Amantea online

Le ultime notizie italiane tra cui notizie politiche, storie sportive, criminalità e titoli vaticani.

COVID-19: affaticamento e disturbi dell’umore associati alla sindrome post-COVID-19

Edmonton – I pazienti con diagnosi di sindrome post-COVID-19, o il cosiddetto COVID-19 “ a lunga distanza ”, possono presentare sintomi come disturbi dell’umore, affaticamento e deterioramento cognitivo che possono rendere difficile il ritorno alla normalità vita, secondo uno studio recente.

Lo studio della Mayo Clinic, Pubblicato mercoledì, Ha scoperto che la stanchezza era il sintomo più comune riportato nei pazienti in trattamento per la sindrome post-COVID-19. Di quelli studiati, l’80% ha riportato una stanchezza insolita, il 59% ha avuto disturbi respiratori e una percentuale simile ha avuto disturbi neurologici.

Secondo lo studio, che include i risultati dei primi 100 pazienti che hanno partecipato al programma di riabilitazione dell’attività COVID-19 della Mayo Clinic, che valuta e tratta la sindrome post-COVID-19, più di un terzo dei pazienti ha affermato che era difficile. Per svolgere le attività quotidiane di base, solo un paziente su tre aveva ripreso le sue solite mansioni al lavoro.

“La maggior parte dei pazienti con cui abbiamo lavorato richiederebbe terapia fisica, terapia occupazionale o riabilitazione cerebrale per affrontare il deterioramento cognitivo percepito”, ha detto in un comunicato stampa Greg Vanishkachorn, direttore medico di CARP e primo autore dello studio.

“Mentre molti pazienti soffrivano di esaurimento, più della metà di loro ha anche riferito problemi di pensiero, noti come” nebbia cerebrale “. Più di un terzo dei pazienti ha avuto problemi con le attività della vita di base. Molti di loro non sono stati in grado di riprendere le loro normali attività. vive almeno per diversi mesi “.

I pazienti partecipanti allo studio sono stati valutati e trattati tra il 1 giugno e il 31 dicembre 2020 e sono stati valutati in media 93 giorni dopo aver contratto COVID-19. L’età media dei partecipanti era di 45 anni.

READ  Fraser Health ospita una clinica di vaccinazione "mirata" a Surrey gurdwara - Surrey Now-Leader

La maggior parte dei pazienti nello studio non aveva casi preesistenti prima di contrarre COVID-19 e molti di loro non presentavano sintomi di COVID-19 sufficientemente gravi da richiedere il ricovero in ospedale.

“La maggior parte dei pazienti aveva risultati di laboratorio e di imaging normali o non diagnostici, sebbene apparissero sintomi debilitanti. Questo è tra le sfide della diagnosi. [post-COVID-19 syndrome] “Al momento giusto, quindi rispondere in modo efficace”, ha detto Vanichkachorn.

Il cosiddetto COVID-19 a lunga distanza ha parlato degli effetti a lungo termine della malattia sulla salute sin dai primi giorni della pandemia, e un crescente corpo di ricerca sta indicando quanto possono essere i sintomi post-COVID-19. Sugli ammalati.

Una revisione di nove studi a lungo termine pubblicati su Nature Medicine a marzo ha esaminato la frequenza dei sintomi tra le persone che perseguono lunghe distanze. Il più comune di loro è la stanchezzaMancanza di respiro, ansia, depressione e disturbo da stress post-traumatico.

Tre studi condotti in Francia, Gran Bretagna e Cina hanno dimostrato che tra il 25 e il 30% dei pazienti ha riportato disturbi del sonno settimane dopo il recupero da COVID-19. E in un gruppo di 402 sopravvissuti in Italia che sono stati ricoverati in ospedale a causa di COVID-19, il 56% è risultato positivo per almeno una condizione mentale come PTSD, depressione o ansia.

Alcuni vettori a lungo raggio hanno segnalato COVID-19 I sintomi migliorano Dopo la vaccinazione, ma i ricercatori stanno ancora chiedendo ulteriori ricerche sugli effetti a lungo termine della malattia.

Vanichkachorn ha detto: “Mentre l’epidemia continua, ci aspettiamo di vedere più pazienti con sintomi molto tempo dopo l’infezione e gli operatori sanitari devono prepararsi a questo, sapere cosa cercare e conoscere il modo migliore per soddisfare le esigenze dei loro pazienti. ” .

READ  COVID-19: sei paesi allentano le restrizioni sui membri della band mentre i casi attivi scendono a zero - Hamilton