Amantea online

Le ultime notizie italiane tra cui notizie politiche, storie sportive, criminalità e titoli vaticani.

Factbox – Ritorno a bar, palestre e film: tracciare un percorso di ritorno alla normalità

FOTO FILE: Un cameriere serve vino a un cliente sulla terrazza di un ristorante accanto al Canale dei Navigli a Milano, Italia, il 26 aprile 2021. REUTERS/Flavio Lo Scalzo/File Photo Reuters

Questo contenuto è stato pubblicato il 1 giugno 2021 – 14:58

(Reuters) – Con l’aumentare dello slancio per l’introduzione di un vaccino contro il COVID-19, molti Stati stanno pianificando un graduale ritorno alla normalità, aprendo le frontiere e consentendo alle persone di tornare a ristoranti, negozi e impianti sportivi dopo oltre un anno di chiusure intermittenti.

Ecco alcuni dei loro piani, in ordine alfabetico:

Gran Bretagna

I rivenditori non essenziali hanno riaperto in Inghilterra il 12 aprile insieme a bar e ristoranti che operano all’aperto. Il 17 maggio riaprono l’ospitalità al coperto, cinema, teatri e palazzetti dello sport. La Gran Bretagna ha anche consentito la ripresa dei viaggi internazionali, con regole di quarantena in vigore per la maggior parte degli arrivi.

Il governo mira a revocare la maggior parte delle restanti restrizioni in Inghilterra il 21 giugno.

cileno

I cileni completamente vaccinati possono muoversi più liberamente all’interno del Paese, ma i confini rimarranno chiusi fino a metà giugno.

Egitto

L’Egitto ha revocato le restrizioni imposte all’inizio di maggio, compresa la chiusura anticipata di negozi e ristoranti, dal 1° giugno.

Francia

La Francia ha consentito a caffè, bar e ristoranti di offrire un servizio all’aperto dal 19 maggio, con pasti al coperto il 30 giugno.

Ha anche posticipato il coprifuoco notturno alle 21:00 dalle 19:00 e sarà spostato alle 23:00 dal 9 giugno e lo annullerà completamente il 30 giugno.

Dal 19 maggio riaprono negozi, musei, cinema e teatri. I turisti stranieri muniti di “tessera sanitaria” potranno visitare dal 9 giugno.

Germania

La Germania ha allentato le restrizioni per coloro che sono stati completamente vaccinati o guariti dal virus dal 9 maggio, revocando il coprifuoco e le regole di quarantena, nonché l’obbligo di presentare un risultato negativo del test per visitare un parrucchiere, uno zoo o fare shopping.

Dal 12 maggio i viaggiatori hanno potuto entrare nel Paese senza necessità di quarantena, ad eccezione di quelli provenienti da Paesi designati come aree a rischio.

Berlino ha revocato il coprifuoco notturno e ha allentato le restrizioni allo shopping dal 19 maggio e ha permesso di cenare all’aperto dal 21 maggio.

La Germania punta ai concerti all’aperto quest’estate, con il distanziamento sociale e i test COVID-19 a cui partecipare, e i fan dovrebbero tornare alle partite di calcio ad agosto.

Grecia

La Grecia ha riaperto ristoranti e bar dal 3 maggio, le spiagge organizzate l’8 maggio e l’industria del turismo il 15 maggio. I turisti del resto dell’Unione europea, nonché della Gran Bretagna, degli Stati Uniti e di Israele possono visitare se sono stati vaccinati e i risultati sono negativi. Risultati dei test o recuperati dal virus.

Israele

Israele ha riaperto i suoi confini ai turisti stranieri il 23 maggio. Nell’ambito di un programma pilota che durerà fino al 15 giugno, ha dato il via libera alle visite di 20 gruppi da 5 a 30 turisti provenienti da paesi come Stati Uniti, Gran Bretagna e Germania. Spera di consentire l’ingresso ai turisti individuali da luglio.

Italia

Caffè, ristoranti, cinema e teatri italiani hanno riaperto parzialmente nella maggior parte delle aree il 26 aprile. Servizio al coperto nei ristoranti aperti dal 1 giugno.

Dal 15 maggio l’Italia ha revocato le restrizioni di quarantena per i viaggiatori provenienti dall’Europa e dai paesi dell’area Schengen, nonché da Gran Bretagna e Israele.

Il 18 maggio ha posticipato il coprifuoco notturno alle 23:00 e ha allentato altre restrizioni nelle aree a basso rischio. Il coprifuoco inizierà alla mezzanotte del 7 giugno e sarà annullato dal 21 giugno. Le palestre hanno riaperto il 24 maggio.

Olanda

I Paesi Bassi hanno revocato il coprifuoco nazionale il 28 aprile.

