Amantea online

Le ultime notizie italiane tra cui notizie politiche, storie sportive, criminalità e titoli vaticani.

Come Deng Xiaoping ha messo la Cina sulla strada del dominio mondiale

Questo pezzo fa parte di una nuova serie in associazione con Saturday Extra della ABC. Ogni settimana, il programma includerà un quiz “Chi sono io” per gli ascoltatori sugli influencer che hanno contribuito a plasmare il XX secolo e pubblicheremo i profili per ciascuno. Potete leggere le altre parti della serie qui.


Deng Xiaoping può affermare di essere il leader politico più importante della seconda parte del ventesimo secolo, la cui eredità continua ad espandersi.

Il suo record è meraviglioso.

Si può almeno sostenere, se non con certezza, che se non fosse stato per la forza di carattere e la volontà di Deng di assumersi rischi politici, la Cina nel 1978 non avrebbe intrapreso un processo accelerato di sviluppo economico.

Se l’economia cinese non raggiunge Incredibili tassi di crescita economica Con una media del 10% all’anno nei decenni successivi alla rinascita politica di Deng nel 1977, il mondo sarebbe un posto molto diverso.

In altre parole, un uomo di piccola taglia – difficilmente 1,5 metri di lunghezza Ha avuto un grande impatto sulla storia dell’economia mondiale.

Il leader sovietico Mikhail Gorbaciov incontrò Deng Xiaoping a Pechino alla vigilia della repressione di Piazza Tienanmen nel 1989.
Boris Yurchenko/AFP

L’ascesa, la caduta e la resurrezione di Deng

È nato in una famiglia di proprietari terrieri Nella provincia del Sichuan nel 1904, Deng avanzò gradualmente attraverso la gerarchia comunista cinese come un marxista-leninista impegnato, un rigoroso leader sul campo e un commissario politico.

Forse Mao Zedong ha prevalso in Una sanguinosa guerra rivoluzionaria contro i nazionalistiMa una volta fu il figliastro a spingere un paese con un quarto della popolazione mondiale in una nuova era.

Deng Xiaoping in visita a una fabbrica a Wuhan nel 1958.
Wikimedia Commons

La storia sarà più gentile con Deng che con Mao, che ha portato grande dolore al suo paese in campagne politiche molto distruttive, culminate nella Rivoluzione culturale dal 1966 al 1976.

Lo stesso Deng fu vittima di queste campagne. È stato tenuto lontano dalla leadership cinese all’inizio della Rivoluzione Culturale fino a quando non è stato riabilitato nel 1973 dal suo mecenate, l’allora primo ministro Zhou Enlai. Fu epurato una seconda volta dopo la morte di Chu nel 1976.

READ  L'economia canadese ha perso 207.000 posti di lavoro il mese scorso

Mao morì poco dopo la morte di Zhou e Arresto di ausiliari maoisti conosciuti come la “Banda dei quattro” Ha permesso a Deng di affermarsi in una serie di sorprendenti manovre politiche che hanno governato una linea in anni di sconvolgimenti rivoluzionari.



Leggi tutto: Cultura, libertà di espressione e celebrazione della caduta di Maoo


Essere ricchi è una cosa gloriosa

Deng era senza dubbio una figura autoritaria che credeva nel potere assoluto del Partito Comunista Cinese. La sua eredità sarà contaminata per sempre dalla sua autorizzazione a usare la forza contro Manifestanti pro-democrazia in piazza Tiananmen Nel 1989, si ritiene che centinaia di persone siano morte e molte altre siano state imprigionate.

Senza giustificare gli eccessi della repressione di Tiananmen, l’intero contributo di Deng alla transizione del suo paese dal Economicamente in ritardo rispetto alla moderna superpotenza Non può essere sopravvalutato.

Gli straordinari successi di Deng sono troppi per essere elencati qui, ma tre date spiccano nei suoi sforzi per impostare il suo Paese su una strada”.riforma e apertura“.

Il fatto che abbia usato due parole – riforma e apertura – riassume il suo approccio nel strappare il suo paese dal suo passato rivoluzionario per tracciare un’altra rotta.

Queste date sono:

1978: L’insalata di Deng si è manifestata in Terza Sessione Plenaria dell’Undicesimo Comitato Centrale del Partito Comunista Cinese.

Nella moderna storia cinese, questo evento è visto come un trampolino di lancio per le massicce trasformazioni che avrebbero indebolito l’economia cinese e svelato quella che era conosciuta come la “cortina di bambù” che la proteggeva dal mondo esterno.



