Amantea online

Le ultime notizie italiane tra cui notizie politiche, storie sportive, criminalità e titoli vaticani.

Draghi scommette su 261 miliardi di euro per ridisegnare l’economia italiana

(Bloomberg) – Il premier Mario Draghi ha solo pochi giorni per rivedere quello che definisce un piano “storico” per salvare l’economia italiana dalla pandemia e rimediare a debolezze strutturali di vecchia data, con 261,1 miliardi di euro (315,6 miliardi di dollari) dall’Europa principalmente da fondi dell’Unione Europea.

Il primo ministro parlerà alla Camera dei rappresentanti martedì mattina e parlerà al Senato questo pomeriggio, un giorno dopo che il suo piano è stato svelato. Si prevede che una riunione di gabinetto mercoledì o giovedì dia l’approvazione finale prima che la proposta italiana venga inviata a Bruxelles entro la scadenza del 30 aprile.

Molto dipende dal successo del piano. Rovescerebbe le fortune dell’economia che è stata a lungo considerata come il potenziale punto zero per le principali crisi europee, poiché il governo stima che i guadagni imprevisti da sovvenzioni e prestiti principalmente europei aumenteranno la produzione economica di circa il 3,6% entro il 2026. Secondo Bloomberg Economics, la Banca Centrale, che ha sostenuto le obbligazioni italiane Con stimoli senza precedenti, potrebbe significare porre fine a tale supporto prima di quanto previsto attualmente.

La Germania e la Francia, i due paesi chiave nella creazione del pacchetto di stimolo, presenteranno congiuntamente i loro piani martedì alle 14:30 CET.

Circa il 40% dei finanziamenti italiani sarà assegnato a progetti verdi e il 25% a progetti digitali, con priorità tra cui infrastrutture e treni ad alta velocità.

Il pacchetto messo in atto da Draghi, l’ex capo della Banca centrale europea a capo di un’ampia coalizione, va ad aggiungersi agli oltre 170 miliardi di euro approvati come stimolo economico dall’inizio della pandemia dello scorso anno.

READ  Se l'oro è superiore a $ 1.827 entro giugno, i prezzi sono tornati ai massimi storici - Vecchio DailyFX

“Le misure proposte nel piano di spesa hanno lo scopo di aumentare il potenziale di offerta a lungo termine dell’economia”, ha scritto in una nota David Powell, capo economista della zona euro presso Bloomberg Economics. “Il vantaggio dipenderà dall’efficienza con cui viene implementato”.

I problemi per l’Italia includono il suo enorme debito, che salirà a quasi il 160% della produzione economica a causa della spesa extra. Il debito rappresenta una minaccia a lungo termine per il paese, così come per l’Unione europea, e molti economisti concordano sul fatto che l’unica soluzione a questo punto è cercare di uscirne. Non è un compito facile per un’economia che ha perso il 9% lo scorso anno.

Al momento l’Italia è protetta anche dall’acquisto di obbligazioni della BCE che rendono gestibile il costo del debito. Una forte ripresa in Italia dovrebbe ridurre i rischi quando la Banca Centrale Europea terminerà i suoi acquisti di asset.

Tra le società destinate a ottenere il massimo dal piano Draghi ci sono società di tecnologia, comunicazioni, servizi di pubblica utilità e infrastrutture, ha affermato Mediobanca in una nota. Il broker ha affermato che l’accelerazione della transizione energetica è “chiaramente positiva” per le utilities, in particolare per le aziende più esposte alle energie rinnovabili, ai modelli dell’idrogeno e all’economia circolare tra cui Enel, Snam, Prysmian, Hera ed ERG.

Gli investimenti previsti vanno da circa 6 miliardi di euro per reti di comunicazione ad alta velocità e 750 milioni di euro per progetti industriali ad alta tecnologia, compresa la produzione di semiconduttori, per mirare a coprire tutta la domanda di energia dalle auto elettroniche costruendo più di 3,4 milioni di stazioni di ricarica.

READ  Mappatura dell'economia globale: la visione delle banche centrali tiene la linea

Lunedì Draghi ha dichiarato ai legislatori che più della metà degli investimenti infrastrutturali, in particolare per i treni e i porti ad alta velocità, andrà alle regioni meridionali colpite.

“Non è una questione di vedute ristrette: se cresce il sud, cresce anche l’Italia”, ha detto.

Gli investimenti sono accompagnati da riforme strutturali su larga scala per ridurre la burocrazia e accelerare il lento sistema legale, che è spesso fonte di incertezza per gli investitori stranieri.

© 2021 Bloomberg LP