Amantea online

Le ultime notizie italiane tra cui notizie politiche, storie sportive, criminalità e titoli vaticani.

COVID-19: l’Agenzia per la sanità pubblica segnala un forte aumento dei casi confermati di variante Delta in Canada

Il numero di casi confermati di COVID-19 attribuiti alla variante delta altamente contagiosa è aumentato del 66% in Canada questa settimana.

Il principale funzionario della sanità pubblica canadese, la dottoressa Theresa Tam, ha affermato che a partire da venerdì ci sono poco più di 2.000 casi confermati di questo tipo.

Solo tre giorni fa, Public Health Canada ha dichiarato alla stampa che c’erano 1.187 casi confermati.

“Alternative Delta ora esiste in tutte le contee e almeno in uno dei nostri territori”, ha detto Tam al comitato sanitario della Camera dei Comuni.

“Naturalmente, come per tutti i casi di coronavirus, potremmo non conoscere tutti i casi verificatisi in Canada, da qui il mio avvertimento di cautela e la necessità di ottenere due dosi del vaccino per il maggior numero possibile di persone”.

Leggi di più: Il funzionario dell’OMS afferma che la variante delta COVID-19 è diventata il ceppo dominante a livello globale

La variante è stata identificata per la prima volta in India, ma ora è il ceppo dominante nel Regno Unito, dove si diffonde rapidamente, soprattutto tra le persone non vaccinate.

La storia continua sotto l’annuncio

Si ritiene che sia almeno 1,5 volte più infettivo della variante alfa identificata per la prima volta nel Regno Unito, l’alfa, per il momento, è la variante predominante in Canada, con oltre 216.000 casi confermati.

Public Health England ha riferito venerdì che il numero di casi confermati di Delta nel Regno Unito è cresciuto dell’80% nell’ultima settimana, arrivando a quasi 76.000. Il primo ministro britannico Boris Johnson è stato costretto a ritardare i piani per eliminare completamente tutte le restrizioni sulla salute pubblica. settimana, con il piano per mantenere le restrizioni finali in vigore per almeno un altro mese.


Clicca per riprodurre il video:



Il tasso di vaccinazione contro il COVID-19 in Canada sta iniziando a stabilizzarsi


Il tasso di vaccinazione contro il COVID-19 in Canada sta iniziando a stabilizzarsi
READ  Lo studio suggerisce che Pfizer e AstraZeneca stanno impedendo a COVID-19 di entrare negli ospedali di tipo Delta in Gran Bretagna

Tam dice che l’alternativa è preoccupante perché una dose del vaccino non è efficace contro di essa e sottolinea la necessità del Canada di continuare ad accelerare le seconde dosi.

Leggi di più: COVID-19: le misure di sanità pubblica dell’Alberta termineranno il 1 luglio

Si ritiene che due dosi dei vaccini utilizzati dal Canada forniscano un’ottima protezione contro il Delta, e anche una singola dose è risultata efficace nel prevenire malattie gravi.

La storia continua sotto l’annuncio

Tutte le province avvertono della presenza di un delta. Si ritiene che sia un importante fattore di focolaio nella prima nazione di Cashchuan nel nord dell’Ontario, implicato nell’epidemia in un ospedale di Calgary e preoccupa i funzionari sanitari a Waterloo, nell’Ont. individuare.

Leggi di più: La variante Delta del COVID-19 si diffonde all’interno di un ospedale di Calgary; 16 casi legati a due focolai

Guarda di seguito: alcuni video di Global News sull’epidemia di COVID-19 che ha coinvolto la variante Delta in un ospedale di Calgary.

Tuttavia, i dati sulla variante in Canada sono limitati e non sono ancora stati aggiunti al sito Web di Health Canada che riporta casi di varianti. Solo Alpha e Beta (variante B. 1.351 identificata in Sud Africa e Gamma (variante P. 1 identificata per la prima volta in Brasile) sono elencate sul sito canadese.

La storia continua sotto l’annuncio

Questo sito non ha inoltre modificato i nomi per utilizzare l’alfabeto greco che ora è preferito dall’Organizzazione mondiale della sanità. Una portavoce di Health Canada ha detto alla stampa canadese all’inizio di giugno che Delta sarebbe stata aggiunta nelle “prossime settimane”.

Alla domanda di nuovo questa settimana, è stata data la stessa risposta.

Il dottor Howard Ngo, vicepresidente della sanità pubblica, ha affermato che raccogliere dati sulla variante non è stato facile e ci sono ritardi nelle segnalazioni.

“Ci sono chiaramente alcuni problemi su cui dobbiamo lavorare”, ha detto, osservando che “potrebbero esserci più casi” di quelli che abbiamo visto nei rapporti.

Ha detto, tuttavia, che i dati provinciali e territoriali indicano che la maggior parte dei casi Delta sono stati riscontrati in persone che non sono state vaccinate.


© 2021 Stampa canadese