Amantea online

Le ultime notizie italiane tra cui notizie politiche, storie sportive, criminalità e titoli vaticani.

Ex consigliere di Trump interrogato sull’indagine sulla Russia dopo due anni di battaglia | Donald Trump

La Commissione Giustizia della Camera si prepara a interrogare a porte chiuse Don McGahn, ex consigliere della Casa Bianca di Donald Trump, venerdì, due anni dopo che i Democratici della Camera avevano originariamente richiesto la sua testimonianza nell’ambito delle indagini sull’ex presidente.

L’intervista tanto attesa è il risultato di un accordo raggiunto il mese scorso in tribunale federale. I Democratici della Camera stanno quindi indagando se Trump abbia tentato di ostacolare l’indagine del Dipartimento di Giustizia sui legami della sua campagna presidenziale con la Russia, che originariamente aveva intentato una causa dopo che McGahn aveva sfidato un mandato di comparizione emesso nell’aprile 2019. Agli ordini di Trump.

Quel mese, il Dipartimento di Giustizia ha pubblicato una versione rivista del rapporto del consigliere speciale Robert Mueller sulla questione. a il rapportoMueller non ha scagionato Trump dall’ostruzione alla giustizia, ma non ha nemmeno raccomandato la sua azione penale, citando la politica del Dipartimento di Giustizia contro l’incriminazione di un presidente in carica. Il Rapporto Mueller citato ampiamente da interviste con McGahn, Chi ha descritto molti casi per gli sforzi del presidente repubblicano per soffocare le indagini.

Mentre il comitato alla fine ha vinto la sua battaglia per la testimonianza di McGahn, l’accordo della corte garantisce quasi che i suoi membri non impareranno nulla di nuovo. Le due parti hanno convenuto che McGahn sarebbe stato interrogato solo sulle informazioni a lui attribuite nelle parti pubblicamente disponibili del rapporto Mueller.

Tuttavia, i Democratici della Camera hanno insistito nel caso, anche dopo la presidenza Trump, e stanno portando avanti l’intervista per dare l’esempio all’ex consigliere della Casa Bianca. Il presidente della commissione, Jerry Nadler, ha affermato che l’accordo sulla testimonianza di McGahn è un compromesso in buona fede che “soddisfa la nostra citazione in giudizio, protegge il dovere costituzionale della commissione di condurre una supervisione futura e protegge i poteri sensibili dell’esecutivo”.

Non è chiaro cosa faranno i Democratici alla Camera con la testimonianza, che hanno chiesto due volte prima del processo di impeachment di Trump, la prima per lo scandalo ucraino e la seconda dopo la ribellione del 6 gennaio. Entrambe le volte il Senato ha assolto Trump dalle accuse di impeachment.

In qualità di consigliere della Casa Bianca, McGahn aveva un punto di vista privilegiato sui numerosi episodi che Mueller e il suo team hanno esaminato per possibile ostruzione alla giustizia durante Russia Indagine. McGahn ha dimostrato di essere un testimone fondamentale e maledetto contro Trump, poiché il suo nome compare centinaia di volte nel testo del rapporto Mueller e nelle sue note.

McGahn ha descritto agli investigatori i ripetuti sforzi del presidente per soffocare le indagini e le direttive snervanti che ha detto di aver ricevuto dal presidente.

Ha raccontato come Trump abbia chiesto di chiamare Jeff Sessions, l’allora procuratore generale, per ordinargli di non prendere le distanze dalle indagini sulla Russia. McGahn ha anche affermato che Trump lo ha implorato di dire all’allora vice procuratore generale, Rod Rosenstein, di rimuovere Mueller dalla sua posizione a causa di un conflitto di interessi percepito, e dopo che l’incidente è stato riportato dai media, di negare pubblicamente e erroneamente la richiesta . da quando.

Il Dipartimento di Giustizia di Trump ha combattuto uno sforzo per far testimoniare McGahn, ma il giudice distrettuale degli Stati Uniti Kitangi Brown Jackson nel 2019 Ho respinto le argomentazioni di Trump che i suoi stretti consiglieri erano immuni da una convocazione del Congresso.

Joe Biden ha nominato Jackson alla Corte d’Appello di Washington.

READ  Una città portoghese che attira i turisti e promuove l'apertura di un enorme ponte pedonale