Per saperne di più: Il Partito Comunista afferma di aver portato prosperità e uguaglianza in Cina. Questo è il vero effetto della sua base


1980: In un discorso il cui significato a volte si perde nei resoconti storici, Ding ha messo “grandi compitiaffrontando la Cina negli ultimi due decenni del ventesimo secolo e oltre.

Tra questi compiti c’era Quadruplicazione del prodotto nazionale lordo entro il 2000, un’ambizione che è stata derisa in un primo momento. Con le riforme avviate da Deng, che includevano l’abolizione del carattere collettivo dell’agricoltura e lo scatenamento della classe imprenditoriale, la Cina ha raggiunto questo obiettivo in una barca.

1992: Ding, allora novantenne e in cattive condizioni di salute, ha intrapreso quello che è stato descritto come un Nanxun, o il giro di ispezione del sud, dove ha rivitalizzato il processo di riforma dopo essere caduto in stagnazione dopo Tiananmen.

Le ripercussioni del massacro includevano l’epurazione del leader riformista Zhao Ziyang, che era segretario generale del Partito Comunista ed ex primo ministro. Uno spietato Ding ha scelto di non proteggere il suo discepolo.

Gli storici potrebbero arrivare a considerare Ding Nanxun Non solo la sua ultima carriera, ma il suo contributo più duraturo al crescente potere e influenza della Cina.

Deng Xiaoping ha incontrato i delegati del Comitato Centrale del Partito Comunista a Pechino nel 1992.
AP

In tutto questo, è importante ricordare che nel 1978 l’economia cinese era sull’orlo del Stessa taglia dell’Italia. Nel 2021, l’economia cinese basata sul PIL nominale è la seconda più grande al mondo dopo gli Stati Uniti e dovrebbe superare gli Stati Uniti nei prossimi anni. Allo stesso tempo, la Cina ha fatto uscire dalla povertà 800 milioni di persone. Mai prima d’ora nella storia umana abbiamo visto qualcosa di simile.

Naturalmente, Deng non ha ottenuto tutto questo da solo, ma è stato disposto ad abbracciare ciò che Mao ha cercato di sopprimere con il desiderio di mantenere il controllo del Partito e del paese. Questa era la straordinaria energia e progetti del popolo cinese.

I vari slogan di Ding, come “Essere ricchi è una cosa gloriosa“Ho catturato il momento e ho davvero aiutato a liberare il pieno potenziale del popolo cinese.

Deng è celebrato oggi in Cina come il principale artefice della riforma e dell’apertura del Paese.
Shi Dong Hong / Afp

Non era più previsto

Niente di tutto ciò indica che l’eredità di Deng non sarà turbolenta, o che il potere e l’influenza crescenti della Cina continueranno a crescere senza ostacoli.

La trasformazione economica in corso del paese assomiglia a un atto di alto profilo poiché la leadership cinese cerca di mantenere un punto d’appoggio in un mondo in mutamento mentre il potere americano declina. L’economia cinese è ancora lontana dal raggiungere la fase di stabilizzazione in cui la domanda dei consumatori fornisce un cuscinetto contro gli alti e bassi dei mercati di esportazione. Sono tempi duri per la leadership del dopo Deng a Pechino.

Ding stesso potrebbe essere sembrato confuso quando è apparso A. Culto della personalità attorno al leader supremo Xi Jinping. Nel suo discorso “Grandi compiti” nel 1980, Deng ha messo in guardia contro questo stesso sviluppo.

Questo è nato dalle sue esperienze per mano del tirannico Mao. In quel discorso, Deng ha sottolineato la leadership collettiva nella consapevolezza che il potere illimitato corrompe.



Per saperne di più: Il mondo ha difficoltà a fidarsi della Cina. Ma è davvero interessato?


Quello che certamente rimane è il consiglio di Deng che la Cina dovrebbe “mantenere un basso profilo” o “mantenere il proprio tempo” – Tao Guang Yang Hui Con la crescita del suo potere e della sua influenza. L’uso della frase è stato variamente interpretato nel corso degli anni sia come un avvertimento da parte di Deng che la Cina dovrebbe evitare di gettare il suo peso dietro, sia come un trucco in cui Pechino raccoglie furtivamente il suo potere senza renderlo troppo ovvio.

Sotto il marchio cinese del nazionalismo cinese, il Tao Guang Yang Hui La politica viene ignorata. Questo potrebbe essere inevitabile man mano che la Cina diventa più potente, ma è almeno possibile discutere se l’astuto Deng Xiaoping sarebbe d’accordo su un approccio che rischia di alienarsi gran parte del resto del mondo.