Amantea online

Le ultime notizie italiane tra cui notizie politiche, storie sportive, criminalità e titoli vaticani.

Divertente storia di Italia 90 di Chris Waddill, che ha disegnato ‘Short Straw’ con Paul Casco.

Chris Wade dello United nell’ex Inghilterra e Newcastle ha ammesso di aver tirato la ‘paglia corta’ quando l’Italia ha schiaffeggiato Paul Casco negli anni ’90.

È stata una partita memorabile per i tre Leoni, con la squadra di Sir Bobby Robson che ha perso in finale dopo un’umiliante sconfitta al tiro contro la Germania Ovest.

Leggi di più: Inghilterra vs Germania in diretta: prime notizie sulla squadra e aggiornamenti su Wembley

Lo strappo della semifinale a Gaza a Torino si è trasformato in uno dei momenti limitati della partita, con Stuart Pierce e Wattle assenti dal punto della sconfitta in semifinale.

L’ala ha riflettuto sui suoi ricordi dell’Italia 90 in vista dell’ultimo scontro a eliminazione diretta tra Inghilterra e Germania martedì sera.

Pur riconoscendo di essere un buon amico di Gascoigne, Wade mantiene aperta l’esperienza impegnativa della stanza con il “fascio di energia”.

lui Ha detto Bedway : “Ho preso la paglia corta e ho schiaffeggiato Gaza.

“Amo Paul, stiamo migliorando, ma è un pagliaccio. Abbiamo sempre cercato di dirgli che poteva o non poteva farlo, ma non importava chi lo avesse fatto, chi glielo avesse detto.

“È un concentrato di energia. Si alza alle 6 o alle 7 del mattino, esce alle porte del cortile e fa 20 lunghe nuotate, poi si allena e nel pomeriggio ping pong, e va in giro alle 11 di sera.

“Ho sempre dovuto spegnere le luci e spegnere il tele. Continuò così com’era. “

La squadra di Gareth Southgate farà la storia contro i suoi rivali storici e registrerà un posto contro Svezia o Ucraina nei quarti di finale.

READ  Rinviati i test Afri-Italia | l'araldo

I Tre Leoni hanno vissuto una rinascita negli ultimi anni, innescata da un’inaspettata corsa alle semifinali della Coppa del Mondo 2018.

Wade è incoraggiato dalla solidarietà mostrata dalla squadra di 26 uomini di Southgate e crede che sia necessaria una mentalità di squadra positiva per gestire il calcio competitivo.

Ha aggiunto: “La fusione è enorme.

“Nel 1990 eravamo a sette settimane di distanza. Ci vuole molta forza mentale. Eravamo sotto chiave. Ci deve essere sicurezza ovunque tu vada.

“Sei sull’autobus per l’allenamento, sull’autobus per l’hotel, di nuovo in camera o al ristorante, è praticamente tutto.

“Ma l’amicizia è stata brillante.”