Parchi, zoo, palestre e piscine all’aperto riaprono il 19 maggio, mentre il servizio all’aperto in bar e ristoranti è stato esteso fino alle 20.00. Il servizio al coperto sarà consentito dal 5 giugno.

Le biblioteche pubbliche sono state aperte il 20 maggio e i musei seguiranno il 5 giugno.

Le partite sportive saranno consentite dal 30 giugno se le infezioni continueranno al livello attuale, con i ristoranti autorizzati a servire fino a 100 persone fino a mezzanotte.

Polonia

La Polonia ha riaperto i centri commerciali il 4 maggio, gli hotel dall’8 maggio e i ristoranti sono stati autorizzati a servire pasti all’aperto dal 15 maggio.

Cinema, teatri, sale da concerto e istituzioni culturali hanno aperto il 21 maggio, mentre ristoranti al coperto, impianti sportivi al coperto e piscine hanno riaperto con limitazioni di capacità il 28 maggio.

Dal 28 maggio sono stati consentiti eventi al chiuso come matrimoni con un massimo di 50 persone, mentre tutti gli studenti sono tornati a scuola il 31 maggio.

Qatar

Il Qatar solleverà gradualmente le restrizioni fino al 30 luglio.

Dal 28 maggio centri ricreativi e didattici, ristoranti, palestre, piscine e saloni possono operare a capienza limitata, ma resta in vigore il divieto di matrimoni, convegni e mostre.

Eventi sportivi locali e internazionali con tifosi completamente vaccinati possono essere organizzati in spazi aperti con una capacità del 30%.

Arabia Saudita

Il 17 maggio l’Arabia Saudita ha aperto le sue frontiere terrestri, marittime e aeree. A partire dal 20 maggio, i visitatori stranieri che arrivano in aereo dalla maggior parte dei paesi non devono più essere messi in quarantena se sono stati vaccinati.

Il 30 maggio è stato revocato il divieto per i viaggiatori provenienti da 11 paesi, tra cui Stati Uniti, Gran Bretagna, Francia e Giappone.

Secondo la televisione di stato, dal 27 maggio è stato consentito l’apertura dei luoghi di intrattenimento con una capacità del 40% per i vaccinati.

Corea del Sud

In Corea del Sud, da luglio non saranno più necessarie le mascherine da esterno per i vaccinati con almeno una dose di COVID-19. Anche le persone che hanno somministrato almeno una dose potranno riunirsi in numero maggiore a partire da giugno.

Spagna

Il coprifuoco è stato revocato in gran parte della Spagna il 9 maggio.

Dal 24 maggio ha consentito l’ingresso alle persone provenienti da paesi extra UE a basso rischio senza un test PCR negativo. Dal 7 giugno consentirà l’ingresso alle persone che sono state vaccinate da qualsiasi parte del mondo.

Sta valutando di allentare le regole per indossare le mascherine all’aperto a metà giugno.

tacchino

La Turchia ha iniziato ad allentare il blocco il 17 maggio consentendo il movimento diurno nei giorni feriali. Il lockdown del fine settimana sarà parzialmente revocato e il coprifuoco giornaliero posticipato di un’ora fino alle 22:00 del 2 giugno, con ristoranti aperti anche a un numero limitato di clienti.

Stati Uniti d’America

Il 3 maggio, per la prima volta dopo mesi, ai residenti di New York City è stato permesso di bere qualcosa in un bar al coperto, pochi giorni dopo che il sindaco Bill de Blasio aveva annunciato che la città avrebbe dovuto riaprire completamente il 1 luglio.

Il 3 maggio il governatore della Florida Ron DeSantis ha firmato un ordine esecutivo per porre fine a tutte le misure di emergenza locali.

New York, New Jersey e Connecticut hanno revocato la maggior parte delle restrizioni alla capacità commerciale, compresi i negozi al dettaglio e i servizi di ristorazione e le palestre, il 19 maggio.

New York City e Los Angeles hanno annunciato l’intenzione di riaprire completamente le scuole a partire da settembre.

La California solleverà la maggior parte dei limiti di capacità della folla rimanenti e i requisiti di distanza fisica il 15 giugno.

La Virginia prevede di revocare tutte le restrizioni il 15 giugno, ad eccezione del mandato della maschera, mentre il Minnesota prevede di rimuovere tutte le restrizioni entro il 1 luglio, o prima se il 70% della popolazione dello stato con più di 16 anni sarà vaccinato.

(Compilato da Vladimir Sadikov, Dagmarh Makos e Federica Urso; Montaggio di Mila Nessi e Bernadette Baum)

READ  I rappresentanti dell'ufficio hanno rivelato il padre del figlio di Jan