelle sorgenti del vento solare della corona è quasi costante per tutto il ciclo solare”, afferma Shadia Habbal (Università delle Hawaii) in un recente rapporto. comunicato stampa. “Questa scoperta è inaspettata perché le strutture coronali sono guidate da cambiamenti nella distribuzione del plasma magnetizzato nella corona, che variano notevolmente durante il ciclo solare magnetico di 11 anni”.

Le protuberanze solari (frecce) interagiscono con la corona come si vede durante la totalità. a lui attribuito: Fionda e altri. 2021.

Questa interessante scoperta è stata pubblicata in Lettere per riviste astrofisiche. Un sospetto nel riscaldamento solare è ciò che è noto come nanoflaresE missioni come Parker Solar Probe della NASA e Solar Orbiter dell’ESA stanno lavorando duramente su questo problema.

In media, riceviamo una o due eclissi solari totali da qualche parte sulla Terra ogni anno, anche se la larghezza di quest’anno è timida, con l’intera Terra solo una volta attraverso l’Antartide il 4 dicembre.Decimo, 2021. Tuttavia, gli Stati Uniti stanno per prendere di nuovo la febbre da eclissi l’8 aprile AprilDecimo, 2024, con un’eclissi solare totale che attraversa il Messico, gli Stati Uniti e (prepara il tuo Learjet) le Maritime canadesi…

READ  Uno sguardo ai vaccini COVID-19 in Canada venerdì 14 maggio 2021
Da dove verrà il 2024? credito: Michael Zeller, La Grande Eclissi Americana.

E, come al solito, gli scienziati saranno pronti a svelare i misteri del sole.

Leggi il romanzo del Dr. Abramson sullo stalking.Grande Eclissi Patagonicasul suo blog.

Immagine principale: una splendida vista dell’eclissi solare totale nel dicembre 2020. J. Abramson.