Amantea online

Le ultime notizie italiane tra cui notizie politiche, storie sportive, criminalità e titoli vaticani.

Bruciare all’aperto vietato in tutta la Columbia Britannica prima del caldo intenso hot

Il BC Wildfire Service afferma che niente di più grande di un falò sarà consentito da mezzogiorno di venerdì in tutta la contea poiché sono previste temperature torride questo fine settimana.

Sarah Hall, responsabile dell’informazione antincendio, ha affermato che il servizio antincendio forestale sta monitorando da vicino il maltempo in tutta la contea.

“Ciò ha portato a una tendenza all’essiccazione che processa o disidrata il nostro carburante e che aumenta quanto sia infiammabile il materiale e la velocità con cui questi materiali si accendono”, ha detto Hall a CBC News giovedì.

“Tutte le stazioni dei vigili del fuoco in tutta la contea avranno divieti di combustione all’aperto di categoria 2 e 3, quindi non c’è niente di più grande dei fuochi da campo in questo momento”.

I fuochi da campo sono limitati a non più di 0,5 metri di larghezza e altezza, e Hall ha detto che le persone dovrebbero costruire uno scudo antincendio attorno al fuoco e assicurarsi che sia completamente spento e fresco prima di lasciare l’area per qualsiasi motivo.

Ha detto che ci sono abbastanza vigili del fuoco disponibili per affrontare la situazione attuale e ciò che si aspetta il servizio antincendio.

Hall ha spiegato: “Gli equipaggi sono tornati dal Quebec oggi. Abbiamo una seconda ondata di ritorno domani, inoltre anche gli altri nostri equipaggi provengono dall’Ontario”.

READ  Le autorità cinesi sgombrano e indagano sulle vibrazioni dei grattacieli

Hall ha affermato che le persone dovrebbero essere consapevoli delle restrizioni nelle giurisdizioni locali.

Ha detto che il tipo di temperature estreme nella Columbia Britannica, con previsioni fino agli anni ’40 in alcune aree, si osservano in genere a luglio e agosto e ha avvertito le persone di stare molto attenti quando si dirige verso l’entroterra.

Il BC Wildfire Service afferma che il 40% degli incendi nella Columbia Britannica sono causati dall’uomo e quindi prevenibili.